Woody Allen

Commedia

Woody Allen Zelig


1983 » RECENSIONE | Commedia | RE-VISIONE
Con Woody Allen, Mia Farrow



30/06/2021 di Claudio Mariani
Quando il titolo, o il nome del protagonista di un film, travalica i confini stessi della pellicola, allora vuol dire che è successo qualcosa di grosso, spesso importante. Siamo pieni di esempi di protagonisti entrati nel lessico culturale, in parte come conseguenza del successo e quindi della componente commerciale della pellicola, altre volte, in relazione al valore intrinseco dell'opera e il fatto che la stessa agisca quasi nel sottobosco culturale. Con Zelig ci troviamo di fronte alla seconda casistica. Il significato corrente del termine mutuato dal film spiega in gran parte la trama: dicasi uno “Zelig” colui che patologicamente desidera talmente tanto compiacere gli altri da stravolgere il proprio pensiero, e non solo. Il termine più vicino nella nostra cultura potrebbe essere quello di “voltagabbana”, ma per questo nello specifico l’associazione della ricerca del vantaggio personale è forte. Il Leonard Zelig del film invece, è una persona che si trasforma al contatto con gli altri, non solo mentalmente, ma anche fisicamente. Questa ossessione per il conformismo, qui trasfigurata con quel tocco di fantasia, secondo il regista è metafora della predisposizione al fascismo. Un’idea, assolutamente geniale, che costituisce il 40% della riuscita del film stesso. L’altro 60% è dato dalla realizzazione tecnica: Allen decide di girare il tutto sottoforma di documentario, di cinegiornale, e riesce a farlo egregiamente, attraverso il direttore della fotografia, qua uno straordinario Gordon Willis, e grazie anche ad un lunghissimo lavoro di ricerca negli archivi, visto che la storia è ambientata negli Stati Uniti a cavallo tra gli anni ’20 e i ’30 del Novecento. Anche se oggi sarebbe ordinaria amministrazione, quarant’anni fa inserire il viso di Allen nelle foto o nei filmati d’epoca, non fu affatto facile. E poi il montaggio, fantastico. Tutte idee che Allen aveva già maturato e in parte proposto in episodi precedenti, ma mai in maniera così organica (vedere soprattutto l’esordio con Prendi i soldi e scappa).

Insomma…per certi versi una rivoluzione per il mondo della celluloide!

Altra particolarità: il film fu girato, con grandissimo impiego di forze soprattutto mentali, assieme a Una commedia sexy in una notte di mezza estate, e i due film furono anche il doppio esordio di Mia Farrow con il regista newyorkese. Uno ottenne scarso successo di pubblico e critica, l’altro (Zelig) un buon successo di pubblico e ottimo successo di critica.

In questa breve pellicola, una serie di trovate geniali si susseguono: dalla danza del camaleonte, dalle interviste con Sontag e Bellow (quindi personaggi pubblici veri), dal mischiare materiale vero a quello falso, l’utilizzo di vecchi macchinari per girare, le interviste a sconosciuti non professionisti, l’uso delle luci, e così via. Il tutto per giungere all’obbiettivo: la creatura perfetta.

E così è, Zelig, una creatura perfetta fatta di vari pezzetti, una sorta di moderno Prometeo. Una creatura, che al pari del protagonista della novella di Mary Shelley, fu lunga e difficile da partorire, a fronte di una scrittura invece facile e veloce.

Come sempre, Allen non si sbilancia mai, non esalta la pellicola, ma, a differenza di molte altre sue opere, non si trovano accenni a cose che a posteriori cambierebbe o rifarebbe. Questo “silenzio” è importante, magari sotto sotto lo trova perfetto, o quanto meno privo di errori o in parte incompiuto. Un film che anche la gente e la critica ama, e col tempo non perde il suo smalto. Probabilmente con quest’opera del 1983, Allen trovò il film “definitivo” del genere…quale genere? Genere Zelig, naturalmente!


Woody Allen Altri articoli

Woody Allen Anything else

2003 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Rifkin`s Festival

2020 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Interiors

1978 Drammatico
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Criminali da strapazzo

2000 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Una commedia sexy in una notte di mezza estate

1982 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Stardust Memories

1980 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Amore e guerra

1975 Comico
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Il dormiglione

1973 Comico
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Settembre

1987 Drammatico
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Un giorno di pioggia a New York

2019 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Manhattan

1979 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Harry a pezzi

1997 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Il dittatore dello stato libero di Bananas

1971 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Alice

1990 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Mariti e mogli

1992 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Pallottole su Broadway

1994 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Crimini e misfatti

1989 Drammatico
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen La ruota delle meraviglie

2017 Drammatico
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Crisis in six scenes (miniserie Amazon)

2016 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Irrational Man

2015 Thriller
recensione di Corrado Ori Tanzi

Woody Allen Radio days

1987 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Blue Jasmine

2013 Drammatico
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Broadway Danny Rose

1984 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen To Rome whit love

2012 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Midnight in Paris

2011 Commedia
recensione di Paolo D´Alessandro

Woody Allen INCONTRERAI L'UOMO DEI TUOI SOGNI

2010 commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen HANNAH E LE SUE SORELLE

1986 commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen BASTA CHE FUNZIONI

2009 commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen PRENDI I SOLDI E SCAPPA

1969 commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen VICKY CRISTINA BARCELONA

2008 commedia, drammatico
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen UN'ALTRA DONNA

1988 Drammatico
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen SOGNI E DELITTI

2007 Drammatico, Thriller
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen IO & ANNIE

1977 Commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen SCOOP

2006 commedia
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen MATCH POINT

2005 Drammatico
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen MELINDA E MELINDA

2004 commedia/drammatico
recensione di Claudio Mariani

Woody Allen Hollywood ending

2002 Commedia
recensione di Claudio Mariani