Villa inferno<small></small>
Italiana

The Zen Circus Villa inferno

2008 - Unhip Records

11/03/2008 di Vito Sartor

#The Zen Circus#Italiana

I pisani Zen Circus sono giunti al loro quarto album, intitolato “Villa Inferno” e licenziato dalla Unhip Records.
“Villa Inferno” non è altro che la dichiarazione di un credo musicale, direttamente collegata a un battesimo rock iniziato anni or sono: oggi il padrino della band si chiama Brian Ritchie, uno zio gigante e buono che ha preso le redini in sede di produzione ed esecuzione, ha trasmesso delle lezioni di stile a cui i tre si sono affidati completamente, seguendo sia la linea della scuola “old folk punk”, sia quella della condivisione con altri musicisti (tra cui Giorgio Canali e Jerry Harrison dei Talking Heads) che in un modo e nell’altro hanno apportato un contributo sostanziale al lavoro.
Il disco come in passato si presenta forte di un carattere poliglotta: viene cantato in inglese, italiano, serbo e francese. Rimane impressa la melodia di “Les Tantes De La Dimanche”, lingua usata da Appino con grande dimestichezza, così come la versione in un serbo naturale di “Narodna Pjesma” che riscopre le origini popolar-slave del cantante in questione.
Crudezza a raffinatezza paiono andare a braccetto in questo disco, si passa da un rock cantautorale di “Figlio di Puttana” (la somiglianza con il Gaetano nazionale è impressionante, ma si lascia cantare molto volentieri) al pop-punk “surfeggiante” e sexy di “Punk Lullaby” (con la partecipazione di Kelly e Kim Deal) fino alla rievocazione “clashiana” di “Beat The Drum”.
“Villa Inferno” risulta un album scritto a più mani in cui le idee a tratti sembrano seguire una linea guida ben marcata: ritroviamo sì gli Zen Circus di sempre, mattacchioni ma stavolta più concentrati ed attenti a concelebrare gli amori del rock in maniera spudorata e passionale. Di certo non c’è nulla di male nel professare il credo del dio-rock; quello di cui siamo seriamente convinti è che il risultato è riuscito, le aspettative sono state raggiunte in poco tempo, la qualità è ottima e soprattutto il trio dimostra di avere lunga vita.

Track List

  • Dead Penfriend|
  • Wild Wild Life|
  • Beat The Drum|
  • Punk Lullaby|
  • Dirty Feet|
  • Figlio Di Puttana|
  • Like A Girl Never Would|
  • Narodna Pjesma|
  • He Was Robert Zimmerman|
  • Vana Gloria|
  • Oh, The River!|
  • Vent´anni|
  • Les Tantes De La Dimanche

Articoli Collegati

The Zen Circus

Intervista 03/12/2020

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

L`ultima casa accogliente

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Special 17/09/2019

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 05/07/2019

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Special 14/02/2019

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Vivi si muore – 1999 - 2019

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 04/05/2018

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Intervista 04/05/2018

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Il fuoco in una stanza

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 21/07/2017

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 02/12/2016

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Intervista 28/09/2016

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

La terza guerra mondiale

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 06/03/2015

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 11/04/2014

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Canzoni contro la natura

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 24/01/2014

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 14/07/2013

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Nati per subire

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 16/10/2009

Recensione di Vito Sartor

The Zen Circus

Andate Tutti Affanculo

Recensione di Vito Sartor

The Zen Circus

Live Report del 28/02/2008

Recensione di Vito Sartor

The Zen Circus

Vita e opinioni di nello scarpellini, gentiluomo

Recensione di Christian Verzeletti

The Zen Circus

Intervista 13/04/2004

Recensione di Christian Verzeletti

The Zen Circus

Doctor seduction

Recensione di Christian Verzeletti