Doctor seduction<small></small>
Italiana

The Zen Circus Doctor seduction

2004 - Le Parc Music / Linfa / Self

18/03/2004 di Christian Verzeletti

#The Zen Circus#Italiana

Il rock’n’roll è seduzione, è infatuazione, è conversione. Lo sanno coloro che lo denigrano (ancora!) perchè pericoloso, coloro che lo riducono ad un gioco e coloro che lo prendono sul serio come un’opera d’arte. Chi più chi meno, ognuno a suo modo, rispondiamo alla sua forza, attratti ciascuno da distinte pulsioni.
Gli Zen Circus non vi si sottraggono, anzi, vi si buttano fino a farsi coinvolgere in toto, mente e corpo.
“Doctor seduction” è il loro terzo disco: è evidente il richiamo al potere di una musica, di un suono, che è contemporaneamente salvezza e rovina, purezza e peccato. Rock e pop, direbbe qualcuno, amante dei generi e degli schemi.
La musica degli Zen Circus è tutto questo, ovvero rock’n’roll. Se si vanno a riascoltare le prove precedenti della band pisana si noterà come l’approccio da strada sia evoluto, come il folk e il punk siano maturati, anzi, liberati. “Doctor seduction” è un disco liberato e liberatorio.
Il titolo rimanda ad una scritta intravista dall’autostrada, che campeggiava su un’affascinante edificio rivelatosi di proprietà di un fantomatico “venditore”. Eppure “Doctor seduction” non è un bluff e gli Zen Circus non sono un’illusione: sono una realtà che meriterebbe considerazione più di tanti gruppi, anche stranieri. Presentarli ancora come una indie band italiana è riduttivo, perché la loro musica ha un impatto, che potrebbe (dovrebbe) far presa anche all’estero.
Se “About thieves, farmers, tramps and policemen” e “The ghost Of Blind Willie Lemon” innescavano un turbinio di scintille tra Violent Femmes, Cramps e Talking Heads, “Doctor seduction” è un ulteriore sprizzare d’energia in un modo che si è fatto tanto raffinato quanto immediato e frontale.
Non è un caso che affiorino tanto i Beatles quanto i Pavement, che ci siano tracce dei Pixies e la presenza dei Perturbazione. Che il disco si muova su ballate sinuose quanto su roventi rock colmi di sbavature e di suoni vintage. La ricetta di “Doctor seduction” è un cocktail di farmaci che non tutti prescriverebbero e che dà risultati non imputabili ai singoli componenti: c’è qualche controindicazione, prima di tutto perché trattasi di un disco che crea dipendenza.
Nessuno potrebbe credere alla sobrietà di “Sober”, soprattutto dopo una “Sailing song” che graffia e ti rimane attaccata addosso con le unghie. La stessa attrazione in modo molto più garbato è esercitata da “Time killed my love” con tromba e violino.
Sublime è “Sweet me”, con i Perturbazione che fanno lievitare le voci come fossero i primi REM e il violoncello che eleva lo svolgimento del pezzo.
Dalla batteria alle voci, il disco segue scosse più o meno improvvise e svolte che stupiscono, anche quando non sono brusche, come nei pezzi elettroacustici finali.
Insomma è ora di smettere tabù e pregiudizi. E di farsi sedurre dagli Zen Circus.

Track List

  • Welldone|
  • Time Killed My Love|
  • Sailing Song|
  • Sober|
  • History Lesson Part III|
  • It Turns Me On|
  • Sweet Me (Feat. Perturbazione)|
  • Way South|
  • Black Hole|
  • My Lovely End

Articoli Collegati

The Zen Circus

Intervista 03/12/2020

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

L`ultima casa accogliente

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Special 17/09/2019

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 05/07/2019

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Special 14/02/2019

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Vivi si muore – 1999 - 2019

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 04/05/2018

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Intervista 04/05/2018

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Il fuoco in una stanza

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 21/07/2017

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 02/12/2016

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Intervista 28/09/2016

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

La terza guerra mondiale

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 06/03/2015

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 11/04/2014

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Canzoni contro la natura

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 24/01/2014

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 14/07/2013

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Nati per subire

Recensione di Arianna Marsico

The Zen Circus

Live Report del 16/10/2009

Recensione di Vito Sartor

The Zen Circus

Andate Tutti Affanculo

Recensione di Vito Sartor

The Zen Circus

Villa inferno

Recensione di Vito Sartor

The Zen Circus

Live Report del 28/02/2008

Recensione di Vito Sartor

The Zen Circus

Vita e opinioni di nello scarpellini, gentiluomo

Recensione di Christian Verzeletti

The Zen Circus

Intervista 13/04/2004

Recensione di Christian Verzeletti