52 Sfumature di Libri

Rubrica di Federico Sponza

Io sarò qualcuno

Willy Vlautin

28/11/2020 | Jimenez Edizioni

Vlautin con la sua scrittura semplice, lineare ma mai banale o sopra le righe, cattura il lettore e pagina dopo pagina lo porta, afferrandolo quasi in un crescendo rossiniano, a seguire la voglia di affermazione di Horace Hopper alias Hector Hidalgo. Horace, o Hector che dir si voglia, è un giovane con sangue indiano che, abbandonato dalla madre, è stato accolto dalla famiglia Reese in un ranch in una cittadina sperduta del Nevada, dove fa il lavorante e aiuta a seguire le pecore e gli altri animali. Ma Horace vuole diventare Hector, vuole affermarsi nel mondo del pugilato e per farlo abbandona tutto ciò che ha, il ranch, l`amore dei Reese, la sua musica preferita, il metal e si dirige verso la grande città dove nei suoi sogni avrà l`opportunità di diventare un grande campione. Ma per riuscire nel suo intento deve combattere contro due nemici insidiosi, la solitudine e, soprattutto, se stesso e le proprie insicurezze. Storia magnifica, epica e lancinante. Vlautin oltre ad essere un gran musicista (Richmond Fontaine, Delines) è anche un grande romanziere.

 

Notti del Sud

Barry Gifford

25/11/2020 | Jimenez Edizioni

 

Questa meravigliosa casa editrice riunisce, dietro volontà dello stesso autore, i tre romanzi “Gente di notte”, “Alzati e cammina” e “Baby-Cat Face” usciti in Italia nella prima metà degli anni `90. Storie che dire aspre e violente è dire poco. Brutalità e tenerezza, peccato e redenzione, cinismo e ingenuità si susseguono in modo incalzante e sono rappresentati con una dissacrante e originalissima ironia. I dialoghi dei protagonisti, che parlano e straparlano, sono spiazzanti e spassosi. New Orleans e i suoi dintorni sono il palcoscenico con sullo sfondo gran musica trasmessa da radio o juckbox. Come dice David Lynch sulla quarta di copertina “Barry Gifford è un fottuto, irresistibile autore. La sua scrittura è pura, minimale. I suoi personaggi non sono gente destinata a diventare medico o avvocato, ma sono furbi, e vivono in una sorta di cultura sotterranea. E` un mondo libero e selvaggio, intrepido, ma con una profonda comprensione della vita.” Un`opera straordinaria che travolge e spiazza il lettore in tutte le sue pagine.

 

Il metodo del Coccodrillo

Maurizio de Giovanni

18/11/2020 | Einaudi

Qui nasce la figura dell`ispettore Giuseppe Lojacono e di alcuni personaggi che daranno vita alla saga dei “Bastardi di Pizzofalcone”. Non avendo seguito la serie televisiva non sono stato influenzato nel mio giudizio da alcuna interferenza esterna. Questo romanzo è un classico noir italiano dalla scrittura scorrevole e trama interessante che rapiscono il lettore sin dalle primissime pagine. In una Napoli cupa e distratta i personaggi sono ben caratterizzati anche se ancora non ben delineati. Quello di Lojacono, per esempio, anche se ben tratteggiato lascia immaginare che ci sia ancora molto altro da scoprire sulla sua persona, così come per quello del sostituto procuratore Laura Piras. Un altro commissario tormentato nell`animo, un`altra saga poliziesca che però, sulla base del risultato ottenuto dal primo capitolo, vale la pena seguire.

 

Gun love

Jennifer Clement

10/11/2020 | Bompiani

Mia madre era una tazza di zucchero. Potevi prenderla in prestito quando volevi.” Questo l`incipit di una storia che ti scava nel profondo e che non può essere presa alla leggera o definita con parole semplicistiche. Un campo di roulotte e una Mercury del `94 sono il luogo e la casa dove Pearl cresce per quattordici anni. E` stata portata li da sua madre Margot che scappava dalla sua ricca famiglia poco dopo averla partorita all`età di 17 anni. Un piccolo mondo pieno di personaggi diversi e dove si vive alla giornata, fatto di povertà, di dolore, di illegalità ma, nel contempo, pieno di rapporti umani. Quando il campo diventa uno snodo per la vendita di armi illegali l`apparente pace che regnava nel mondo di Pearl viene spezzata, stravolgendo la sua vita. La Clement costruisce questo suo lavoro crudo, a volte feroce e ferale, dove i bambini devono crescere troppo velocemente e gli adulti rifuggono le loro responsabilità attingendo al repertorio biblico e a quello musicale passando dal blues al country, da Bob Dylan a Johnny Cash.

 

Il caravan

Jennifer Pashley

05/11/2020 | Carbonio Editore

Thriller on the road, duro e inquietante. Siamo nel sud-est degli Stati Uniti, tra caravan park, motel, cimiteri, stazioni di servizio, parcheggi di megastore aperti h24 e due donne, Rayelle e Khaki, forse due cugine o qualche cosa di più, sono alla deriva, ferite nell`animo da una vita disastrata. Separate ad un certo punto della loro vita, percorrono due strade parallele cercando, in modi completamente diversi, un rifugio sicuro dove approdare. Con una prosa dura ed esplicita la Pashley ci conduce in una doppia narrazione. Dal punto di vista di Rayelle vediamo i concetti di maternità e di famiglia che si fanno strada in lei mentre insieme ad un giornalista investigativo, incontrato per caso in un bar, viaggia in un caravan trainato da una Gran Torino alla ricerca di ragazze scomparse. Per Khaki invece il concetto di famiglia non esiste più. Lei percorre quelle strade alla ricerca di donne vulnerabili e vittime di abusi. E con misericordia si “prende cura di loro”, prima le ama e le cura, poi le uccide. Un romanzo tutto femminile, dove gli uomini sono solo sullo sfondo e dove Bruce Springsteen è un punto di riferimento tale da essere richiamato nella dedica che l`autrice fa all`inizio riportando un verso di Born to Run.

 

Mio fratello Ernest Hemingway (Un ritratto di famiglia)

Marcelline Sanford Hemingway

02/11/2020 | Mind Edizioni

Pubblicato nel 1962, questo libro di memorie familiari evoca le tappe della famiglia Hemingway dagli anni dell`infanzia di Ernest sino al suicidio del padre avvenuto nel 1928. Marcelline, sorella maggiore di Ernie, ci apre delicatamente la porta della sua casa di famiglia in Oak Park vicino a Chicago e ci fa vedere Papa sulle ginocchia di nonno “Abba” Hall mentre questi gli racconta storie di animali oppure mentre è impegnato a suonare il violoncello o a leggere avidamente L`isola del tesoro di Stevenson. Ci fa entrare in quella casa e condivide le passioni e la rettitudine dei suoi genitori Clarence Hemingway e Grace Hall e della sua famiglia tutta. Ci porta nel cottage di Wallon Lake e ci mostra Ernest mentre pesca o fa il bagno. Andiamo al liceo con loro e vediamo Ernest partire in piroscafo alla volta dell`Italia per dare il suo contributo nella Grande Guerra. Ci racconta, tramite alcune lettere il ferimento sul fronte del Piave e la tormentata guarigione di suo fratello. Ci invita sulla grande scalinata della stazione ferroviaria di Chicago per attendere il ritorno di Ernest dalla guerra e ci accompagna sino a quando lui si allontana dalla famiglia per intraprendere quella vita che tanto e tanti ha appassionato, piena di avventure e, soprattutto, grandi opere letterarie che abbiamo amato e continuiamo a rileggere. Per chi ha amato Papa questo gioiellino è un must anche se si è letto tutto il possibile su di lui. Il libro è anche impreziosito da una bellissima postfazione del giornalista e scrittore Guido Mattioni.

 

L`ultimo traghetto

Domingo Villar

22/10/2020 | Ponte alle Grazie

Splendida scoperta questo terzo romanzo dello scrittore spagnolo. In un paesaggio della costa galiziana descritto mirabilmente una ragazza, Monica Andrade, scompare. Monica è la figlia di un famoso cardiochirurgo con cui tutta la città, comprese le istituzioni, sembra essere in debito. Nessuno sa comunque molto della vita di Monica al di là della sua attività di insegnante di ceramica alla Scuola di arti e mestieri L`ispettore Leo Caldas viene incaricato delle indagini. L`abile investigatore, coadiuvato dalla sua squadra, inizierà a cercare ogni minima traccia, a valutare ogni singolo indizio con pazienza e meticolosità. Un giallo dove tutto procede senza quella frenesia tipica di tanti thriller ma con tanta pacatezza che però non allontana il lettore, anzi lo afferra sempre più e lo porta a seguire l`indagine con maggior attenzione seguendo tutti i piccoli indizi che vengono disseminati nella trama e che creano, con grande maestria, più vie investigative. Villar con la sua scrittura fatta di dialoghi profondi penetra nell`anima dei suoi personaggi che diventano ingranaggi nel preciso meccanismo del giallo. Un libro che, come dichiara lo scrittore nei suoi ringraziamenti, è un omaggio a chi insegna, a chi fa le cose adagio e a chi ama il mare.

 

I ragazzi Burgess

Elizabeth Strout

13/10/2020 | Fazi Editore

La Strout prende come scusa un possibile crimine d`odio per scattare un`istantanea delle fragilità affettive quando escono allo scoperto mostrando tutta la complessità dei legami indissolubili e l`umana fragilità. A fare da sfondo alle vicende dei Burgess è la provincia americana contrapposta alla metropoli newyorkese; in questo caso una cittadina del Maine, stato di origine dell`autrice. La storia riguarda tre fratelli cresciuti a Shirley Falls e che hanno tre vite totalmente diverse tra loro. Jim, avvocato di successo, vive a New York, è sposato e con tre figli all`università; Bob che vive anche lui a New York, è il ragazzo fragile, insicuro e meno brillante, divorziato e al limite dall`alcolismo; Susan, la gemella di Bob, è l`unica ad essere rimasta al paese di origine, divorziata e con un figlio, Zac, adolescente, taciturno e solitario. I tre fratelli si riuniscono nel paese di origine per risolvere una crisi creata da un gesto inconsulto di Zac e da qui finiscono per interrogarsi sul proprio passato e sulle pieghe che ha preso la loro vita con ognuno il suo carico di frustrazione, senso di colpa, fallimenti , infelicità. Oltre a tutto ciò la Strout pone l`accento sul problema razziale e sul come può agire una comunità improvvisamente multietnica, spaventata dal “diverso” e incapace di comprendere differenze culturali e religiose. Romanzo con più livelli di lettura e con tematiche differenti, ma soprattutto un acuta indagine sui rapporti familiari.

 

Breviario mediterraneo

Predrag Matvejevic

06/10/2020 | Garzanti

Saggio culturale, trattazione filosofica e poetica, portolano, diario di bordo, romanzo di viaggio; questa meraviglia della letteratura è difficilmente classificabile. Breviario mediterraneo è suddiviso in tre parti, Breviario, Carte, Glossario e attraverso esse ricostruisce la storia culturale, religiosa e umana di un mare che è culla di civiltà. Libro da leggere danzando tra le parole, ognuna tira l`altra in una specie di viaggio a volte geografico, a volte letterario, storico o materiale. Città, moli, abitanti, isole, penisole, capitanerie di porto, boe, cordame, lingue scomparse, onde, venti, correnti, spuma, nuvole, piogge, acque, sete, riti, coste, golfi, pozzi, fari, monasteri, pescatori, vulcani, suoli, misure, pesi, pane, olio, vino, mestieri, vele, catrame, canapa, stoppa, reti, zavorre, navigazione, nuoto, relitti, spugne, coralli, fiumi, fichi, asini, cartografi, peripli, strade, religioni, viaggiatori, pellegrini, civiltà, mappe, portolani, saggi, poeti si susseguono con nodi geniali e strettissimi. Come scrive Claudio Magris nella prefazione “La cultura e la storia vengono calate direttamente nelle cose, nelle pietre, nelle rughe sul volto degli uomini, nel sapere del vino e dell`olio, nel colore delle onde.” Libro che non deve mancare nelle librerie dei giusti e dei curiosi.

 

Marinai perduti

Jean-Claude Izzo

30/09/2020 | edizioni e/o

Tre marinai a bordo di un cargo fermo nel porto di Marsiglia e impossibilitato a navigare a causa del fallimento dell`armatore. Tre uomini, un libanese, un greco e un turco, tre “Ulisse” dei giorni nostri, diversissimi tra loro ma uniti dal mare e dalla voglia di navigarlo. Tutti e tre hanno storie alle spalle piene di misteri, storie di violenze e di ingiustizie e, soprattutto, storie di donne; donne amate, perse e cercate nei vari porti. Tutti e tre sono uniti da un passato pieno di disavventure, ma tutti e tre vogliono andare avanti anche rischiando di perdersi, di dimenticarsi chi essi siano. Izzo, con una scrittura melanconica e priva di fronzoli, affronta temi quali la fusione di culture eterogenee, l`emarginazione e la solitudine dell`uomo, la dedizione dello stesso alla perdizione e agli errori, ma anche la sua caparbietà nel non arrendersi. Storia di ingiustizia, disperazione, amore, verità. Meraviglioso.

 

La scoperta della lentezza

Sten Nadolny

23/09/2020 | Garzanti

Come dice la quarta di copertina “a dieci anni. John Franklin (1786-1847), colui che sarà destinato a diventare uno dei più grandi esploratori artici inglesi, non riesce ancora ad afferrare la palla che gli lanciano i compagni. Capisce, non capisce. Rimugina parole. Stenta ad esprimersi. Un disadattato, si direbbe. Eppure John riflette, accumula nella memoria, costruisce dentro di sé, lentissimamente, una sicurezza incrollabile. A quattordici anni è pronto per iniziare l`inarrestabile ascesa che lo vedrà ufficiale di marina sulle prestigiose navi da guerra britanniche, poi al seguito di spedizioni scientifiche nell`Artico Canadese; quindi per sei anni pacato governatore della colonia penale della Tasmania ed esploratore del leggendario passaggio a nord-ovest.” Con una scrittura fine, e in alcuni casi ironica, Nadolny ci racconta, liberamente ispirato, la vita di una persona leggendaria che ha cercato, e trovato, nel mare il luogo ed un ecosistema dove la lentezza è il carburante principale per la sopravvivenza, dove l`ascolto della natura è fonte primaria di sostentamento, di orientamento e di indottrinamento. Un libro che fa pensare, e molto, soprattutto in questi tempi dove il “tutto e subito” la fanno da padrone; la lentezza come carta vincente in una società che va di corsa, senza sapere, a volte, dove stia andando.

 

Una vita da libraio

Shaun Bythell

15/09/2020 | Einaudi

Chi ama i libri, soprattutto i libri usati e le librerie non può esimersi da leggere questo piccolo gioiello. Diario quotidiano tenuto da chi fa realmente il mestiere di venditore di libri usati che ci accompagna come guida virgiliana nella descrizione del suo lavoro fatto di vendite in negozio, vendite on line (cannibalizate da Amazon), di ricerche indefesse di nuovo materiale con cui riempire i buchi negli scaffali. Il tutto raccontato con gustosa ironia. Un anno intero (il diario parte il 5 febbraio e termina il 4 febbraio dell’anno successivo) trascorso in The Book Shoop di Wigtown, paesino scozzese con meno di mille abitanti che si è guadagnato il titolo di “città del libro” per la concentrazione di librerie sul suo territorio.

 

L`ultima stagione

Don Robertson

08/09/2020 | Nutrimenti

Uno dei più bei libri che abbia mai letto. Non ci sono tante parole per spiegare questa ode all’amore.
Un viaggio on the road di una coppia di anziani consapevoli che gli resta poco da vivere e che intraprendono un viaggio in macchina, senza una meta precisa, ma con l`idea di scoprire il significato delle loro esistenze e dell`universo che li circonda. Un libro che ti fa pensare, ti fa ricordare e che ti fa piangere. Ci sono pagine di una bellezza inaudita.

Se non conoscete Don Robertson questo libro vi farà scoprire un autore di cui non potrete fare a meno. Se vi volete del bene non fatevi spaventare dalla mole, prendetelo e leggetelo; dopo vi sentirete meglio.

 

La ballata di Charlie Thompson

Willy Vlautin

31/08/2020 | Mondadori

Con la sua scrittura semplice, secca, essenziale, ma mai fredda e distaccata, Vlautin ci racconta del viaggio on the road di Charlie Thompson, un quindicenne amante del football americano e con un padre incline a cacciarsi nei casini e a dover cambiare, per questo, molto spesso città. Nell`ultima tappa, a Portland, Charlie conosce il mondo degli ippodromi e delle corse illegali e si affeziona al cavallo Leon On Pete, nella cui compagnia cerca rifugio una volta che si ritrova senza un soldo e senza nessuno su cui poter contare. Romanzo agrodolce, sospeso tra la leggerezza di un`avventura per ragazzi e la pesantezza di certi individui ai bordi della società che richiamano personaggi dello Steinbeck di Uomini e topi e del Dickens di Oliver Twist. Vlautin si conferma, oltre che gran musicista anche gran scrittore.

 

L`ultima corriera per la saggezza

Ivan Doig

27/08/2020 | Nutrimenti

Ultimo romanzo scritto da Doig prima della morte. Il racconto di un viaggio in corriera di un ragazzo di undici anni che si trasformerà nell`avventura di una vita. Nelle sue pagine si trova molto Steinbeck e molto Mark Twain. Donal Cameron, 11 anni e una chioma di capelli rossi, affronta nel giugno del 1951 un viaggio in corriera di 1.600 miglia, dal Montana al Wisconsin, per raggiungere dei parenti in quanto la nonna con cui vive si deve operare e non potrebbe badare a lui. Accompagnato dal suo inseparabile “libro delle dediche”, dove raccoglie i pensieri in rima delle persone che incontra, e da un insolito portafortuna, Donal affronta un viaggio costellato di prime volte, il primo bacio, le prime amicizie, i primi dolori e poi una moltitudine di personaggi straordinari ma anche comuni, brave persone ma anche ladri. Doig ci dona il viaggio di un giovane avventuriero, ancora inconsapevole del mistero dell`esistenza, ma in grado di viverla senza remore e con i suoi occhi di giovinetto ci racconta di un`America vasta e sconfinata lungo la rotta dei cowboy, alla ricerca degli indiani. Bellissimo!

 

Broken

Don Winslow

10/08/2020 | HarperCollins

Sei romanzi brevi, sei storie crude e adrenaliniche, ma piene, nello stesso tempo, di tanta umanità. Sei storie che si leggono tutte d`un fiato. Sei storie straordinarie (come scrive Stephen King), una delle quali ha il miglior incipit di sempre:”Nessuno sa come ha fatto lo scimpanzé a prendere la pistola.” Winslow affronta la corruzione e la vendetta, la perdita e il tradimento, la colpa e la redenzione. Riesce a caratterizzare alla perfezione tutti i suoi personaggi e ne fa riemergere alcuni storici e da me tanto amati come i componenti de “la pattuglia dell`alba”, de “Le belve” includendo due camei con “Frankie Machine” e “Bobby Z”. Col suo perfetto stile riesce a coinvolgere il lettore facendogli. crescere la tensione pagina dopo pagina per poi spiazzarlo con finali inattesi. Anche in questo caso Winslow non tradisce le attese.

 

Salvare le ossa

Jesmyn Ward

08/08/2020 | NN Editore

 

Primo capitolo della Trilogia di Bois Sauvage, cittadina di fantasia immersa nel delta del Mississippi.

Storia che si svolge nei dodici giorni che precedono l`abbattersi dell`uragano Katrina sul piccolo paese nel bayou. Storia feroce e poetica nello stesso tempo. C`è la ferocia della morte che si prende la mamma che ha appena partorito un figlio, la ferocia del mondo dei combattimenti tra cani, la ferocia della povertà che fa crescere in fretta, la ferocia della natura con la potenza dei suoi elementi e la ferocia dell`amore filiale, fraterno, carnale, per gli animali. Storia di violenza e di povertà, ma anche di forti legami familiari.

A guidare il lettore è Esch Batiste la femmina quindicenne di una famiglia con tre fratelli maschi e un padre alcolizzato e violento. Esch conosce la mitologia classica, ma non sa andare in un consultorio per prendere degli anticoncezionali, Randall pensa al basket e a come trovare i soldi per il camp estivo, Skeetah vive in simbiosi con China, il suo pitbull da combattimento e i cuccioli da questa appena partoriti, Junior, l`ultimo nato, vive attaccato alla sorella e ai fratelli.

La Ward con la sua scrittura riesce a creare un ritmo sincopato che afferra implacabilmente il lettore, riesce a fare amare i suoi personaggi, tutti per motivi diversi e riesce a creare un ambientazione nella quale il lettore ne sente gli odori, ne vede i colori e ne percepisce i suoni. “Questo libro è per Medea, che va incontro a Giasone tremante nel vento, per chi dopo la pioggia pesca a mani nude i girini nei fossi, per chi gioca a nascondino nelle stanze di vapore tra lenzuola stese ad asciugare, e per chi corre mano nella mano con suo fratello, ogni passo il balzo di un uccello che si alza in volo.

 

L`isola dei cacciatori di uccelli

Peter May

04/08/2020 | Einaudi

Primo capitolo della “trilogia dell`isola di Lewis”, una delle Ebridi al nord della Scozia. In un`isola spazzata dal vento, dura e inospitale, un omicidio sembra affondare le sue radici in rivalità e odi antichi. L`ispettore Fin Macleod è scappato da ragazzo dall`isola e dai suoi antichissimi rituali. Ora è costretto a tornare, e a fare i conti con il suo passato. Ha appena perso un figlio e il suo matrimonio sta andando alla deriva. Per indagare su un omicidio, viene spedito sulla sua isola natia. Il caso è la sua ultima chance per rimettersi in gioco e uscire dal totale isolamento in cui si è auto relegato. Anche se questo significa precipitare nel proprio passato, negli echi di una violenza aspra e senza redenzione che ogni anno trova sfogo nel massacro sistematico delle sule, uccelli che sull`isola vengono a nidificare. E a morire. Inizio in sordina, ma ben presto la trama prende corpo e diventa sempre più intrigante. I capitoli si alternano sapientemente tra presente e tra flash back raccontati dal protagonista. Affascinante la potenza descrittiva con cui May descrive quei luoghi e quel mare. In alcuni momenti mi sembrava di vedere una tela di William Turner.

 

Come leoni

Brian Panowich

30/07/2020 | NN Editore

Secondo capitolo della saga di Bull Mountain. Lo sceriffo Clayton Burroughs è sul baratro dell`autodistruzione dovendo convivere con i postumi delle ferite e con i sensi di colpa derivanti dai fatti occorsi nel primo capitolo “Bull Mountain” e adesso se la deve vedere con un gruppo di sbandati che vuole invadere il suo territorio. Per fare questo troverà grande supporto in sua moglie Kate che farà di tutto per salvare il suo matrimonio e tutelare la sua famiglia. Anche in questo secondo capitolo la scrittura hard boiled di Panowich è travolgente dove la violenza non è mai fine a se stessa e stile e dialoghi risultano molto credibili. “Questo libro è per chi si è preso il pomeriggio libero per sedersi a leggere sotto un albero di magnolia, per chi non si preoccupa di uscire in pigiama a comprare il giornale, per chi si ostina a dare al prossimo l`occasione di sorprenderlo, e per chi ha trovato rifugio in un pensiero di riscatto ed è riuscito a vincere la paura.”

 

Ballando nel buio

Roberto Costantini

24/07/2020 | Marsilio

Un`altra storia con il commissario Balistreri protagonista. Nel 1974, quattro anni dopo la sua fuga da Tripoli, Mike “Africa” Balistreri è un ragazzo psicologicamente provato dagli eventi accaduti durante la sua adolescenza libica. Studia Filosofia all`Università di Roma, è venuto a contatto con l`estrema destra ed entra nelle file di Ordine Nuovo che, dopo essere stato messo fuori legge, si riorganizza clandestinamente per la lotta armata. L`estremismo politico degli anni di piombo, il passato e i suoi incubi tornano a bussare alla sua porta dodici anni dopo, nel 1986, quando è da tempo commissario di polizia e si ritrova a seguire le indagini sull`omicidio di una sua vecchia conoscenza di Ordine Nuovo. Il personaggio Balistreri è sempre più un testimone della storia d`Italia della seconda parte del `900. Antipatico o simpatico che possa risultare è comunque sempre un personaggio “onesto” e credibile e la scrittura di Costantini è in grado di tirarti dentro la storia sin dalle prime parole del romanzo.

 

Vincoli - Alle origini di Holt

Kent Haruf

22/07/2020 | NN Editore

Romanzo di esordio dell`autore della meravigliosa “Trilogia della Pianura”. Da qui ha origine il tutto. “Tre negozi, la pensione, il bar, il cimitero e quindici o venti case”: questa è Holt nel 1896 quando Roy Goodnough e sua moglie Ada vi si trasferiscono, partiti dallo Iowa cercando la terra promessa. Romanzo travolgente, come tutte le opere di Haruf, dove intensità e poetica si mischiano per descrivere un`America rurale che diventa teatro delle sofferenze umane e della disperata determinazione dei pionieri che, come dice il bravissimo traduttore Fabio Cremonesi nella sua nota finale, diventa il ritratto di una speranza incrollabile quando non c`è più niente da sperare, tranne affermare, con un ultimo gesto, il diritto alla libertà. In questo primo lavoro Haruf inserisce anche un piccolo contorno noir con cui il romanzo si apre e si chiude e con la figura di Edith ci racconta anche di un pezzo importante della storia dell`emancipazione femminile nel secolo scorso. Dalla quarta di copertina “Questo libro è per le spighe di grano, per le mucche, per i cieli d`estate e la neve, per le stelle e l`erba, per la polvere e il dondolo, per una crostata di ciliegie e per le cartoline; ma questo libro è soprattutto per gli acerbi ragazzi che eravamo, per i dettagli in cui ci siamo persi, per i guai che ci hanno ammaccato, e per la porta che siamo riusciti ad aprire, finalmente liberi di vivere giorni più luminosi.” Da leggere senza se e senza ma.

 

Il ponte sulla Drina

Ivo Andric

17/07/2020 | Mondadori Editore

Pensare di scrivere la storia di un paese facendola ruotare tutta intorno ad un ponte è già di per se stesso geniale. Se poi lo fai come ha fatto Andric scrivendo del ponte più famoso della Bosnia, dalla fine del XV secolo sino alla Prima Guerra Mondiale, in modo semplice e lineare, viene fuori un capolavoro epico. Andric, premio Nobel per la letteratura nel 1961, passa con capacità rara dal dramma alla dolcezza, dall`odio all`amore, dalla tragedia alla commedia, dalle tante storie individuali fino alla storia di un intero popolo che emerge alla fine come un mosaico finemente intrecciato in una moltitudine di racconti.

 

Il diner nel deserto

James Anderson

14/07/2020 | NN Editore

Bellissimo romanzo d`esordio per Anderson e primo capitolo della Serie del deserto. Un crime che però si fa fatica a far rientrare nella categoria in quanto il “crimine” è solo un contorno. Il protagonista assoluto è il deserto dello Utah che Ben Jones attraversa tutti i giorni percorrendo, con il suo camion, la statale 117, una delle strade più sperdute un po` reale e un po` immaginaria, per consegnare merce a persone che hanno scelto il deserto come casa. Ognuno di loro con un motivo particolare e con una storia diversa. Ben è sull`orlo della bancarotta e un giorno incontra Claire che si nasconde dal marito in una casa abbandonata e suona un violoncello, e se ne innamora. Ben stringe amicizia anche con Ginny, un`adolescente incinta in rotta con la madre e deve fare i conti con Walt, il proprietario di un diner nel deserto chiuso da anni in seguito a un terribile fatto di sangue. Personaggi meravigliosi descritti dalla penna di Anderson con grande garbo e capacità e che si muovono nella luce abbagliante del deserto. La scrittura di Anderson è semplice ed efficace e scorre su più piani di lettura. Passa da pagine descrittive che raccontano l`estetica del deserto ed i suoi effetti sulla psiche delle persone ad altre piene di dialoghi e di eventi. Come in tutti i libri che NN Editore pubblica la quarta di copertina dice per chi è questo libro: “E` per chi è rimasto folgorato dal tramonto sulle rocce cangianti dei canyon, per chi ogni tanto si concede una sigaretta immaginaria, per Mildred Hiyes, che scioglie il dolore partendo da Ebbing, e per chi ha capito che molte cose del mondo sono irragionevoli ma vanno accettate senza farsi più domande.”

 

Ascoltavo le maree

Guido Mattioni

10/07/2020 | Ink Edizioni

 

Ho preso in considerazione questo libro seguendo i consigli di lettura che Seba Pezzani ha dato nel suo libro “Profondo Sud. Un viaggio nella cultura del Dixie” e non me ne sono pentito.

“Un "io narrante" italiano intimamente smarrito, ma in cerca di una nuova vita. Un`antica città americana del Vecchio Sud ospitale con i vivi e con i propri amati fantasmi. Una fioraia che adora le scarpe e venera il prossimo. Il culto dell`Amicizia e la religione del Ricordo. Un gatto pescatore che non si allontana mai dal suo molo né dai propri simili, animali dalla profonda saggezza. Un ricco eccentrico divenuto tassista per noia e psicologo per vocazione. Una statua che sa ascoltare e un vecchio afroamericano che si interroga sui grandi misteri della vita. Un sindaco rispettato, pur se senza municipio. Con altri coloriti personaggi, si incrociano tutti su uno scenario dove il blu argentato di un grande fiume e delle maree oceaniche si fonde ogni sei ore con il verde di una Natura dalla struggente bellezza. E tutti insieme danno vita a una favola moderna e senza confini nella quale sogno e realtà si fondono.”

Inutile dire che mi è venuta voglia di fare un viaggio a Savannah, Georgia. Bello bello.

 

 

Profondo Sud - Un viaggio nella cultura Dixie

Seba Pezzani

07/07/2020 | Giulio Perrone Editore

Il viaggio che stiamo per intraprendere è un percorso fisico ma soprattutto dell’anima. Potrete farlo visitando di persona i luoghi indicati e, magari, ricostruendo la vicenda di alcuni dei grandi e piccoli nomi che hanno scandito la storia. Oppure potrete conoscere quei posti con la mente, con l’immaginazione, una delle poche cose che davvero distinguano l’uomo dalle altre creature che popolano l’universo conosciuto. In fondo, chi avrà messo le mani su questo libro di certo lo avrà fatto dopo averne letti tanti e con voglia di leggerne tanti altri. Spero che qualche bel sogno in più queste pagine riescano a stimolarlo”. Così Seba Pezzani nella sua introduzione. Per quanto mi riguarda il suo obiettivo è stato raggiunto. Splendido viaggio nel sud degli Stati Uniti dove vengono analizzati in profondità scrittori e musicisti nati e vissuti in una terra ricca di tradizione e di valori antichi con una miscela di mondi distanti, razze diverse, con grandi valori dell’amicizia e dell’ospitalità. Il tutto accompagnato da un ottimo ed adeguato corredo di viaggio in fatto di bibliografia e discografia.

 

Il grande cielo

A.B. Guthrie

03/07/2020 | Mattioli 1885

 

Grande western, grande romanzo che racconta in modo crudo, ma anche romantico, la “frontiera”, quella vera e quella immaginaria. E` la storia di Boone Caudill che scappa di casa, in Kentucky, a sedici anni con il sogno di diventare un grande cacciatore. 13 anni passati a navigare fiumi, piste percorse a cavallo e a piedi, scontri con indiani e un grande amore con una squaw. Una vita selvaggia che a poco a poco viene battuta dal cosiddetto “progresso” e da una tremenda contraddizione, la frontiera viene distrutta dall`uomo perché l`amava alla follia.

 

Trilogia di Holt: Benedizione-Canto della pianura-Crepuscolo

Kent Haruf

08/06/2020 | NN Editore

 Capolavoro. Problema, da quale iniziare? Da Benedizione (il primo pubblicato in Italia da NN, ma l`ultimo scritto cronologicamente) o da Canto della pianura? Dopo averli letti nell`ordine in cui li ho elencati posso affermare che non è un problema in quanto, come dichiarato dallo stesso Kent Haruf, questa è una “loose trilogy”, una trilogia slegata, dove i richiami tra un libro e l`altro sono minimi (consiglio in ogni caso di leggere Crepuscolo dopo Canto della pianura). La trilogia tratta  della vita a Holt, una cittadina immaginaria del Colorado e della gente che ci vive.

Benedizione è di una bellezza struggente. Haruf racconta la vecchiaia e l`approssimarsi alla fine riuscendo ad infondere una tenerezza infinita al lettore che può arrivare sino alle lacrime. Questa capacità di raccontare la vecchiaia mi ha ricordato Don Robertson (altro grande della letteratura americana).

Canto della pianura è un libro tranquillo, malinconico e pieno di amore con personaggi completamente diversi tra loro le cui vicende, alla fine, si uniscono.

Crepuscolo è invece potente e cupo ma, nello stesso tempo, un inno alla vita. La tranquillità di Canto della pianura viene spazzata via da vicende tragiche e dure. Ma alla fine i personaggi riprendono in mano le loro vite. Haruf con una scrittura scorrevole e semplice riesce a raccontare in modo incredibile la storia di personaggi, semplici, reali, pieni di debolezze, delle loro vicende negative e delle loro sofferenze, ma anche della loro forza nel cercare il giusto riscatto. Mi piace chiudere questo mio appunto richiamando quanto scritto nella quarta di copertina di ogni libro.

Benedizione - “Questo libro è per chi ama rileggere i classici e vorrebbe perdersi negli spazi della pianura americana (o nelle fotografie di Robert Adams), per chi desidera un cappello da cowboy anche se forse non lo indosserà mai, per chi nutre una sorta di fiducia razionale nel genere umano e crede che le verità gridate siano sempre meno vere di quelle suggerite con pudore.”
Canto della pianura - “Questo libro è per chi ama spostarsi solo con il pensiero, meglio se in poltrona e sotto una coperta a scacchi rossi e blu, per chi riesce a sentirsi a casa anche solo con una finestra aperta sul cielo, per chi cerca su Google maps i luoghi dei libri, meglio se immaginari, e per chi ha deciso di affidarsi al tempo, nella convinzione che lo spazio possa sempre tradirlo.”
Crepuscolo - “Questo libro è per chi ama guardare la danza delle candele sul muro, per chi ascolta la Pastorale di Beethoven, per chi ricorda quando da bambini ci si arredava una stanza con tutto quello che si trovava in giro, e per chi è rimasto solo, al freddo, per tanto tempo, e oggi ha deciso di rimettersi in gioco e correre il rischio di diventare una persona diversa.”

Ricordo che se riuscite a trovare il cofanetto invece dei tre libri sciolti, al suo interno potrete anche godervi la mappa della contea di Holt ricostruita da Marco Denti e un messaggio di Cathy Haruf.

 

Al mare con la ragazza

Giorgio Scerbanenco

02/06/2020 | Garzanti

Romanzo dell`altro Scerbanenco, non quello di Duca Lamberti, ma quello che, come dice Colaprico nella sua prefazione, “sa trovare le corde che vibrano per il Male. Gli assassini, i vendicatori, gli odiosi, i maniaci dei suoi racconti sono reali, sono gli stessi che ci capita d`incontrare in qualche articolo di cronaca. Sono persone che possono seder vicino a noi al ristorante e comunicarci un senso di disagio. Sono i <normali> che, sotto la giacca, nascondono un cuore putrefatto.” La storia è quella di Duilio e Simona che vogliono vedere il mare. Due ragazzi condannati sin dalla nascita ad una vita meschina, senza prospettive, cui solo la delinquenza può spalancare orizzonti diversi. Ad essi si aggiunge Edoarda, una giovane borghese in crisi. Lo Scerbanenco di Duca Lamberti lo adoro, ma anche questo non è niente male.

 

Lonesome Dove

Larry McMurtry

31/05/2020 | Einaudi

Meraviglioso western. Augustus (Gus) McCrae e Woodrow Call sono due ex Texas Rangers. Ormai non più giovani, si sono ritirati a vivere in uno sputo di paese non lontano dal confine con il Messico. I tempi sono cambiati, la guerra civile è finita da un pezzo; banditi e indiani non rappresentano più un pericolo, perlomeno non come in passato.

«Era passato così tanto tempo dall’ultima volta che aveva visto un indiano veramente pericoloso che se all’improvviso se ne fosse presentato uno al guado, in groppa al suo cavallo, con ogni probabilità Call sarebbe stato troppo sorpreso per sparare». E tutto fila noiosamente liscio. Le cose cambiano quando un vecchio compagno si riaffaccia alla porta e racconta loro del Montana, l’ultima frontiera ancora rimasta inesplorata in tutti gli Stati Uniti. È l’occasione per rimettersi in sella e tornare a fare qualcosa di davvero importante: conquistare una terra incontaminata.

Cominciano cosi un viaggio epico e avventuroso nel quale incontrano ex prostitute, ladri di cavalli, messicani, banditi, indiani e cacciatori di bufali. Decine di piccole storie che s’intrecciano con la loro. Romanzo straordinario.

 

La chiave di tutto

Gino Vignali

25/05/2020 | Solferino

Primo romanzo scritto, senza il compagno Michele Mozzati, da Gino Vignali, papà di Smemoranda e di Zelig.

E` un giallo ambientato in una Rimini felliniana, dove il ricordo del grande Federico trasuda lungo tutto il percorso investigativo che il vice questore Carlotta Confalonieri Bonnet deve compiere per risolvere il caso di una serie di ammazzamenti che a prima vista sembrano avere uno sfondo razzista. Carlotta, donna bellissima e milanese, è coadiuvata da una squadra investigativa originalissima in cui il latinista ispettore Appiciafuoco, il vice sovrintendente re dell`ignoranza Emerson Leichen Palmer Balducci e l`agente scelto nerd bergamasca Cecilia Cortellesi si amalgamano dando il meglio di loro stessi.

La scrittura è scorrevole e la trama ben congegnata e coinvolgente. Il tutto accompagnato da una grande ironia che a tratti diventa vero e proprio umorismo da cabaret dove Gino è maestro indiscusso. Lettura piacevolissima e di grande aiuto per liberare la mente da problemi opprimenti.

 

Coach Wooden and me

Kareem Abdul Jabbar

21/05/2020 | Add Editore

 «Sono impressionato dai tuoi voti, Lew» disse coach Wooden al nostro primo incontro, mentre mi sedevo davanti a lui e alla sua scrivania piena di appunti. Voti? Ho pensato. Sei l’allenatore di una delle migliori squadre di basket del Paese e parli di voti? E le mie statistiche impressionanti? Come se avesse capito cosa stavo pensando, mi guardò negli occhi per tranquillizzarmi e disse: «Per la maggior parte degli studenti, il basket è qualcosa che passa. La conoscenza invece ti accompagna per sempre.»

Questo è uno dei tanti aneddoti raccontati in questa biografia di un grande allenatore e l’omaggio ad un uomo, al basket e alla vita. Libro per chi ama il basket e lo sport in generale ma anche per chi crede nel valore dell’amicizia. Perché tra Jabbar e Coach Wooden è questa che c’è stata, oltre al rapporto tra allenatore e atleta. Il loro rapporto si racconta in due foto che ci sono nel libro (una è quella di copertina). Nella prima un allenatore bianco, cinquantaseienne, indica a un diciannovenne nero di due metri e venti come si sta in campo. Nella seconda, lo stesso uomo bianco, quasi centenario, si appoggia a quel ragazzo nero, ormai uno degli sportivi più famosi del mondo, per uscire dal campo tra gli applausi.

 

L`educazione

Tara Westover

12/05/2020 | Feltrinelli

 

Vicenda sconvolgente, drammatica e, nello stesso tempo, bellissima. Tara racconta la sua storia di figlia cresciuta in una famiglia di mormoni integralisti alle pendici di una montagna dell`Idaho, in attesa della fine del mondo. Una vita con sette fratelli, senza scuola e dominata da un padre padrone che giudica nemici, la scuola, la medicina, gli ospedali, lo Stato. Una vita con una madre succube del marito che si improvvisa levatrice e diventa l`ostetrica, senza licenza, della zona. Una vita senza data di nascita in quanto la sua e quella dei fratelli non è mai stata registrata all`anagrafe. E poi l`autoconvincimento di disobbedire al padre e di andare al college dove inizia a conoscere tutto quello che non le era mai stato spiegato. A questo punto inizia il dolore nel dover mettere le distanze con la sua famiglia e a liberarsi grazie all`educazione. Per fare questo Tara ha dovuto trovare in se stessa una forza incredibile, una determinazione senza pari che, alla fine, l`hanno portata a conseguire una laurea alla Brigham Young University e un dottorato di ricerca in Storia a Cambridge Memoir angosciante che però si legge tutto di un fiato.

 

Il potere del cane

Thomas Savage

09/05/2020 | Neri Pozza, 2017

 

Thomas Savage è autore di un romanzo stile western inquieto e potente che parla di omosessualità repressa e omofobia. Ambientato nello Utah nel 1924 è la storia di due fratelli. Uno, George, lento, imbranato e essenzialmente un brav`uomo. L`altro, Phil, omosessuale represso. George sposa una vedova e la porta a vivere al loro ranch. Phil fa di tutto per rovinarle la vita. Quando Peter, il figlio effeminato di lei, va a vivere con loro, si accorge di quanto succede alla madre e mette in atto una subdola vendetta.

Savage mette a nudo le vite interiori dei protagonisti scavandone l`anima fino a renderla trasparente. Il paesaggio diventa a momenti protagonista e determina i comportamenti ed i caratteri degli abitanti.

L`incipit è brutale ma alla luce della narrazione chiarirà perfettamente la tragedia che si sta preparando.

 

Fine pena: ora

Elvio Fassone

04/05/2020 | Sellerio

Ho preso in mano questo libro incuriosito da mia figlia che  lo stava leggendo mentre preparava la sua tesi di laurea sulle sanzioni internazionali e i diritti dell`uomo e bene ho fatto a lasciarmi attrarre.

Elvio Fassone, ex magistrato e componente del Consiglio superiore della Magistratura, narra di una corrispondenza durata ventisei anni tra un ergastolano e il suo giudice.

E` storia vera che non vuole essere un saggio bensì un`opera che scuote e commuove, che chiede come conciliare la domanda di sicurezza sociale e la detenzione a vita con il dettato costituzionale del valore riabilitativo della pena, senza dimenticare l`attenzione al percorso umano di qualsiasi condannato.

Libro da leggere per capire un po` di più sulla tematica.

 

Giallo al cabaret

Autori Vari

28/04/2020 | Solferino

Giallo al cabaret consta di cinque racconti noir introdotti da Luca Crovi che fa della sua introduzione un altro racconto intorno alla Ca` Bianca.

Gli autori rendono omaggio a un`epoca d`oro di Milano e di alcuni suoi storici palcoscenici. Un misterioso rapimento che riporta a galla un Refettorio in disarmo, una vera e propria strage che sconvolge il Teatro della Memoria, un delitto amletico tra la compagnia del Teatro dell`Elfo, un cadavere nel cortile de La Salumeria della Musica, uno scheletro nel sottotetto dello Zelig sono i temi di questa antologia.

Gigio Alberti, Lorenzo Beccati, Elena e Michela Martignoni, Claudio Sanfilippo e Gino Vignali ci dilettano con le loro storie.

Lettura molto scorrevole e piacevole

 

Il falò delle vanità, 1988 - Oscar Mondadori (2008)

Tom Wolfe

25/04/2020 | Mondadori

Romanzo simbolo del rampantismo degli anni `80. Tom Wolfe è un maestro della parola e creatore del genere New Journalism, e ci fa capire ciò che si nasconde nei meccanismi dell`informazione spettacolo. Ci mostra come nasce una notizia, il cinismo con cui viene "confezionata" e portata avanti. Ci mostra come il dubbio abbia grosse difficoltà a insinuarsi nella mente, come l`odio nasce nelle strade e viene fomentato da chi invece dovrebbe difendere e assicurare giustizia.

Tutto questo per la vanità. La vanità di chi crede di potersi permettere ogni cosa solo perché può comprare tutto, la vanità di giornalisti, degli uomini di chiesa, di avvocati, poliziotti, magistrati, politici. La vanità di ognuno di noi che giudichiamo fatti e persone basandoci sui nostri odi e sul nostro rancore. Romanzo attualissimo, soprattutto ai giorni nostri.

 

La versione della cameriera

Daniel Woodrell

21/04/2020 | NNEditore

 

 

Questo romanzo di Daniel Woodrell è quello che si può definire un "country noir", primo capitolo della trilogia di West Table, cittadina del Missouri.

Siamo nel 1965 e il giovane Alek, che è anche il narratore, trascorre l`estate dalla nonna Alma. Vecchia eccentrica, Alma ha passato la sua vita al servizio di molte famiglie benestanti della città e conosce molte storie. E` anche convinta di conoscere il responsabile di un evento tragico avvenuto nel 1929, l`esplosione di una sala da ballo in cui morirono quarantadue persone e molte altre furono ferite e decide di raccontare la sua versione al nipote.

Libro di non facile lettura, quantomeno all`inizio, per i diversi salti temporali nel racconto di Alma, procedendo nella storia  diventa un affresco corale di un`intera comunità fatta di personaggi molto diversi tra loro, appartenenti al  ceto medio impoverito, oppure sono benestanti decaduti, o ubriaconi, barboni e piccoli gangster.

Il tema, i personaggi, le frasi, lo stile via via si amalgamano per dare vita ad una lettura intensa ed emozionante.

 

 

 

La foresta

Joe. R. Lansdale

18/04/2020 | Einaudi - Sile libero , 2013

 La foresta è un Western novel, (sicuramente si può "catalogare" sommariamente così) ambientato tra Texas e Kansas nei primi del `900 in cui  Joe Lansdale esprime il meglio della propria arte narrativa.

Il giovane texano Joe Parker perde i genitori a causa del vaiolo, decide di trasferirsi in Kansas e sulla strada gli uccidono il nonno e gli rapiscono la sorella. A questo punto si mette sulle tracce dei banditi accompagnato da una squadra di cacciatori di taglie che solo Lansdale potrebbe immaginare: un nero gigantesco che scava fosse per i morti, un nano colto e melanconico con una mira infallibile, una giovane prostituta, uno sceriffo con il corpo pieno di cicatrici e ustioni e senza un orecchio e un grossissimo maiale.

Il romanzo vive di esplosioni di violenza intervallate da momenti di una comicità irresistibile come solo il nostro sa descrivere. Tra frequentii richiami a Mark Twain e tanta sporcizia, Lansdale affronta senza moralismi i temi della diversità e del pregiudizio.

 

Wilderness

Lance Weller

13/04/2020 | Keller

 

Bellissimo romanzo d`esordio di Lance Weller uscito negli USA nel 2012 ed in Italia pubblicato nel 2016.

Ambientato nel 1899 racconta la storia di Abel Truman, un vecchio soldato arruolato tra i Confederati durante la Guerra Civile americana e presente nella battaglia di Wilderness del 1865.  Romanzo durissimo dove sangue, morte, puzza, angoscia, razzismo, stupro la fanno da padroni. Pieno di pathos, con piccoli personaggi indimenticabili e con meravigliose descrizioni della natura.

 

 

Rabbia a Harlem

Chester Himes

10/04/2020 | Marcos y Marcos

 Persona dalla vita travagliata, compresa la galera, Chester Himes ha avuto più fortuna in Francia e in Inghilterra prima di essere apprezzato anche negli U.S.A.. Si può considerare uno dei padri dell`hardboiled e della cultura pulp.

Scritto nel 1957 "Rabbia ad Harlem" è un insieme di storie piene di colpi di scena e personaggi incredibili e surreali che ruotano attorno al protagonista Jackson, che oltre ad essere nero è anche cristiano e molto ingenuo. Ma le storie dove sesso, violenza e turpiloquio la fanno da padrone sono solo una scusa per scoprire l`America nera di Harlem, quella giungla urbana dove la lotta quotidiana per la sopravvivenza è un must.

Romanzo poliziesco ma anche romanzo sociale. Himes ci racconta questa commedia umana grottesca con uno stile quasi cinematografico. Veramente bello e interessante.

 

Il sole dei morenti

Jean-Claude Izzo

06/04/2020 | edizioni e/o

 Ho scoperto Izzo leggendo la trilogia noir su Fabio Montale (Casino totale, Chourmo, Solea, che consiglio vivamente).

Questo è l`ultimo libro scritto dall`autore prima della sua prematura morte e pubblicato solo qualche mese prima che lui se ne andasse. Un libro duro, forte, pungente.

Narra la Storia di un uomo che potrebbe essere uno di noi. Un uomo sfortunato, che ama la vita, la moglie il figlio, che ha un lavoro, una casa. Poi, tutto ad un tratto, la moglie lo lascia e lui perde ogni cosa finendo in strada e diventa un clochard che in un ultimo slancio vitale prova a lasciare il freddo di Parigi per raggiungere Marsiglia dove aveva scoperto l`amore.

Izzo ha scritto un grande libro, struggente e di rara umanità. Le righe finali sono di una bellezza disarmante.

 

Paradise Falls. Vol. 1: Il Paradiso

Don Robertson

02/04/2020 | Nutrimenti

670 pagine da leggere attentamente, molto attentamente. 670 pagine per raccontare 10 anni di storia degli Stati Uniti, intorno al 1865, appena terminata la guerra civile americana. 670 pagine dense di bene e di male, popolate da una moltitudine di personaggi che ruotano intorno ai due protagonisti principali e che raccontano lavita di una cittadina del Midwest, del suo sviluppo e del suo declino morale.

Si parla di persone, uomini e donne, delle loro vite, dei loro sogni, degli ideali, dei loro amori, delle paure, delle passioni ma anche delle loro ambizioni.

Un romanzo epico, scritto da un grandissimo della letteratura americana, che invoglia  a buttarsi a capofitto nelle oltre 800 pagine del secondo volume sempre edito da Nutrimenti:

Paradise Falls. Vol. 1: L`inferno .

 

Il sentimento del ferro

Giaime Alonge

30/03/2020 | Fandango Libri

Storia di nazisti e campi di concentramento, di ebrei e di caccia ai colpevoli sopravvissuti. Non il solito libro però, non la solita storia già letta molte volte. Prima di tutto nel modo di raccontarla; Alonge racconta due periodi diversi, alternandoli capitolo per capitolo, la storia negli anni `40 e l`attualità nel 1982. In secondo luogo la lettura affronta certamente gli orrori della nascita della “soluzione finale” e di tutte le sperimentazioni nei vari campi di concentramento facendo sì che il lettore si immedesimi con i torti ed i soprusi subiti dal popolo ebraico ma lo porta anche a fare riflessioni sul Sionismo facendo trasparire come questo abbia portato a situazioni incandescenti in Palestina. Il sentimento del ferro, quella percezione che hanno gli schermidori, che li porta ad essere un tutt`uno con la loro arma, in questo romanzo viene utilizzato per simboleggiare i sentimenti di odio, vessazione e vendetta di cui questa storia è piena.

 

The Free

Willy Vlautin

26/03/2020 | Jimenez Edizioni

 

Vlautin è scrittore, musicista e songwriter. È stato voce principale dei Richmond Fontaine sino al 2016 ed ora è membro dei Delines. Questo è il suo primo libro che leggo (rimedierò sicuramente nel prossimo futuro andandomi a prendere tutti i precedenti).

Libro di una bellezza disarmante. Vlautin racconta la fatica di vivere nell`America di oggi, nella solitudine dei tre protagonisti le cui storie si intrecciano tra di loro dipendendo una dall`altra. La storia di Leroy Kirvin, reduce dall`Iraq, che tenta il suicidio e resta immobilizzato ed intubato in ospedale si unisce a quella di Freddie McCall che lavora nella casa famiglia dove Leroy tenta il suicidio e che per far fronte a continue spese mediche per una delle due sue figlie ha un secondo lavoro. Freddie si trova ad andare a far visita tutti i giorni a Leroy nell`ospedale dove lavora l`infermiera Pauline che vive da sola e sente forte la responsabilità verso il padre disturbato mentalmente ed irascibile. Pauline a sua volta si interessa alla vita della giovane Jo che le ricorda se stessa da giovane.

Vlautin racconta le loro storie incastonandole in una triste cappa di disperazione da cui sembra non esserci via d`uscita. La scrittura di Vlautin è ipnotica, da ballata, che rende questo libro un grande romanzo che scava nella coscienza infelice dell`America degli anni 2000.

 

Delitto metafisico

Ernani Natarella

24/03/2020 | Il Re Corvo Edizioni

Ernani lo conosco da tempo, ma come musicista. Leader e bassista degli Sugar Ray Dogs mi ha affascinato con la sua musica negli anni passati. Ora lo scopro ottimo scrittore di romanzi noir. Con questo primo romanzo inaugura la serie Misteri e delitti di Acquanegra, ambientata tra le nebbie del pavese, in una cittadina immaginaria situata subito dopo il ponte di barche di Bereguardo sul Ticino e vicino a Garlasco. Con un po` di Joe R. Lansdale tra le righe, partendo da un braccio ritrovato in acque melmose, Ernani ci porta attraverso una storia torbida che ha origine nel passato e che si sviluppa tra killer di professione e decrepiti avvocati. La scrittura di Ernani è dinamica, ironica e sarcastica. La figura del commissario Sarno Mezzanotte, personaggio atipico, sicuramente ci darà molte soddisfazioni nel prosieguo della serie unitamente a quella del pensionando commissario Colandrea e a tutti gli altri personaggi.

 

Forze speciali

Marco Denti

14/03/2020 | Fragile libri

 

Giornalista e critico musicale, Marco Denti ha collaborato con alcune tra le più importanti riviste musicali quali Il Mucchio Selvaggio e Il Buscadero. E` anche autore di saggi dedicati a musicisti, scrittori e politici. Questo è il suo primo romanzo che definirei molto intrigante.

Dalla quarta di copertina “In una città travolta dalla guerra civile, cresce l`idea di organizzare un concerto di Bob Dylan, o di un suo alias. Le forze di occupazione cercano di impedirlo e, nel corso delle operazioni militari, Blind, un colonnello italiano che guida una brigata internazionale, crede di vedere, da diversi segnali lasciati sul terreno, la presenza di Linda, una marine con cui si è addestrato e ha combattuto a lungo. Il suo ricordo lo riporta in Afghanistan, a Baghdad, a Berlino, a Varsavia e a Dublino, mentre, tra un combattimento e l`altro nel territorio urbano, deve affrontare un rave party, la disintegrazione del duomo, la pronipote della principessa Diana, una sfilata d`alta moda, la speculazione edilizia, la burocrazia e la corruzione, e, più di tutto, i suoi dubbi e i suoi blues, che sono quelli di chi vive in un mondo pericoloso e paradossale, il nostro.” “Inseguiamo un uomo, una donna, un sogno, una storia o una canzone, ma viviamo di diversivi.”

Con uno stile tutto suo e con qualche richiamo a Tom Clancy e ad Alan D. Altieri nella descrizione delle armi e degli scenari di guerra, Marco Denti ottiene un ottimo risultato nel suo esordio come romanziere. Consiglio la lettura ascoltando i vari pezzi musicali richiamati nel romanzo.

 

Dall'archivio Libri

Adelmo Cervi Io che conosco il tuo cuore

Piemme, 2015 con Giovanna Zucca Saggi

di Elena Bertoni

Jonathan Lee Il tuffo

BigSur, 2017 Narrativa Straniera

di Corrado Ori Tanzi

Elisabetta Cucco Vinicio capossela: un rabdomante senza requie

Auditorium 2005 Musica

di Simone Broglia

Anthony Doerr A proposito di Grace

Rizzoli, 2016 Narrativa Straniera

di Corrado Ori Tanzi

Fabio Volo Esco a fare due passi

Mondadori, 2001, £ 24000

di Andrea Balestri

Donato Carrisi L`uomo del labirinto

Longanesi, 2017 Narrativa Italiana

di Corrado Ori Tanzi

Georges Simenon Il sorcio

Adelphi, 2017 Narrativa Straniera

di Corrado Ori Tanzi

Bruce Springsteen Born to Run

Mondadori Biografie

di Maurizio Giannetta

Joyce Carol Oates Il collezionista di bambole

Il Saggiatore, 2018 Narrativa Straniera

di Corrado Ori Tanzi

Pier Luigi Vercesi Fiume

Neri Pozza, 2018 Saggi

di Corrado Ori Tanzi

Strummer, Jones, Simonon, Headon The clash

Isbn edizioni, 2008 Musica

di Arianna Marsico

António Lobo Antunes Lo splendore del Portogallo

Feltrinelli, 2019 Narrativa Straniera

di Corrado Ori Tanzi

Tennessee Jones Liberami dal nulla

2006, Quarup Editrice -Formato: 14x21 – 176 Pg - 13 Euro Narrativa Straniera

di Christian Verzeletti

Petra Hammesfahr Il seppellitore di bambole

Longanesi, 2001, £ 32000

di Simona

Michael Hornburg Le ceneri degli angeli

Bompiani, 1995, £ 20000

di Andrea Balestri

Jonathan Coe La casa del sonno

Feltrinelli, 1998, £ 25000

di Simona

Giuseppe Ciotta In catene. I giorni di Layne Staley e degli Alice In Chains

Chinasky Edizioni, 2019 Musica

di Gianluca Crugnola

Georges Simenon La fioraia di Deauville e altri racconti

Adelphi, 2017 Narrativa Straniera

di Corrado Ori Tanzi

Federico Fiumani Dove’eri tu nel ’77?

Coniglio Editore - 96 pagg., 10 euro Musica

di Federico Linossi

Niccolò Ammaniti Io non ho paura

Einaudi, 2001, £ 16000

di Andrea Balestri