#ANDRA’TUTTO BENE: IL MESSAGGIO DELLA MUSICA DI SIXTEEN

#ANDRA’TUTTO BENE: IL MESSAGGIO DELLA MUSICA DI SIXTEEN


19/03/2020 - News di alternativeMusic

 

 

Non è solo un hasthag che riempie gli schermi di tutto il pianeta, ANDRA’ TUTTO BENE è anche un invito che Sixteen, nome d’arte di Doemnico Lovicario, rivolge a se stesso, prima ancora che si scatenasse un’emergenza sanitaria che sta sconvolgendo le vite di tutti noi. La storia di Sixteeen ha inizio nel 2013 quando Sixteen, a soli 18 anni, pubblica il suo primo singolo "C'è Da Vivere" in collaborazione con Dydo degli storici "Huga Flame": da lì in poi, Domenico non si è più fermato. Se gli chiedessimo  il genere che gli appartiene, non sarebbe solo il rap la sua risposta, sarebbe infatti scontato e riduttivo, circoscrivere, di Sixteen, in un genere univoco. La sua è infatti un‘espressiva, che trova nel rap, il linguaggio più spontaneo e più immediato per veicolare il disagio interiore, la contraddittorietà dei suoi pensieri, la propria fragilità…

 

.Spesso e volentieri dedito anche al freestyle, il rapper di Altamura non ha mai posto freni alla commistione di stile e di influenze che hanno continuamente variegato la sua identità musicale. Tanti sono i colleghi che hanno preso parte alle sue produzioni, prestando anche un piccolo contributo che arricchisse un pezzo di per sé già completo, ma con un risvolto ulteriore  che l’incontro di due mondi, potesse ostentare in maniera diretta. Sempre attento alle esigenze di stare al passo con i tempi, ma senza mai assecondare una moda, Sixteen non ha assimilato la sua musica con il trap, di cui ha colto i contorni e le spaziature più consone, piegandolo sempre alle proprie esigenze espressive. 

 

Oggi è il 19 marzo e tra dieci giorni esatti il rapper, oltre che compiere 25 anni, pubblicherà su tutti i digital store il suo nuovo progetto discografico “IPOCONDIRA EP”.

Il disco, preordinabile al seguente link

 http://bit.ly/IpocondriaEpPresalvaOra,

 raccoglie  7 tracce che includono  anche collaborazioni notevoli e i cui titoli, sono stati svelati da Sixteen stesso, tre giorni fa sul suo canale Instagram.

Un viaggio, come l’artista lo ha definito, a ciclo continuo, dove ogni pezzo è una traccia non solo di un album, ma di tutti coloro che nella musica, riconoscono un modo per esorcizzare paura ed angoscia.

 

 

Sonia Bellin