La rivoluzione del battito di ciglia<small></small>
Italiana • Folk • cantautorato

Yo Yo Mundi La rivoluzione del battito di ciglia

2020 - Felmay/Egea

06/04/2021 di Ambrosia J. S. Imbornone

#Yo Yo Mundi#Italiana#Folk

Il 18 marzo è stato pubblicato il secondo singolo tratto dall’album degli Yo Yo Mundi La rivoluzione del battito di ciglia, la canzone Il respiro dell’universo, identificato come racconto del vento che “passa e spettina le ciglia”, canto delle foglie, momento in cui l’universo si alimenta in un’idea poetica di amore universale. Questo brano lieve, ispirato e delicato, dalle trame acustiche rasserenanti, è accompagnato da un video in cui anche l’amore di coppia si fa comunione giocosa e colorata con la natura, estasi panica che nella scoperta dell’altro diventa rinascita che copre di foglie e fonde con le stelle. Il video ha coinvolto infatti l’artista di body painting Virginia Vivi Benzi, protagonista del video con Alessandro Granero e la band; il videoclip è stato realizzato da Ivano A. Antonazzo su un’idea di Paolo Enrico Archetti Maestri, voce e firma di tutti i brani del disco, e approfittiamo di questo nuovo singolo per recuperare questo album pubblicato a novembre, che fin dal titolo appare un manifesto di bellezza, grazia e impegno sociale, per cercare risposte alle esigenze di felicità e di un’esistenza sostenibile.

Diciannovesimo disco per il gruppo, che ha circa trentadue anni di storia alle spalle, l’album si apre con una dedica “ai sorrisi che avvicinano più dei passi”, “alla giocosa malinconia dell’infanzia”, “alla poesia che ci consola, alla solidarietà”, “alla felicità ovunque si nasconda”: Ovunque si nasconda appare un brano programmatico e sorridente, con archi pieni di vita arrangiati da Chiara Giacobbe e con una bella linea di basso.

Alla speranza invita in qualche modo Fosbury, ispirata alla storia dell’atleta che, contro ogni previsione, cambiò l’atletica con un nuovo tipo di salto in alto, un pezzo colorato dalle sfumature struggenti delle cornamuse a cura di Simone Lombardo e accompagnato dall’eleganza del flicorno di Giorgio Li Calzi. La speranza innalza anche Spaesamento, che, tra chitarre dolceamare, il sostegno della base ritmica di Andrea Cavalieri e di Eugenio Merico e la poesia degli archi di Giacobbe, parte dallo sconforto nell’osservare una società dominata dall’ “istinto di aggredire” e dal consumismo più vacuo, parte dalla “china intinta nella malinconia”, per ricordare la possibilità di vivere ancora “qualcosa che valga la pena sognare”, ribadita quasi come una fede laica. E ancora vibra la speranza anche in Lettera alla notte, quando il buio, nel suo “abbraccio sicuro”, trapunto di stelle, narra la rinascita sulle labbra di un neonato o in un “germoglio nuovo che cresce”, racconta di un libro che “si apre su mondi che non avevi mai sfogliato” e della luce che poi torna a filtrare “dai buchi del cielo”, magari dopo lampi e “piogge diagonali”.

Si inneggia alla serenità della notte e dei sogni dei bimbi nella magnifica Ninna nanna del filo, così come si inneggia indirettamente alla pace ne Il silenzio che si sente, raccontando il silenzio addolorato e stanco della guerra che sparge devastazione e desolazione, ma che non annienta chi vive e resiste ancora. Nell’album c’è ancora poi la resistenza della Val di Susa e di altri territori in VCR, con la fisarmonica di Fabio Martino, che è stato uno storico componente del gruppo, i ghirigori senza tempo, dal sapore occitanico, della ghironda di Simone Lombardo, e la voce di Marino Severini dei Gang.

In generale nel disco si ascoltano chitarre al contempo chiare, delicate, luminose e pensose, ricami di archi che accarezzano come “una piuma sulla pelle” (Il paradiso degli acini d’uva) e come uno scintillio rassicurante di stelle, pennellate di fiati che portano colori, brio o gradazioni emozionali (ad es. l’intenta ocarina bassa Gianluca Magnani dei Flexus, o il fascino irruente del sax di Maurizio Camardi nel crescendo indiavolato che segna la conclusiva Umbratile); si apprezzano sonorità in punta di piedi che squadernano potente un lirismo avvolgente, tra versi immaginifici, densi di poesia ed esempio di qualità e raffinatezza rare e benefiche. I testi di queste magnifiche canzoni, ennesima testimonianza di talento e idealità della storica band, incoraggiano a superare le paure e a credere ancora nella forza rivoluzionaria dell’amore e della bellezza, di profumi, sapori e di emozioni tenere, a credere ancora nei sogni che danno sollievo e sostengono la realtà quotidiana e le sue lotte. 

Track List

  • Ovunque si nasconda
  • Fosbury
  • Spaesamento
  • Il respiro dell`universo
  • Il paradiso degli acini d&rsquo;uva
  • Bacio sospeso
  • Il silenzio che si sente
  • Lettera alla notte
  • Ninna nanna del filo
  • VCR
  • Umbratile

Articoli Collegati

Yo Yo Mundi

Evidenti tracce di felicità

Recensione di Marcello Matranga

Yo Yo Mundi

Intervista 06/06/2011

Recensione di Vittorio Formenti

Yo Yo Mundi

Munfrà

Recensione di Vittorio Formenti

Yo Yo Mundi

Album Rosso

Recensione di Massimo Sannella

Yo Yo Mundi

Fuoriusciti

Recensione di Massimo Sannella

Yo Yo Mundi

L’ultimo testimone

Recensione di Christian Verzeletti

Yo Yo Mundi

Live Report del 14/07/2005

Recensione di Christian Verzeletti

Yo Yo Mundi

Resistenza

Recensione di Christian Verzeletti

Recensione di Christian Verzeletti

Yo Yo Mundi

Intervista 03/09/2003

Recensione di Christian Verzeletti

Yo Yo Mundi

La libertÁ

Recensione di Christian Verzeletti

Yo Yo Mundi

Alla bellezza dei margini

Recensione di Christian Verzeletti