La libertÁ<small></small>
World

Yo Yo Mundi La libertÁ

2003 - MESCAL

20/06/2003 di Christian Verzeletti

#Yo Yo Mundi#World

Ogni uscita degli Yo Yo Mundi, sia essa un concerto, una collaborazione o anche la pubblicazione di un cd singolo come “La libertà”, è l’occasione per un ulteriore passo avanti su un cammino fatto di fantasia e di tradizione, di musica e di coscienza.
Secondo questa logica, i programmi, più o meno discografici, possono subire variazioni in base alle motivazioni e agli stimoli incontrati strada facendo.
Il brano portante di questo singolo avrebbe dovuto essere un remix de “La danza dei pesci spada”, poi sostituito dalla cover di Gaber. Motivo: testimoniare la propria vicinanza al cantautore, oltre che rendergli un sentito ommagio. E gli Yo Yo Mundi sono tra i pochi che ne hanno tutto il diritto, visto la loro partecipazione a “Io non mi sento italiano” e la presenza in studio di Beppe Quirici, che è stato produttore degli ultimi due dischi di Gaber.
Va detto inoltre che le canzoni degli Yo Yo Mundi, pur mantenendo uno sguardo e un linguaggio più leggeri, ben si accostano per tematiche, e a tratti anche per suoni, all’etica umanista di Gaber. La versione della “Libertà” è infatti in linea con la loro produzione: una combinazione di folk-rock e di musica popolare, che assume toni corali, per ribadire la partecipazione di tutta la line-up nel saluto diretto al Signor G.
Il dischetto inoltre si segnala per altri due brani: “La storia del Bacicalupo innamorato” e “Uh-uh Ah-ah, j´ai toujours faim de toi”. Il primo è un inedito strumentale, ormai si può dire “alla Yo Yo Mundi”, con tanto di violoncello, flauto a traverso e campane tibetane, che serve da presentazione all’omonimo libro di favole a firma della band. Il volume dovrebbe comprendere tavole a colori ed anche delle musiche, tutte centrate sulle figure di animali immaginari.
Il secondo brano è invece tratto dall’album “Alla bellezza dei margini”,con l’aggiunta delle percussioni di Claudio Fossati e dei cori di Simona Sinina Carando. Qua il rimando è a Francesco Biamonti, scrittore ligure scomparso due anni fa, a cui il testo cerca di avvicinarsi con una scrittura scarna.
Costituito da tre canzoni, “La libertà” si presenta solo a livello quantitativo come un’uscita secondaria rispetto “Alla bellezza dei margini”. Ma, se si considerano qualità e sostanza, questo mini-cd diventa necessario. Tanto che potrebbe e dovrebbe essere preso ad esempio per come un singolo può diventare parte viva, e non solo semplice protuberanza, dell’album ufficiale.

Track List

  • LA LIBERTÁ|
  • LA STORIA DEL BACICALUPO INNAMORATO|
  • UH-UH AH-AH, J’AI TOUJOURS FAIM DE TOI

Articoli Collegati

Yo Yo Mundi

La rivoluzione del battito di ciglia

Recensione di Ambrosia J. S. Imbornone

Yo Yo Mundi

Evidenti tracce di felicità

Recensione di Marcello Matranga

Yo Yo Mundi

Intervista 06/06/2011

Recensione di Vittorio Formenti

Yo Yo Mundi

Munfrà

Recensione di Vittorio Formenti

Yo Yo Mundi

Album Rosso

Recensione di Massimo Sannella

Yo Yo Mundi

Fuoriusciti

Recensione di Massimo Sannella

Yo Yo Mundi

L’ultimo testimone

Recensione di Christian Verzeletti

Yo Yo Mundi

Live Report del 14/07/2005

Recensione di Christian Verzeletti

Yo Yo Mundi

Resistenza

Recensione di Christian Verzeletti

Recensione di Christian Verzeletti

Yo Yo Mundi

Intervista 03/09/2003

Recensione di Christian Verzeletti

Yo Yo Mundi

Alla bellezza dei margini

Recensione di Christian Verzeletti