Martin Scorsese

Musical

Martin Scorsese NEW YORK NEW YORK


1977 » RECENSIONE | Musical
Con Liza Minnelli, Robert De Niro, Diahnne Abbot, Barry Primus, Lionel Stander, Georgie Auld

di Claudio Mariani
Forse ciò che salta in mente a qualsiasi persona del globo nel sentir ripetere due volte di seguito il nome della città della Grande Mela, è la canzone cantata da Liza Minelli. In secondo piano arriva il film del 1977 di Martin Scorsese. Eppure la canzone è nata per il film e non il contrario. Se la prima ha avuto un successo planetario anche e soprattutto per la versione di Frank Sinatra, il film invece è stato forse il tonfo più grosso della carriera di Scorsese. E come tutte le grandi opere meritevoli di rispetto, vengono poi rivalutate successivamente, e guarda a caso questo capita spesso agli autori americani. Il poco successo della pellicola è difficilmente spiegabile, ma sono anche difficilmente spiegabili dei successi clamorosi di pellicole insulse. Quindi tutto torna, o quasi. Essendo un film di genere chiaramente deve avere la fortuna di incontrare, nel momento storico dell’uscita nelle sale, la congiuntura precisa con i gusti e la voglia della gente. Ciò evidentemente non successe in quel finire degli anni ‘70. Rivedendola oggi, la sesta fatica registica di Scorsese, è stato forse uno dei suoi progetti più ambiziosi meglio riusciti. Ha il pregio di essere un musical che si può fare apprezzare anche da chi non ama il genere, perché le canzoni, nonostante siano importanti, lasciano il primo piano alla storia d’amore dei due protagonisti. Siamo alla fine della Seconda Guerra Mondiale quando Jimmy e Francine si conoscono, si frequentano rincorrendosi e collaborando per anni, l’uno come compositore e musicista, l’altra come cantante. Poi si perderanno, forse inesorabilmente e per sempre. La storia si sviluppa in una maniera per niente “da musical” prendendo una piega per nulla scontata. Il fine del regista era quello di rendere un omaggio totale ai musical degli anni ‘40 e ‘50 di Hollywood, quelli per intenderci di Vincente Minelli (padre proprio di Liza), e per farlo ha utilizzato una squadra di tecnici splendida che è riuscita a ricreare perfettamente quel mondo. In particolare si è voluto ricostruito tutto in studio, come una volta, fondali dipinti compresi. In questo scenario finto Scorsese ha voluto calare una storia più che realistica, addirittura improntando in parte la recitazione dei protagonisti sull’improvvisazione. Una scelta che poteva sembrare azzardata, ma che è riuscita a regalarci una recitazione a due memorabile: da una parte una Minelli splendidamente sincera, timida, e dall’altra un De Niro di una prorompenza ed invadenza palpabile. Questa volta è proprio lui l’anti-eroe della pellicola, visto che ben presto tutti si schierano per la Minelli, rimanendo in ogni caso nella speranza che il finale sia diverso da quello “negativo” che ha deluso un po’ tutti (compresi gli autori) ma che, alla lunga, è uno dei pregi del film. E così nella storia rimangono molte scene memorabili tra i due interpreti, tipo la richiesta di matrimonio o la litigata prima di partorire, nonché il primo indimenticabile approccio della “zanzara” Jimmy. E poi ci sono le scene musicali, rimane un motivo indimenticabile e per sempre associato alla città americana e un altro impedibile, tuttora la canzone preferita della stessa interprete: “the world goes ’round”, che nelle sue semplici parole dice tutto: “a volte sei felice, a volte sei triste, a volte le cose vanno bene, a volte le cose vanno male, ma il mondo continua a girare”. Film da riscoprire e rivalutare. (Re-visione scritta nel gennaio 2009)

Martin Scorsese Altri articoli

Martin Scorsese L`ultima tentazione di Cristo

1988 Storico
recensione di Claudio Mariani

Martin Scorsese The Irishman

2019 Drammatico
recensione di Claudio Mariani

Martin Scorsese Hugo Cabret

2011 Avventura
recensione di Claudio Mariani

Martin Scorsese L'ETà DELL'INNOCENZA

1993 drammatico
recensione di Claudio Mariani

Martin Scorsese SHUTTER ISLAND

2009 Thriller, Drammatico
recensione di Claudio Mariani

Martin Scorsese AL DI Là DELLA VITA

1999 drammatico
recensione di Claudio Mariani

Martin Scorsese TORO SCATENATO

1980 Drammatico, Biografico
recensione di Claudio Mariani

Martin Scorsese RE PER UNA NOTTE

1983 commedia, drammatico
recensione di Claudio Mariani

Martin Scorsese MEAN STREETS

1973 Drammatico
recensione di Claudio Mariani

Martin Scorsese THE DEPARTED - IL BENE E IL MALE

2006 Drammatico, Thriller
recensione di Claudio Mariani

Martin Scorsese THE AVIATOR

2004 Drammatico
recensione di Claudio Mariani

Martin Scorsese GANGS OF NEW YORK

2002
recensione di Claudio Mariani

Martin Scorsese TAXI DRIVER

1976 Drammatico
recensione di Marco Genzanella