Semplice<small></small>
Italiana • Alternative • cantautorato, rock

Motta Semplice

2021 - Sugar

24/05/2021 di Arianna Marsico

#Motta#Italiana#Alternative

“Il periodo storico che stiamo vivendo non è presente con i suoi drammi, ma il messaggio del disco vi aderisce in pieno: mai come ora il valore della semplicità e del guardarsi dentro per trovare nuove modalità esistenziali ci è stato così evidente, riflettere su questo mi ha aiutato a scovare le parole giuste per potermi immaginare un futuro possibile”. Con queste parole Francesco Motta mette subito nero su bianco il cuore di Semplice, suo terzo disco, il secondo in cui si avvale della produzione di Taketo Gohara.

Il disco trasuda l’importanza dei piccoli istanti e delle relazioni, pur in tutta la sua complessità (“Semplice/Come quando io ti guardo e non ti accorgi /Come quando non sappiamo più aiutarci” canta nella title – track), proprio quello che da oltre un anno sembra mancare come l’aria. Quello che quando si afferra sembra quasi di rubarlo, di non meritartelo. Quello che quasi non sai più gestire, vittime di una polarizzazione che lascia poco spazio alle sfumature e alla comprensione.

Nonostante i bei testi scritti spesso a quattro mani con Pacifico, in questo lavoro la cosa che colpisce maggiormente sono i suoni e gli arrangiamenti, in cui spicca il contributo degli archi di Carmine Iuvone. Forse per la varietà di musicisti coinvolti. Oltre al già citato Iuvone e ai fidatissimi Giorgio Maria Condemi (chitarra), Matteo Scannicchio (tastiere) e Cesare Petulicchio (batteria) ci sono i contributi del percussionista brasiliano Mauro Refosco e del bassista Bobby Wooten (entrambi in passato hanno lavorato, tra gli altri, con David Byrne).

Se il primo singolo E poi finisco per amarti sembra fare da trait d'union con Ed è quasi come essere felice (del secondo disco Vivere o Morire), un brano come L'estate d'autunno è un continuo crescendo emotivo e sonoro, con un’esplosione violentissima in versi come: “Sono l’estate d’autunno/Sono padre di mio padre”. Per non parlare dell’approccio punk di Quello che non so di te.

Quasi un pugno allo stomaco dopo un brano dolcissimo come Qualcosa di normale, in cui Motta duetta con la sorella Alice. Il cantautore ha rivelato di aver fatto sentire il pezzo a Francesco De Gregori, il quale gli suggerì di cantarlo con una donna, e non poté fare a meno di pensare alla voce di sua sorella. Fra l’altro ascoltandola viene da pensare che Il Principe abbia in qualche modo ispirato la canzone, con la sua Il signor Hood, nei suoi delicati saliscendi e nel rendere straordinarie le piccole cose.

Semplice si conclude con Quando guardiamo una rosa, scritto con Dario Brunori, in cui rimane il dubbio se Motta stia parlando all’altro o a sé stesso, e in cui si mette a nudo in modo disarmante.

Non resta che vedere Semplice sul palco, con Francesco in questa veste di autore e interprete assieme che corre e abbraccia i suoi musicisti.

Un’altra cosa che ci è mancata tantissimo.

Track List

  • A te
  • E poi finisco per amarti
  • Via della Luce
  • Qualcosa di Normale
  • Quello che non so di te
  • Semplice
  • Le regole del gioco
  • L`estate d`autunno
  • Dall`altra parte del tempo
  • Quando guardiamo una rosa

Articoli Collegati

Motta

Live Report del 10/09/2021

Recensione di Arianna Marsico

Motta

Live Report del 28/09/2019

Recensione di Arianna Marsico

Motta

Live Report del 14/09/2018

Recensione di Arianna Marsico

Motta

Live Report del 26/05/2018

Recensione di Arianna Marsico

Motta

Vivere o Morire

Recensione di Arianna Marsico

Motta

Live Report del 18/03/2017

Recensione di Arianna Marsico

Motta

Intervista 29/07/2016

Recensione di Giuseppe Catani

Motta

La fine dei vent`anni

Recensione di Giuseppe Catani