Earl ` s Closet: The Lost Archive of Earl McGrath, 1970-1980<small> [<strong>Lost & Found</strong>]</small>
Rock Internazionale • Rock

Artisti Vari Earl ` s Closet: The Lost Archive of Earl McGrath, 1970-1980 [Lost & Found]

2022 - Light In The Attic

06/08/2022 di Marcello Matranga

#Artisti Vari#Rock Internazionale#Rock ##EARL MCGRATH

Prezioso lavoro di recupero da parte della mai troppo lodata Light In The Attic, label americana dedica a preziosissime ristampe o complilation che permettono, a coloro che ancora sentono ardere il sacro fuoco della curiosità, di scoprire, conoscere, approfondire personaggi che ai più diranno poco, ma che in realtà, sono stati tasselli fondamentali per la diffusione di un certo dtipo di musica.

Earl McGrath è stato un grande collezionista d'arte e un comico, un signore che sapeva vivere che si è imbattuto nel business discografico, passando tra feste leggendarie a New York e Los Angeles. Scopritore di gente come Hall e Oates o Jim Carroll.Nel 1970 il fondatore della Atlantic Records, Ahmet Ertegun affido a Earl la Clean Records agli inizi  del 1970. Niente di che, qualche LP ed un paio di singoli dei Valentinos, band che vide Bobby Womack presente agli inizi della loro carriera. Nel 1977 Mick Jagger lo chiama per dirigere la Rolling Stones Records.

Amico della scrittrice Joan Didion, ma anche di Andy Warhol, Earl era un uomo capace di creare gusti che poi svrebbero fatto presa sul pubblico. Harrison Ford, che prima della fama ottenuta grazie a Star Wars era stato tuttofare e spacciatore di erba di Earl, lo ha definito "l'ultimo di una razza, uno degli ultimi grandi gentiluomini e bohémien".

Dopo la morte di Earl, avvenuta nel 2016, il giornalista Joe Hagan, autore della bio di Jann Wenner, fondatore della rivista americana Rolling Stones, intitolata Sticky Fingers (ovviamente mai pubblicata in Italia), scopre una serie di nastri rarissimi ma anche inascoltabili nell'appartamento di Earl a New York, conservati dentro il suo armadio. "Ho chiesto una scala e la prima cassetta che ho tirato fuori dallo scaffale era un nastro master di Some Girls, l'album degli Stones", racconta Hagan. Un lungo lavoro è servito per dare agli ascoltatori di poter ascoltare bene le canzoni scelte, fino a quando la Light in the Attic Records, a metà dello scorso mese di luglio, ha pubblicato questo interessantissimo Earl's Closet: The Lost Archive Of Earl McGrath, 1970-1980. Si tratta di un doppio album in vinile / singolo CD, contenente pezzi inediti di Daryl Hall e John Oates, David Johansen, Terry Allen, Delbert McClintonIsabelle Collin Dufresne, nota come Ultra Violet, icona e musa di Andy Warhol, la leggenda del sax di Detroit Norma Jean Bell, Jim Carroll.

A loro si aggiungono un bel numero di artisti pressoché sconosciuti, che un tempo si contendevano fama e gloria pubblicando gemme folk, rock, country, funk e R&B che praticamente nessuno ha più ascoltato da decenni. Che si tratti del quasi famoso power pop degli Shadow from Detroit o del soul in stile Delfonics dei Blood Brothers Six, Earl's Closet ripercorre i sogni degli artisti che un tempo inviavano demo a McGrath. Per questo ponderoso lavoro, il ganese Pat Thomas ha dato un contributo importante, assistendo Hagan nel rintracciare gli artisti e nel finalizzare i pezzi.

Nella confezione c'è un approfondito libretto di documenti, immagini provenienti dall'archivio di Earl, ampie note di copertina di Joe Hagan, che ha rintracciato e intervistato gli artisti, e sorprendenti fotografie della defunta moglie di Earl, la contessa italiana Camilla Pecci-Blunt McGrath. Il contenuto è uno spaccato incredibile di un mondo, estremamente vario, ma proprio per questo interessantissimo, che racchiude ventidue pezzi che rimandano ad un decennio che è riuscito, in buona parte, ad essere depositario di un sound che ancora poteva dimostrare qualità che meritano di essere riscoperte. 

Un disco storicamente bello ed appassionante. Un lavoro certosino che, temo, finirà per essere oggetto di ricerca da parte dei soliti, sempre più esigui, acquirenti di dischi.



 

Track List

  • Two More Bottles of Wine : Delbert and Glen
  • Baby Come Closer : Daryl Hall and John Oates
  • Gonna California : Terry Allen
  • Only Yourself to Lose - Kazoo Fingers
  • Christopher : Michael McCarty
  • Dixie Darling : Jim Hurt
  • California : Mark Rodney
  • Killer - Country (Fondiler and Snow)
  • Dry in the Sun : Daryl Hall and John Oates
  • Oh La La - Shadow
  • Cocaine Cowboy : Terry Allen
  • How Do You Do (Children of the Most High) : Ultra Violet
  • Invisible Lady : Johnny Angel (Johnny Angelino)
  • I See My Days Go By : Shadow
  • Where Have All the Flowers Gone? : Blood Brothers Six
  • Salt Showers : Len and Betsy Greene
  • Holy Commotion : Paul Potash
  • Sail Away : Jabor
  • Funky But Chic : David Johansen
  • Just Look-ah What You`ll Be Missing : Norma Jean Bell
  • Tension : The Jim Carroll Band
  • Waiting for Me : Little Whisper and the Rumors

Articoli Collegati

Artisti Vari

Broken Hearts and Dirty Windows Volume 2

Recensione di Marcello Matranga

Artisti Vari

Highway Butterfly The Songs Of Neal Casal

Recensione di Marcello Matranga

Artisti Vari

Buscadero Americana

Recensione di Marcello Matranga

Artisti Vari

EZ KURDISTAN IM / Musica dal Kurdistan in Italia

Recensione di Mauro Quai

Artisti Vari

American Boy - La Storia di un Ribelle Americano (CD + Libro)

Recensione di Marcello Matranga

Artisti Vari

Yayla - Musiche ospitali

Recensione di Laura Bianchi

Artisti Vari

Live Report del 20/05/2018

Recensione di Laura Bianchi

Artisti Vari

Even A Tree Can Shed Tears: Japanese Folk & Rock 1969-1973

Recensione di Marcello Matranga

Artisti Vari

Woody Guthrie The Tribute Concerts - Carnegie Hall 1968 Hollywood Bowl 1970

Recensione di Marcello Matranga

Artisti Vari

Special 22/12/2016

Recensione di Autori vari

Artisti Vari

God Don`t Never Change - The Songs of Blind Willie Johnson

Recensione di Fausto Gori

Artisti Vari

Ringrazio le farfalle

Recensione di Laura Bianchi

Artisti Vari

Dead Man`s Town

Recensione di Luciano Re

Artisti Vari

Divided & United: The Songs Of The Civil War

Recensione di Luciano Re

Artisti Vari

Son of Rogues Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs & Chanteys

Recensione di Luciano Re