Invisible Music - - Folk Songs That Influenced Angela Carter<small></small>
Rock Internazionale • Folk • dark, folk, pop

Polly Paulusma Invisible Music - - Folk Songs That Influenced Angela Carter

2021 - One Little Ind. Records

08/10/2021 di Alfonso Fanizza

#Polly Paulusma#Rock Internazionale#Folk

Assente dalle scene musicali da diverso, troppo, tempo, la songwriter inglese Polly Paulusma, classe 1975, è ritornata, a nove anni di distanza dalla sua ultima pubblicazione, con un nuovo ed interessante lavoro.
Tra le paladine dell’indie – folk d’oltremanica, alla Paulusma va dato, soprattutto, il merito di aver coraggiosamente realizzato un’opera trasversalmente ispirata dagli scritti di Angela Carter.

Angela Carter è stata una scrittrice, giornalista e folk singer britannica, conosciuta per le sue opere di stampo femminista, capace di conciliare l’horror – fantasy più macabro con la commedia erotica. Tra le sue opere troviamo il saggio pubblicato nel 1964 Now is the Time for Singing, nel quale evidenzia l’importanza del recupero della musica popolare.
È proprio sulla scia di questo prezioso insegnamento, Polly Paulusma si è prodigata nel recupero dei brani folk che hanno ispirato la Carter e ha pubblicato questo piacevole ed inconsueto lavoro musicale.

Pubblicato per l’etichetta One Little Independent Records, Invisible Music è un disco con il quale la Paulusma setaccia le tematiche più disparate a cavallo di più epoche fino a descriverle scrupolosamente. Immersa nella scrittura della Carter, la songwriter inglese ne ha assaporato l’essenza traducendola in canzoni in modo che cantandole potesse capirne il giusto valore. Polly Paulusma ha, così, riportato in vita quelle eroine che l’hanno influenzata, evidenziando anche quelle narrazioni sull’operato femminile e quelle tragedie storiche che rischiano di finire nel dimenticatoio. Nascono così brani come Lucy Wan che narra dell’uccisione di una donna da parte del fratello mai condannato, Jack Murno delle audaci gesta di un’eroina travestita in tempo di guerra o The Maid and The Palmer di un sopravvissuto ad abusi sui minori.

D’altra parte, allo stesso tempo, per sottolinearne la preziosa funzione culturale folkloristica del tramandare le storie, la Paulusma ha voluto alternare ai brani anche dei testi recitati. Reading, ovviamente, estrapolati dagli scritti della Carter come Several Perceptions, The Executioner’s Beautiful Daughter, The Bloody Chamber, The Erl – King e Shadow Dance, letti dalla stessa songwriter o da altri ospiti.

In Invisible Music la songwriter inglese mette in mostra tutte le sue qualità compositive proponendo ballate folk dalle marcate tinte dark rifinite da preziosi accordi di chitarra, supportata da Jed Bevington (Mortal Tides) al violino, Jack Harris alla chitarra e John Parker (Nizlopi, Ward & Parker, The Willows) al contrabbasso. Non solo, la Paulusma s’inoltra anche in peculiari interpretazioni di brani a cappella (Lucy Wan, The Banks of Red Roses, The Streams of Lovely Nancy e The Flower of Sweet Strabane) mostrando un aggraziato e piacevole timbro vocale.

Per certi versi, Invisble Music possiamo definirlo come una piacevole e interessante raccolta di “racconti sonori”.

Track List

  • Extract From Several Perceptions Read By Polly Paulusma
  • The Maid and The Palmer
  • Extract From The Executioner&rsquo;s Beautiful Daughter Read By Kirsty Logan
  • Jack Munro
  • Extract From The Bloody Chamber Read By Kathryn Williams
  • Lucy Wan
  • Extract From John Ford&rsquo;s Tis Pity She&rsquo;s a Whore Read By Kirsty Logan
  • Lady Isabel and The Elf &ndash; Knight
  • Extract From The Erl &ndash; King Read by Kathryn Williams
  • The Banks of Red Roses
  • Extract From The Erl &ndash; King Read by Polly Paulusma
  • Barbary Allen
  • Extract From The Lady of the House of Love Read By Kirsty Logan
  • The Streams of Lovely Nancy
  • Extract From The Bloody Chamber Read by Kathryn Williams
  • Reynardine
  • Extract From Shadow Dance Read by Kirsty Logan
  • The Flower of Sweet Strabane
  • Extract From Reflections Read by Polly Paulusma

Articoli Collegati

Polly Paulusma

Live Report del 02/12/2004

Recensione di Christian Verzeletti