Immagine in cornice (dvd)<small></small>
Rock Internazionale

Pearl Jam Immagine in cornice (dvd)

2007 - Monkey Wrench

14/12/2007 di Christian Verzeletti

#Pearl Jam#Rock Internazionale

Che i Pearl Jam siano sempre stati vicini ai loro fans lo sapevamo: basterebbe ricordare la battaglia che hanno portato avanti per il costo dei biglietti ai loro concerti oppure tutti i live bootleg che hanno pubblicato (aprendo una strada che in molti hanno seguito).
Si sapeva anche che la band di Seattle ha un legame particolare col pubblico italiano, ma questo dvd è riuscito nell’impresa di sorprenderci e potrebbe far ricredere anche quanti non siano rimasti convinti dalle loro prove in studio degli ultimi anni.
I Pearl Jam sono una grande band, l’unica vera sopravvissuta al giunge, e lo sono in ogni senso: suonano con competenza, entusiasmo e coscienza, e hanno una rara carica umana.
Ne è prova questo “Immagine in cornice”, vero e proprio tour diary girato dall’amico Danny Clinch (regista fotografo che ha già lavorato per Ani Difranco, Springsteen, Foo Fighters).
Realizzato in Italia in occasione delle date tenute l’anno scorso a Milano, Torino, Verona, Bologna e Pistoia, il filmato non è solo un regalo ai fans: è un esempio di come vadano registrati i live on the road e di come si possano costruire dvd musicali. Alle immagini delle migliori take dei concerti, girate da chi di musica ne capisce, si aggiungono quelle catturate nei momenti off della band sul tourbus, nel backstage e in giro per l’Italia.
Notevoli le performance sul palco con Mike McReady e Matt Cameron a fare costantemente da valore aggiunto e un Eddie Vedder a comunicare intensità tanto nei pezzi di maggior rabbia come “Blood” quanto in quelli più raccolti come una “Throw Your Arms Around Me”, in versione acustica a Pistoia. Numerose le chicche tra cui la title-track “Picture in a frame” (cover di Tom Waits), “Immortality” eseguita durante un soundcheck, “Lukin” suonata da Vedder e McReady sulle scalinate di un’Arena ancora vuota, “A quick one” degli Who con i My Morning Jacket ecc.
Emozionanti poi le immagini più quotidiane che rivelano le impressioni della band di fronte ai paesaggi e alla gente incontrata nel nostro paese. Per un Vedder tanto sensibile da prendere appunti in ogni momento e da preparare i suoi discorsi curando le traduzioni e le pronunce in italiano, ci sono un Jeff Ament che fa skateboard prima del concerto, un McReady che parla con un anziano in piazza a Bologna e un Boom Gaspar che va in visita alla Cattedrale di Pistoia per suonarne l’organo in religioso silenzio.
Tutto contribuisce ad offrire un’immagine inedita e completa dei Pearl Jam. Da incorniciare.

Track List

  • Severed Hand|
  • World Wide Suicide|
  • Life Wasted|
  • Corduroy|
  • State of Love and Trust|
  • Even Flow|
  • Better Man|
  • Alive|
  • Blood|
  • Comatose|
  • Come Back|
  • Rockin´ In The Free World|
  • A Quick One While He´s Away|
  • Throw Your Arms Around Me|
  • Yellow Ledbetter

Articoli Collegati

Pearl Jam

Gigaton

Recensione di Gianluca Crugnola

Pearl Jam

Special 22/01/2020

Recensione di Gianluca Crugnola

Pearl Jam

Live Report del 26/06/2018

Recensione di Giovanni Sottosanti

Pearl Jam

Live Report del 20/06/2014

Recensione di Ambrosia J. S. Imbornone

Pearl Jam

Lightning Bolt

Recensione di Arianna Marsico

Pearl Jam

Live On Ten Legs

Recensione di Gianmario Ferrario

Pearl Jam

Backspacer

Recensione di Alessandro Passarelli-Pula

Pearl Jam

Live Report del 15/08/2009

Recensione di Alessandro Passarelli-Pula

Pearl Jam

Pearl jam

Recensione di Christian Verzeletti

Pearl Jam

Benaroya hall

Recensione di Christian Verzeletti

Pearl Jam

Lost dogs

Recensione di Christian Verzeletti

Pearl Jam

New york new york: july 8th 2003

Recensione di Christian Verzeletti

Pearl Jam

Tampa, Florida USA 12 August 2000

Recensione di Christian Verzeletti

Pearl Jam

Binaural

Recensione di Andrea