Le storie che ci raccontiamo <small></small>
Italiana • Alternative

Perturbazione Le storie che ci raccontiamo

2016 - Mescal

14/03/2016 di Arianna Marsico

#Perturbazione#Italiana#Alternative #pop-rock #electro-pop

Il mio primo ascolto dei Perturbazione risale al 2005 o giù di lì. Con In circolo, uscito in realtà nel 2002, e con quella Agosto così bella e piena di dolci contraddizioni da far piangere.

Le storie che ci raccontiamo non ha lo stesso impatto emotivo immediato, ma scava dentro piano piano. Dietro il pop-rock striato di elettronica prodotto da Tommaso Colliva (produttore tra gli altri dei Muse, che ha fortemente voluto il gruppo a Londra per le registrazioni) si celano spaccati di vita contemporanea, di relazioni intrecciate e spezzate. Un valzer complicato, in cui “dipende solo da te”. Dipende da te diventa così un inno di speranza che non ha niente di smielato; Trentenni ha un suono fumoso ed elegante, ritratto di donne che “son la salvezza dell’Occidente” che vogliono tutto ma forse ancora non sanno cosa: da manuale la chiosa “Lui ti ha lasciato il letto e si è rubato i dischi hai perso un Don Giovanni, ma quello di Battisti”.

Nella formazione come quartetto troviamo, oltre a Tommaso Cerasuolo alla voce e Alex Baracco al basso troviamo i fratelli Cristiano e Rossano Lo Mele, il primo a chitarre e programmazione, il secondo alla batteria. E non mancano gli ospiti ad impreziosire il lavoro. Andrea Mirò porta la sua voce in modo delicato sugli intarsi sonori quasi da fiaba della buonanotte di Cara rubrica del cuore, storia di una solitudine che si riavvolge in se stessa e perde il treno per cambiare per via della foto di “una faccia di un altro”. Everest con il suo andamento quasi da cabaret si chiude con il rap di Ghemon. Le storie che ci raccontiamo si avvale del contributo di Emma Tricca e per certi versi si candida ad essere la The Universal del gruppo di Rivoli, forse per l’incedere lento, o per quel testo che abbraccia con malinconia quello che poteva e potrebbe essere.

E così in punta di piedi queste storie che ci raccontiamo, scritte con rara maestria e cura certosina, giungono al termine. Resta il sapore magico che hanno saputo dare alla nostra quotidianità, alle nostre sbandate, alla nostra solitudine che di solito a torto viene scansata.

Track List

  • Dipende da te
  • Trentenni
  • Una festa a sorpresa
  • Ti aspettavo già
  • Cara rubrica del cuore
  • Cinico
  • La prossima estate
  • Everest
  • Da qualche parte nel mondo
  • Le storie che ci raccontiamo

Articoli Collegati

Perturbazione

(dis)amore

Recensione di Giuseppe Ciotta

Perturbazione

Musica X

Recensione di Jori Cherubini

Perturbazione

In circolo - Dieci anni dopo

Recensione di Alfonso Fanizza

Perturbazione

Del nostro tempo rubato

Recensione di Ambrosia J. S. Imbornone

Perturbazione

Intervista 23/07/2010

Recensione di Ambrosia J. S. Imbornone

Perturbazione

Live Report del 30/05/2008

Recensione di Christian Verzeletti

Perturbazione

Pianissimo fortissimo

Recensione di Ambrosia J. S. Imbornone

Perturbazione

Se mi scrivi

Recensione di Christian Verzeletti

Perturbazione

Intervista 30/05/2005

Recensione di Christian Verzeletti

Perturbazione

Canzoni allo specchio

Recensione di Christian Verzeletti

Perturbazione

Intervista 08/10/2003

Recensione di Christian Verzeletti

Perturbazione

In circolo

Recensione di Christian Verzeletti