(dis)amore<small></small>
Italiana • Canzone d`autore • Pop Rock

Perturbazione (dis)amore

2020 - Ala Bianca Records

29/05/2020 di Giuseppe Ciotta

#Perturbazione#Italiana#Canzone d`autore #In circolo #agosto #Pianissimo fortissimo #Del nostro tempo rubato #canzone d`autore #Lele Battista #Fabio Capalbo

L'ottavo album in studio dei Perturbazione arriva mentre facciamo i conti con la pandemia che ne ha ritardato l'uscita, quasi a lenirci l'anima dal male inatteso che continua a spezzare vite e sta ridefinendo i contatti sociali. Proprio i rapporti con l'altro - un amico, un'amante, un affetto qualsiasi che non è mai una cosa qualunque - sono sempre stati la pietra angolare attraverso cui la poetica dei Perturbazione si è sviscerata. I musicisti piemontesi avevano presentato così il video del singolo Io mi domando se eravamo noi, diventato: "La fotografia di quell’attimo prima e di quell'istante successivo: quando le nostre vite sono cambiate senza che nemmeno l'immaginassimo. Eppure, quella folla in timelapse che anima la Milano ritratta nel clip suona quasi come un auspicio di ritorno alla normalità, se e quando sarà. Quando torneremo a chiederci se quei noi della canzone eravamo e saremo davvero noi".

Dopo le anteprime con Mostrami una donna, sorta di moderna elegia sulla femminilità; Ti stavo lontano, fra arpeggi cristallini e tenue elettronica, e Le spalle nell'abbraccio, che apre (dis)amore in modo sommesso, ora possiamo ascoltare il concept dei Perturbazione nella sua interezza. Un doppio con ventitré canzoni a tracciare la parabola esistenziale di un rapporto, che pare nascere da due linee parallele destinate a non incrociarsi, che invece si sfiorano fino a farsi una sola, per poi aggrovigliarsi e alla fine sciogliersi in direzioni diverse. Come le vicende dei due protagonisti, raccontate in ordine cronologico: sentimenti, vicissitudini, recriminazioni e rassegnazioni. Come finirà? Bisogna immergersi in questo mare magnum di fascinazioni letterarie e sonore per scoprirlo ed è un dolce naufragare, perché in (dis)amore convivono in modo personale la migliore tradizione italiana (Regime alimentare) e i richiami all'America meno mainstream (Taxi Taxi). Un'opera magniloquente, fra l'urgente spigolosità di certi Wilco e il rock da camera dei Magnetic Fields, con pennellate d'electro pop trasognato. Torna l'eleganza dei sussurri, che ha reso peculiare la canzone d'autore della band; come in Silenzio, che scivola via con Tommaso Cerasuolo a ripetere: "Mi manchi pure se ci sei". Il cantante, con una tavolozza così ampia di contenuti, dà il suo meglio con testi in cui è facile riconoscersi, e già questo è un merito, ma soprattutto non ha alcuna necessità di piegare l'italiano a scorciatoie da social slang, dimostrando che chi ha davvero qualcosa da dire, e sa come farlo, non ne ha bisogno per suonare attuale. Basti ascoltare Le sigarette dopo il sesso e Inesorabile. Ci sono le sonorità di stampo indie che li accompagnano dagli esordi (Le regole dell’attrazione, La sindrome del criceto) e ne ribadiscono la cura nel lavoro in studio, adesso caratterizzato da ampi spazi fra gli strumenti e da dinamiche che lasciano respirare le composizioni.

La loro vulnerabile ma consolante umanità risuona forte come in passato, a cementare un legame con una platea affezionata che non vede l'ora di riabbracciarli. Sì, perché la musica di Tommaso Cerasuolo, Rossano e Cristiano Lo Mele e Alex Baracco fa quest’effetto dal palco: sembra stringerti forte. Ricordo la trionfale esibizione al Mi Ami Festival del 2010, in cui il frontman cantò diversi pezzi sorretto dalle prime file, in comunione assoluta. Non si tratta del carisma da rockstar che smuove la folla con un gesto. No, parlo di regalare serenità, riflessione ed empatia, quelle di un gruppo che sa trasmettere il senso delle cose che intona, come scrissi allora per il giornale di cui ero inviato al Magnolia di Milano. Qualità rare e non banali, necessarie oggi più che mai. Non è un caso che s'intitoli Le nostre canzoni quella in cui cantano: "Ci vuol coraggio a non sentirsi soli, non è retorica: è la verità".

Track List

  • Le spalle nell`abbraccio
  • Le regole dell`attrazione
  • Ti stavo lontano
  • Mostrami una donna
  • La nuda proprietà
  • Regime alimentare
  • Le sigarette dopo il sesso
  • Il ragù
  • Chi conosci davvero
  • Il paradiso degli amanti
  • Non farlo
  • Silenzio
  • Taxi taxi
  • Inesorabile
  • Lasciarsi a metà
  • Conta su di me
  • Le nostre canzoni
  • Come i ladri
  • La sindrome del criceto
  • Temporaneamente
  • Dieci fazzolettini
  • Io mi domando se eravamo noi
  • Le assenze

Articoli Collegati

Perturbazione

Le storie che ci raccontiamo

Recensione di Arianna Marsico

Perturbazione

Musica X

Recensione di Jori Cherubini

Perturbazione

In circolo - Dieci anni dopo

Recensione di Alfonso Fanizza

Perturbazione

Del nostro tempo rubato

Recensione di Ambrosia J. S. Imbornone

Perturbazione

Intervista 23/07/2010

Recensione di Ambrosia J. S. Imbornone

Perturbazione

Live Report del 30/05/2008

Recensione di Christian Verzeletti

Perturbazione

Pianissimo fortissimo

Recensione di Ambrosia J. S. Imbornone

Perturbazione

Se mi scrivi

Recensione di Christian Verzeletti

Perturbazione

Intervista 30/05/2005

Recensione di Christian Verzeletti

Perturbazione

Canzoni allo specchio

Recensione di Christian Verzeletti

Perturbazione

Intervista 08/10/2003

Recensione di Christian Verzeletti

Perturbazione

In circolo

Recensione di Christian Verzeletti