Dove sei (pt.1)<small></small>
Italiana • Alternative • songwriter

Lucio Leoni Dove sei (pt.1)

2020 - Lapidarie Incisioni – Black Candy

21/05/2020 di Barbara Bottoli

#Lucio Leoni#Italiana#Alternative

Lucio Leoni è uno di quelli che crea attesa, che si aspetta con curiosità e voglia di scoprirlo perchè il cantautore romano ha sempre qualcosa da dire, davvero, ed ogni lavoro è una miscellanea di pensieri semplici, inseriti nelle grandi domande umane, esternate con pura libertà espressiva e artistica; e finalmente a maggio 2020 eccolo tornare con Dove sei, pt.1, che sarà seguito dalla seconda parte in uscita in autunno. Dopo Lorem Ipsum, Leoni ha atrraversato il bosco con Il lupo cattivo per localizzarsi in questo nuovo lavoro, che, come ormai, ci ha abituato l'artista è molto più di un album, trasformandosi in un momento di riflessione che anche i posteri potrebbero ascoltare per capirci, fotografando musicalmente un oggi sociale, ma nel quale manca qualcosa perchè, forse, alcune rinunce andrebbero riviste per renderci più “stabili”. Dove sei, pt.1 non è una domanda, non è un'esclamazione, ma è un “qui e ora” nel momento in cui la differenza tra ciò che si voleva diventare e ciò che si è si traduce in un essere adulto, tra l'avere tutta la vita davanti e la ricerca del futuro, tuttavia è diverso per chi ha avuto questo istante di “maturità” a cavallo tra i due secoli pregni di cambiamenti: il passaggio dalla lira all’euro, le trasformazioni dell’economia, l’omicidio di Giuliani, la tragedia delle Torri Gemelle, ma quella generazione resta di ventenni in bilico tra analogico e digitale perchè, come ci ricorda Leoni, la metamorfosi di quegli anni è stata talmente veloce e radicale da rendere i “nuovi adulti” sempre precari tra formazione e innovazione, tra social e socievole, ma legati ancora al il senso della parola e, probabilmente, anche alla fantasia perché siamo anche cresciuti con Rodari e, alcune, basi formative restano radicate.

   Eclettico, tradizionale tra rap e hip hop tiene le redini del cantautorato più classico in uno sfondo di teatro canzone sperimentale, sicuro, incontrovertibile Lucio Leoni è l'artista del flusso di coscienza condiviso e ordinato in musica, è ogni volta una scoperta ed a ogni ascolto una conferma da riascoltare subito, e a distanza di tempo stupisce ancora; in Treno presenta una filastrocca di contrapposizione del tempo, come regola e logica, alla fantasia, quindi il pensiero libero dal tempo, e ci si accorge che in quel preciso punto di scambio si colloca Leoni. Dove sei pt.1 esce per Lapidarie Incisioni/Black Candy, anticipato dai singoli Mi dai dei soldi con la collaborazione di Andrea Cosentino, Il fraintendimento di John Cage e Il sorpasso (feat. C.U.B.A.Cabbal), inoltre, c'è la presenza di Francesco Di Bella nel brano sintesi di riflessione dell'età adulta Dedica, completano il tutto due inserti musicali propri di questi momenti di cambiamento che fanno parte di un'identificazione generazionale: La crisi dei Bluvertigo e Voglio vederti danzare di Battiato. Anche in questo album l'interpretazione dell'artista romano è impeccabile, i suoni arrivano perfettamente, circondando l'ascoltatore nelle riflessioni come un dolby surround dei pensieri di Lucio Leoni che riflettono, analizzano, studiano, osservano, capendo che alcune cose vanno comprese rivalutando alcuni aspetti che sono stati tralasciati: l'extra che serve per capire dove siamo collocati nell'immensità perchè, probabilmente, la scienza non potrà spiegarci tutto, ma esistono il futuro, la, già citata, fantasia, l'arte, il senso della parola, l'universalità mondiale, la comunicazione tra istituzioni e realtà; parrebbe che ciò che manca sia la conoscenza dello stupore comunicativo, ma di una comunicazione che superi le parole perchè, forse, siamo atomi di vita che hanno bisogno di non avere tutte le risposte. Oggi che siamo geolocalizzati dalla tecnologia è forse giunto il momento di localizzarci umanamente, dandoci le coordinate anche tramite i sogni, la spiritualità, le istituzioni partendo dal Dove sei di Lucio Leoni per navigare con sicurezza e attesa verso la seconda parte di questo album che, soprattutto in questo periodo, diventa utile per chi vuole vivere questo momento storico in maniera intensa e propositiva, confermando che Lucio Leoni è uno degli artisti più completi del panorama italiano.

Track List

  • Il fraintendimento di John Cage
  • Il sorpasso (feat. Cuba Cabbal)
  • San Gennaro
  • Dedica (feat. Francesco Di Bella)
  • Treno
  • Le mongolfiere
  • L’atomizzazione
  • Mi dai dei soldi (feat. Andrea Cosentino)

Articoli Collegati

Lucio Leoni

Il lupo cattivo

Recensione di Barbara Bottoli

Lucio Leoni

Lorem ipsum

Recensione di Giuseppe Catani