Downhill from Everywhere<small></small>
Rock Internazionale • Songwriting

Jackson Browne Downhill from Everywhere

2021 - Inside Recordings

28/07/2021 di Laura Bianchi

#Jackson Browne#Rock Internazionale#Songwriting

Un consiglio: per ascoltare il nuovo disco di Jackson BrowneDownhill from Everywhere, occorre dimenticarsi del passaggio del tempo, non considerare il fatto che a ottobre Brother Jackson compirà settantatré anni, chiudere gli occhi, o aprirli solo per leggere le profonde parole che accompagnano la musica, e lasciarsi condurre in una dimensione in cui prevalgono valori e sentimenti troppo spesso trascurati, come l'impegno sociale, l'inclusione, l'empatia, il coraggio di sognare e la volontà di realizzare i sogni.

Siamo tutti audiotrasportati in California, o ai tempi di No Nukes, in un mondo e in un tempo in cui tutto poteva ancora accadere, in cui un mondo nuovo era ancora possibile, e la colonna sonora si nutriva di suoni essenziali, eppure pregni di echi, un po' di America Latina, percussioni africane, background vocals eleganti e intensi; un clima sfaccettato, musicale e culturale, che Browne si porta dentro da sempre, e che non intende abbandonare nemmeno in questo capitolo della sua storia.

And I knew since I was little / The sharp edges of the world will whittle / Your dreams down to shavings at your feet / Gonna do my best not to settle /I know it’s gonna test my mettle…: i versi dell'iniziale Still Looking for Something definiscono con precisione i termini di accettazione di questo viaggio. Solo se si condividono, sarà possibile entrare nel mondo del cantautore, comprendere appieno il suo messaggio, perdersi nelle sfumature di arrangiamenti eleganti e insieme immediati (merce rara, di questi tempi), per ritrovare la strada verso casa: un mondo pacificato eppure non idilliaco, in cui ogni conquista è sofferta, ma nel quale tutti e ciascuno hanno diritto di cittadinanza e di dignità.

Un esempio su tutti: A Human Touch, che Browne canta con Leslie Mendelson, e che costituisce la colonna sonora di un documentario di Dan Krauss co-diretto insieme a Paul Haggis, dedicato a un reparto del San Francisco General Hospital sorto per aiutare i malati di AIDS. La ballata, solo apparentemente morbida e easy, cela invece una realtà dura, ma ricca di persone dall'eroismo quotidiano, che hanno fatto e fanno della solidarietà la propria stella polare.

Sostenuto dai pards di una vita, il chitarrista Val Mccollum, Greg Leisz alla lap steel, il tastierista Jeff Young, i batteristi Mauricio Lewak e Pete Thomas, i bassisti  Bob Glaub e Davey Faragher, e forte di una voce sostanzialmente immune dal passare del tempo, eppure incrinata dalla consapevolezza di aver visto eventi a cui non avrebbe voluto assistere, Browne comunica uno stato mentale in cui introspezione, esperienze individuali e collettive vanno a fondersi, seguendo un discorso coerente e convincente. Il cantautore non ha ormai nulla da dimostrare; il tempo gli ha fatto conquistare un ruolo rilevante nella cultura musicale; perciò segue unicamente la propria ispirazione, aprendosi con sincerità disarmante, sia che si schieri dalla parte progressista della società statunitense (come in Until Justice Is Real), sia che apra il proprio cuore in A Song for Barcelona, la canzone d'amore forse più lunga e schietta mai concepita per una città, Barcellona, che gave me refuge / In my escape from rock and roll, dalla sorprendente coda in catalano. 

E, se A little soon to say, o Minutes to Downtown riecheggiano altre canzoni del suo passato, sono da considerarsi parti integranti di un cammino coerente e compatto, percorso nel segno della qualità e del rispetto per l'ascoltatore in particolare, e per l'uomo in generale.

Concluso l'ascolto, ultimo consiglio: aprire gli occhi, e iniziare a realizzare la visione di Browne. Ognuno facendo la propria parte.

 

Track List

  • Still Looking For Something
  • My Cleveland Heart
  • Minutes To Downtown
  • A Human Touch
  • Love Is Love
  • Downhill From Everywhere
  • The Dreamer
  • Until Justice Is Real
  • A Little Soon To Say
  • A Song For Barcelona

Articoli Collegati

Jackson Browne

Special 21/05/2021

Recensione di Redazione

Jackson Browne

The Road East - Live In Japan

Recensione di Marcello Matranga

Jackson Browne

Live Report del 27/05/2015

Recensione di Laura Bianchi

Jackson Browne

Standing in The Breach

Recensione di Laura Bianchi

Jackson Browne

Solo acoustic vol. 2

Recensione di Christian Verzeletti

Jackson Browne

Late for the sky

Recensione di Christian Verzeletti

Jackson Browne

Solo acoustic vol. 1

Recensione di Christian Verzeletti