Ancora ridi<small></small>
Italiana − Canzone d`autore

Il Muro Del Canto

Ancora ridi

2013 - Goodfellas
06/11/2013 - di
Hanno preso Stefano Rosso e lo hanno messo in mezzo, traducendolo in romanesco (E intanto il sole se nasconne). Hanno illividito l’aria friccicarella dello stornello combinandola al lancinio elettrico delle chitarre. Hanno pescato a man bassa tra la nuova suburra pasoliniana facendone materia da concept-album verista, controcanto di lotta continua in dialetto romano, per arrivare dritti al sodo e cantare pane al pane. Il muro del canto ha fatto questo e ha fatto altro, in un cd (Ancora ridi) che ha tutte le carte in regola per affermarsi come poetico & cazzuto a un tempo. Neoumanesimo e ferocia da jena per raccontare una Roma-Nazione sempre più capoccia “der monno infame”.

In soldoni è il senso ultimo delle dodici tracce sul mal de vivre ai tempi della crisi che si alternano in scaletta. Tra orgoglio proletario (Ancora ridi), volontà di denuncia (Palazzinari,  Strade da dimenticà, una parabola americana contro le condanne ingiuste), ironia (Canzone allagata, Il canto degli affamati, Il funerale), solidarietà di classe (L’osteria dei frati, trasposizione del canto tradizionale pugliese Lu povero `Ntonuccio). Più una manciata di ballate d’amore strano, dibattuto tra cielo e terra, redenzione e malattia (Maleficio, Peste e corna). Compreso quello nei confronti di una città desiderata e odiata al tempo stesso (Arrivederci Roma).

Il sound si adegua ai racconti, ruvido, segnatamente più tirato che nel disco precedente, senza però tradire l’impronta della band, grazie anche al mix autorevole di Tommaso Colliva (Muse, Afterhours, Calibro 35), che shakera dialetto, chitarre west coast e fisarmonica folk, in un amalgama sonoro che fa il gioco del vocione di Daniele Coccia.

Gli altri mattoni del Muro non sfigurano certo e non gli sono da meno. Nell`ordine: Alessandro Pieravanti (percussioni, batteria e voce narrante),  Giancarlo Barbati Bonanni (cori e chitarra elettrica), Eric Caldironi (chitarra acustica), Ludovico Lamarra (basso), Alessandro Marinelli (fisarmonica). Dimenticavo: c’è anche un ospite, esterno al gruppo, ma in tutto e per tutto contiguo allo spirito del cd. E` Andrea Ruggiero (Operaja criminale) e suona il violino.

 

Track List

  • ANCORA RIDI
  • MALEFICIO
  • IL CANTO DEGLI AFFAMATI
  • INTANTO ER SOLE SE NASCONNE
  • PESTE E CORNA
  • PALAZZINARI
  • L’OSTERIA DEI FRATI
  • CANZONE ALLAGATA
  • STRADE DA DIMENTICA’
  • ER FUNERALE
  • LACRIMA A META’
  • ARRIVEDERCI ROMA

Il Muro Del Canto Altri articoli