A<small></small>
Italiana − Pop

Blindur

A

2019 - La Tempesta dischi
16/09/2019 - di
La A come inizio di un nuovo percorso, simbolo universale di un inizio. Secondo disco che però, in fin dei conti, è paragonabile a un debutto. Perché nel primo disco ( Blindur) erano in due componenti mentre ora è da solo. Massimo De Vita decide di portare avanti il nome della band e di ripartire da capo con questo nuovo lavoro A. Da solo ma con la collaborazione di personaggi conosciuti nella musica italiana e non: Paolo Alberta ( Ligabue, Negrita, La fame di Camilla) alla produzione, JT Bates ( già batterista di Bon Iver), Adriano Viterbini ( Bud Spencer Blues Explosion) e altri. 

Massimo De Vita ha scritto tutto da sé e registrato praticamente tutti gli strumenti, andando a svoltare il suono del progetto. Non più creato in giro tra un concerto e l`altro ma a bocce ferme e con tempo per rifletterci. E ha messo qualcosa della propria vita dentro questo lavoro, più che altro sprazzi e indizi ma ben posizionati nell`album.

Troviamo meno folk, che caratterizzava il primo lavoro, e più cantautorato, meno pancia e più testa, nel tentativo di mettere in scena un intrattenimento ma con contenuti, cosa assai rara in questo periodo.

L`apertura con Invisibile agli occhi, così come il titolo del disco, mettono sul piatto una parte della vita di Blindur. Un pezzo pop che ci fa entrare nel disco con i suoi ritmi sollevati e positivi. Strada che prosegue con la successiva Futuro presente, introdotta dai violini, che riflette sullo stato dei trentenni attuali. In 3000X la chitarra di Viterbini si sente e si prende la scena nel finale di un brano che sfiora temi sociali con toni leggeri e avvicinabili dal pubblico. Il punto di rottura ripesca toni folk del primo lavoro lasciando altri indizi biografici qua e là. I successivi brani ( Q.B., La forma delle mani, Una brutta canzone, Ansia) portano i toni a rilassarsi e adagiarsi su un andamento più intimo e introspettivo, riflettendo sullo stato personale di Blindur e su quello che lo circonda, fino al crescendo finale di Come sassi che chiude il disco.

A per Blindur è davvero un nuovo inizio. Una svolta rispetto al primo disco sia musicale che personale. Una maturazione che si sente nella musica proposta che guarda a una platea più ampia. Doti cantautoriali di ottimo livello che creano le premesse per una carriera che si spera si un crescendo continuo.

Track List

  • Invisibile agli occhi
  • Futuro presente
  • 3000X
  • Il punto di rottura
  • Q.B.
  • La forma delle mani
  • Una brutta canzone
  • Ansia
  • Cetrioli
  • Come sassi