Tracce Clandestine<small></small>
Italiana − Folk

Modena City Ramblers

Tracce Clandestine

2015 - ModenaCityRecords
01/04/2015 - di
La solita dicotomia: c’è chi canta di niente con in testa (il niente di) Sanremo e c’è chi invece la canzone la pensa/la scrive/la canta&suona/ la vive ancora così. Disallineata. Antagonista. Picaresca, da amici-compagni-fratelli di centri sociali & combat-folk. I Modena City Ramblers di questo nuovo Tracce Clandestine, per esempio. Dal primo all’ultimo minuto - dal traino vigoroso di Clandestino (Manu Chao) all’epilogo autarchico di Canzone per un amico fragile (degli stessi MCR) si sente a orecchio che dentro ci passa una forza, un orgoglio, un darsi da fare per inseguire, reggere, mantenere bene in vista il filo rosso internazionale del protest-song.

Come se fosse la cosa più facile del mondo, e non la sola cosa che ci resta da fare al mondo, non foss`altro che per restituire la canzone al suo peso specifico sociale. In sintonia con questo obiettivo, il cd è muscolare, di quelli che chi non salta reazionario è-è per intenderci e per non dire di peggio. Un cd schierato, stradarolo. (Ben) speso senza requie e senza tregua tra musica, voce-violino-chitarre-basso-fisa-batteria, a gettare le basi di una ideale track-list idealista e no-global, utile per gli squilli di rivolta presenti & futuri. Di quelli che passano ancora dalla musica ribelle.

Dalla musica ribelle che faceva e cantava Eugenio Finardi: il suo contributo a Saluteremo il signor padrone (traccia n. 2 in scaletta) mette addosso i brividi, nel senso più vero della parola. O dalle canzoni a muso duro di Pierangelo Bertoli, ricordato attraverso l’anticlericale Prega Crest e l’apporto canoro del figlio Alberto (traccia n. 9). Signore e signori in ascolto ci siete ancora? Sto parlando della canzone a schiena dritta, della canzone politica senza altri aggettivi. Sto parlando di Per i morti di Reggio Emilia (Fausto Amodei), dell’inno classico del partigiano (Fischia il vento), della ballata segnatamente/sontuosamente springteeniana (The ghost of Tom Joad).

Senza contare il Rock the Casbah di area Clash, la Mala vida dei Mano Negra, i Pogues di If i should fall from grace with god, e così via via, fino alla tradizione: nei climi irish di Crookedwood polkas e in quelli cubani di Chan chan (Maxino Francisco Repilado). Sentieri clandestini gironzola & divaga insomma a partire da basilari affinità elettive. Dal sentire condiviso con gruppi e/o autori che hanno concorso a segnare in tinte folk-rock da combattimento il cammino artistico dei MCR. Tracce come madeleine, luoghi dello spirito (di band) qua e là rivisitate dal vivo, ma non sempre finite in un disco. Penso che alla luce di questi e di un buon numero di altri motivi il cd risulta di quelli che si impongono e non si dimenticano, pieno così di special guest tra italiani e stranieri, arruolati all’occorrenza per collaborare alle registrazioni. C’è anche un inedito: la trascinante The trumpets of Jerico a cui partecipa Terry Woods dei Pogues.

Track List

  • CLANDESTINO (M. Chao)
  • SALUTEREMO IL SIGNOR PADRONE (anonimo tradizionale)
  • THE GHOST OF TOM JOAD (B. Springsteen)
  • L`HOMME DES MARAIS (Negresses Vertes)
  • IF I SHOULD FALL FROM GRACE WITH GOD (Pogues)
  • CHAN CHAN (F. Repilado)
  • THE TRUMPETS OF JERICHO (inedito)
  • CROOKEDWOOD POLKAS (Tradizionali)
  • PREGA CREST (Pierangelo Bertoli)
  • PER I MORTI DI REGGIO EMILIA (Fausto Amodei)
  • SIDI H`BIBI (Mano Negra)
  • ROCK THE CASBAH (Clash)
  • MALA VIDA (Mano Negra)
  • FISCHIA IL VENTO (tradizionale partigiano)
  • CANZONE PER UN AMICO FRAGILE (MCR)

Modena City Ramblers Altri articoli