Finding Wildflowers (Alternate Versions)<small></small>
Rock Internazionale • Rock

Tom Petty Finding Wildflowers (Alternate Versions)

2021 - Warner Brothers

17/04/2021 di Marcello Matranga

#Tom Petty#Rock Internazionale#Rock

Nella costruzione della pagina sulla quale vanno immesse le recensioni che vedete apparire poi in rete, ho cercato approfonditamente una categoria che non sono riuscito a trovare; fregatura, porcata, presa per il culo, pubblicato per gonzi spendaccioni......niente. Non ho trovato un termine corretto per definire questo disco da una parte. Dall'altra i termini corretti sono, meraviglia, gioia, la rivincita di coloro che hanno pazienza.....Mi spiego meglio:annunciato sul sito di Tom Petty lo scorso anno, il box Wildflowers & All The Rest, che riepilogava tutte le sessions di uno dei dischi più belli di Tom Petty, Wildflowers, rendendole disponibili insieme ad altre meraviglie. Box bellissimo, ma in vendita a prezzi esorbitanti sul sito dell'artista.
Come noto, Petty ci ha lasciato il 2 Ottobre 2017, ma sono sicuro che se lui fosse stato in vita non avrebbe mai autorizzato una presa per il culo simile (perchè l'educazione ha un senso, ma prenderci in giro in questo modo non esiste), ovvero, decidere di pubblicare i volumi otto e nove del super box in vinile, o il quinto CD nella versione su dischetto, a distanza di 6 mesi a prezzi che corrispondono a quelli di normali uscite discografiche. Ecco che adesso comprenderete le ragioni di questo abbrivio iniziale. 

Detto che personalmente stavo per farmi fregare, e ho poi invece optato per una inconsueta moderazione, questo inatteso "regalo" è una vera meraviglia per tutti colori che di Petty sono fan, dimostrando ancora una volta che gli archivi possono riservare grandi sorprese e soddisfazioni. Come noto il disco originale avrebbe dovuto essere doppio, ma poi la "geniale lungimiranza" della label spinse Petty ad optare per l'uscita singola (su CD, al tempo il vinile era obsoleto). Visto e considerato che gli acquirenti dell'edizione costosissima non leggeranno nulla che riguardi l'uscita di questa versione che hanno pagato originariamente uno sproposito, vediamo allora il contenuto di questa meraviglia per il "popolo", o per coloro che non vogliono, per ragioni diverse cadere vittime di fregature simili.

A Higher Place vede la presenza di quel mostro di Kenny Aronoff (nella versione originale apparirà Steve Ferrone) alla batteria ed è decisamente più elettrica. Mancano le percussioni di Lenny Castro. Le note di Rick Rubin incluse riportano che per il pezzo vennero provati diversi bassisti e batteristi, ma questa fu una sorta di prova per trovare le giuste vibrazione per registrare il disco. 
Hard On Me è più lenta della versione finale.Qui Mike Campbell suona la slide guitar e Jerry Scheff al basso che non sarà nella versione finale sostituito da John Pierce. Sempre assenti le percussioni di Castro.
Cabin Down Below è quella registrata con la line up che vedeva ancora presente Stan Lynch alla batteria, poi sostituito da Steve Ferrone. Sempre assenti le percussioni che saranno ad appannaggio di Phil Jones.
Crawling Back To You è decisamente veloce rispetto alla versione finale. Anche qui c'è Stan Lynch dietro i tamburi. Ormai consolidato il fatto che le percussioni vennero aggiunte in seguito, risultando quindi assenti.
Only A Broken Heart ha risentito del periodo Traveling Wildburys (1988/1990). Nell missaggio finale Petty "asciuga" la formazione all'osso, stavolta escludendo le percussioni che in questa versione c'erano ed erano suonate da George Drakoulias. Da notare che non appare il nome di chi suoni l'armonica in chiusura che non c'è nella versione finale. 

Driving Down to Georgia vede ancora quella macchina da guerra che è Kenny Aronoff dietro i tamburi. E' uno dei pezzi che non finirà nella versione definitiva di Wildflowers, ma è presente live nel box. Un bel rock scritto "just for fun". You Wreck Me sostituisce le elettriche con le acustiche. Il mood è identico, anche se personalmente elettrica mi piace di più. It's Good To Be King è uno dei must di Petty. Molto diversa dalla versione conosciuta, ha generato un fleshback che mi ha riportato quando un'altro gruppo fondamentale della mia personale vita, ovvero la E Street Band di Bruce Springsteen vedeva il piano di Roy Bittan dominare le aperture live di pezzy come Prove It All Night nei tour di fine anni settanta. House In The Woods vira sul Jazz nella parte centrale del pezzo, cosa che non c'è nella versione finale. Anche il drumming è molto diverso vista la presenza di Ferrone che prese il posto di Lynch. Honey Bee ha alcuni cambi nelle parole di due versi. Sparisce anche il verso finale dalla versione che venne poi registrata per l'album, ma il pezzo in sostanza è praticamente identico. Girl On LSD uscì come B side di You Don't Know How It Feels. Nulla di particolarmente trascendentale in realtà. E' un pezzo con accenni twang, non uno dei più riusciti di Petty. Cabin Down Below (Acoustic version) si contrappone alla versione elettrica uscita sul disco. Il pezzo è identico, ed è un gran pezzo.La title track, Wildflowers, ha la falsa partenza, ed è una delle tre take registrate con Ringo Starr alla batteria. Rimane un grandissimo pezzo e le differenze sono minime rispetto alla versione finale. 

Don't Fade On Me non apparve su Wilflowers, la possiamo trovare in versione differente nel box An American Treasure uscito nel 2018, quindi non è inedita. Qui c'è un verso in più a metà canzone, ma i versi del pezzo sono molto "dark". Versione comunque decisamente interessante. Wake Up Time era sul disco originale e poi è stata riproposta anche su An American Treasure. La versione che ascoltiamo è quella del box quindi non è inedita. You Saw Me Comin' non entrò a far parte di Wildflowers, per quanto avesse il "mood"  giusto per farne parte. Il pezzo è decisamente piacevole ed è un bene che sia "riemerso".

Questo è Finding Wildflowers. Questo è il bello della musica di Tom Petty che riesce ad inchidarti ad un ascolto non superficiale ricca com'è di sfumature e colori che non vogliamo accantonare. Mai!





 

Track List

  • A Higher Place
  • Hard On Me
  • Cabin Down Below
  • Crawling Back To You
  • Only A Broken Heart
  • Drivin` Down To Georgia
  • You Wreck Me
  • It`s Good To Be King
  • House In The Woods
  • Honey Beeremo
  • Girl On LSD
  • Cabin Down Below (Acoustic version)
  • Wildflowers
  • Don`t Fade on Me
  • Wake Up Time

Articoli Collegati

Tom Petty

Special 20/08/2020

Recensione di Marcello Matranga

Tom Petty

An American Treasure

Recensione di Pietro Cozzi