On The Widow`s Walk<small></small>
Rock Internazionale • Songwriting

The White Buffalo On The Widow`s Walk

2020 - Snake Fruit Records

05/06/2020 di Marcello Matranga

#The White Buffalo#Rock Internazionale#Songwriting #Shooter Jennings

"Sono stato colpito dalla voce di Jake e dal suo lirismo Sono onorato di aver avuto la possibilità di far nascere questo disco con lui e la sua band. Mi hanno fatto entrare nell'ovile e abbiamo fatto della buona musica insieme. Viva la Jelly Crew!"", dichiara Shooter Jennings che produce questo nuovo lavoro di Jake Smith, meglio conosciuto come The White Buffalo. La 'Jelly Crew' in questione, oltre a Smith, comprende il batterista Matt Lynott e il bassista Christopher Hoffee, responsabile anche di molte parti di chitarra. Hanno registrato il più possibile live, tenendo buona la prima se possibile, utilizzando violino e la pedal steel guitar.

Personaggio carismatico, dotato di una voce che sembra un blend di Eddie Vedder, Johnny Cash ed un vago sentore di Tom Waits, Smith è cresciuto in California, pubblica un primo album Hogtied Like a Rodeo nel 2002 utilizzando lo pseudonimo White Buffalo. Dopo un paio di EP esce Hogtied Revisited che rivede molti brani del primo album. Il disco gli porta quella notorietà che gli permette di firmare con la Unison Music Group, sussidiaria della EMI.

Alcuni loro brani sono stati utilizzati come colonna sonora della celeberrima serie televisiva Sons Of Anarchy, seguito da altri prestigiosi inserimenti di canzoni in serie assurte a fama globale come Californication o The Punisher. Dopo aver raccontato le gesta di Joey White in Shadows, Grey and Evil Ways, tornato a casa dopo la guerra con risultati non proprio in linea con le attese, ecco arrivare Love and the Death of Damnation che presenta segnali di approccio musicale un po più variegati rispetto ad una carriera fino ad allora abbastanza legata ad una sorta di clichè fattosi piuttosto standardizzato. Ed eccoci a questo nuovo album, che, a sentire fra critica ed ascoltatori sembra mettere tutti d'accordo nel dire che questo sia, probabilmente, il disco più riuscito del gruppo.

Aiutano in questo due gioielli come Sycamore e la conclusiva I Don't Know A Thing About Love, segno che la capacità di scrivere ottime canzoni persiste, questa volta con una decisa omogeneità di scrittura in tutte le undici tracce che compongono l'album riuscendo nell'intento di voler rappresentare gamma piuttosto ampia di emozioni e sensazioni. I momenti oscuri rimangono ma c'è anche speranza ed una visione edificante che fa capolino nella scrittura. 

La copertina è un ritratto di Smith disegnato dell'artista britannico Jack Browning. On The Widow's Walk è un disco piuttosto convincente di un'artista che sembra aver trovato una via verso la quale incamminarsi. Bisogna sperare che non vi siano troppi ostacoli a mantenerla in futuro, o se la voglia di tornare verso lidi sicuri non riporti al via il nostro.

 

Track List

  • Problem Solution
  • The Drifter
  • No History
  • Sycamore
  • Come On Shorty
  • Cursive
  • Faster Than Fire
  • Widow`s Walk
  • River Of Love And Loss
  • The Rapture
  • I Don`t Know A Thing About Love

Articoli Collegati

The White Buffalo

Live Report del 09/07/2017

Recensione di Giovanni Sottosanti

The White Buffalo

Live Report del 30/07/2016

Recensione di Marcello Matranga