Don Kixote<small></small>
Rock Internazionale − Alternative − rock, garage, blues, art-rock, jazz

The Shipwreck Bag Show

Don Kixote

2015 - Wallace / Brigadisco / Phonometak
09/02/2015 - di
Questa volta Xabier Iriondo e Roberto Bertacchini, alias i due folli elementi del progetto The Shipwreck Bag Show, reincarnano le personalità visionarie e bizzarre del Don Chisciotte e del suo fedele compagno Sancho Panza. Una sorta di art-rock (se così possiamo definirlo) che racconta le vicende di un sognatore con la testa completamente smarrita tra le nuvole che perde qualsiasi contatto con la dura realtà della società contemporanea, con la quale però si ritrova inevitabilmente a fare ripetutamente i conti. La nostra parte "bambina" e speranzosa che si scontra ripetutamente con il vortice quotidiano di problemi.

Altro esperimento per i due eclettici musicisti. Un incontro tra recitazione e l`alternative rock che magari su un palco di qualche teatro non stonerebbe. Le vicende del Don Chisciotte assumono una connotazione moderna, reincarnandosi in un personaggio alienato, stravolto dai ritmi odierni dai quali tende ad allontanarsi ma con i quali deve lottare di continuo. Dei mulini a vento (I giganti dalle braccia rotanti) impossibili da sconfiggere. Don Kixote è composto da undici avventure, le prime dieci brevi ma intense e l`ultima più lunga e frastagliata. Un rock sul noise, caotico ma molto lucido nel suo disordine apparente che fa da contorno alla voce distorta e fuori tempo massimo del Bertacchini. Ruvido, allucinato, acido e spiazzante, il disco è formato per lo più da brani di breve durata, come l`opening track L`hidalgo forte che dura in tutto ben quarantuno secondi, e si conclude con Dulcinea, pezzo sul progressive, lunatico ed aggressivo che da solo dura più del resto del lavoro (otto minuti circa). Il rock libero da schemi, proropente, dall`attitudine distruttiva che accompagna i monologhi tormentati, le parti narrate che sostituiscono il canto, completamente assente in Don Kixote.

Quasi cacofonico e disturbante, introspettivo a livelli quasi fastidiosi, l`album sembra perdersi con le sue note in antitesi tra di loro e con la voce che sembra non rispettare l`andatura delle tracce. Ma la coppia Iriondo-Bertacchini ha invece le idee ben chiare e sa benissimo dove andare a parare, trovando una logica inattaccabile in questa confusione totale, in questa pazzia geniale che dà il via ad un nuovo concetto della musica, ad un connubio tra due arti.

Il duo The Shipwreck Bag Show dimostra di lavorare bene, i due artisti si completano, brillando nel risultato. La sperimentazione musicale per eccellenza. Qualcosa di davvero originale che in pochi riescono a fare: Don Kixote si piazza come una delle vere novità italiane dell`anno scorso; nel frattempo attendiamo un altro azzardo come questo da parte di Iriondo e Bertacchini.

Track List

  • L`Hidalgo Forte
  • I Pastori E Gli Eserciti Nemici
  • L`incantesimo È Rotto
  • Non C`è Storia Che Non Sia Cattiva
  • Cavaliere Degli Specchi
  • Prima Che Faccia Sera
  • Nè L`interesse, Nè Il Rancore, Nè La Paura
  • Riparare I Torti
  • I Giganti Dalle Braccia Rotanti
  • L`istinto, La Follia, Il Sogno
  • Dulcinea

The Shipwreck Bag Show Altri articoli

  • Recensione