Qualcosa a che fare con la domenica<small></small>
World − Folk − folk, pop, instrumental

Francesco Di Giuseppe

Qualcosa a che fare con la domenica

2014 - Rai Trade
05/10/2014 - di
Francesco Di Giuseppe nato nel  1979, napoletano ma residente a Roma, è  un artista multiforme  e poliedrico.

Diplomato in chitarra classica al Conservatorio di Napoli, ha studiato pianoforte e ha suonato in gruppi  punk, rock, power-pop,  ha fatto il musicista di strada e suonato con Pacifico, ma è anche autore, con il nome di Perzico,  di scritti umoristici, frottole e sketch.

Tutta questa varietà di esperienze la si ritrova pienamente  in  Qualcosa a che fare con la domenica, suo terzo lavoro da solista, dopo Chilometri e chilometri d’azzurro (2012) e A poca distanza dalla luna (2010).

Questo suo nuovo album è composto da ben 25 brani, oltre un’ora di musica, tutta strumentale!

Musica di carattere “cinematografico”, con Di Giuseppe che suona una grande varietà di strumenti: chitarra classica, chitarra elettrica, Guitalele, Ukulele, tastiere, melodica, percussioni, passando in formazioni che vanno  dal piano o chitarra  solo, a duetti, trii, a diversi generi musicali (e cinematografici ) come classica, contemporanea, jazz, folk, world, mediterranea, rock, pop, che l’autore stesso definisce “Particular Pop Music”.

Insomma una carrellata di profumi e sapori in continuo cambiamento, non sai mai cosa ti aspetta nel brano successivo, con sensazioni  che cambiano continuamente dal tragico, all’ironico, al grottesco, al romantico, al nostalgico, allo struggente.

E’ una tavolozza musicale  che arriva all’anima,  con semplicità e immediatezza, anche se alcuni brani si interrompono bruscamente, lasciando a volte un po’ perplessi. 

L’iniziale Accompagnamenti di un finale struggente, ripresa dal precedente album, è  qui in una versione splendida e melanconica per piano solo, ideale accompagnamento per un film muto, nella successiva Donna allo specchio troviamo ritmi sincopati con partenze e ripartenze per sola chitarra, in Buona fortuna, interrotta bruscamente, c’è un grande e delicato gioco tra chitarra e violoncello, mentre sembrano uscite da un film poliziesco/mafia, con i loro ritmi ossessivi,  Il lungo addio e Il gioco delle tre campanelle.

Cambio totale con la romantica e struggente per piano solo, Oltre la boa, con chiare influenze di Erik Satie,  Gli amanti clandestini del Castel dell’Ovo, brano  crepuscolare ed impressionista  per violoncello e piano e la romantica Asfalto solo piano tra Chopin e Debussy.

La chitarra è in evidenza nelle melanconiche La lunga gonna bianca e Il viaggio di una formica, brano di forte sapore morriconiano, mentre in L’emigrante, il valzer ricorda brani di Yann Tiersen.

Da segnalare ancora L’aeroplanino  rosso, vero festival di strumenti a corda con il suo lento classico incedere, Nel mezzo … divago il brano più rock del disco, ideale colonna sonora di un film di Tarantino, il singolare uso di tre melodiche come fossero fisarmoniche in Suite per matrimonio- les corts,  e la brillante chiusura con la splendida chitarristica title track, Qualcosa a che fare con la domenica.

Certo è un disco che non annoia con i suoi cambi repentini di atmosfere e generi musicali: questo è sicuramente il suo pregio o potrebbe essere anche il suo difetto.

Le risposte possono essere diverse a seconda di chi ascolta: sicuramente è molto interessante e divertente l’esercizio che ogni ascoltatore può fare, cioè  abbinare a ciascun brano uno dei film preferiti, e continuare così a far viaggiare la fantasia e sognare.

Risultato non da poco di questi tempi, per questo interessante lavoro di questo artista veramente singolare.

 

 

 

 

 

 

 

 

Track List

  • Accompagnamento di un finale struggente (piano version)
  • Donna allo specchio
  • Il gioco delle tre campanelle
  • Buona fortuna
  • Il lungo addio
  • Oltre la boa
  • Dopo tutto quello che mi hai fatto, hai ancora il coraggio di chiedermi scusa?
  • Gli amanti clandestini di Castel dell’Ovo
  • I gatti di Trastevere
  • Vacanze all’italiana
  • La lunga gonna bianca
  • Asfalto
  • Anche se adesso mi odi, io ti amo e ti amerò sempre
  • Lungo il fiume
  • Guarda dove metti i piedi!
  • Il viaggio di una formica
  • Vertigine
  • L’emigrante
  • Espresso notte
  • L’aeroplanino rosso
  • Nel mezzo … divago
  • Chiaro/scuro
  • Suite per matrimonio -- Les Corts,Clot
  • Qualcosa a che fare con la domenica