• Home
  • /
  • Cinema
  • /
  • Luca Guadagnino
  • /
  • Chiamami col tuo nome
Luca Guadagnino

Chiamami col tuo nome

Luca Guadagnino


2017 » RECENSIONE | Drammatico | Commedia
Con Timothée Chalamet, Armie Hammer, Michael Stuhlbarg, Amira Casar



27/02/2018 di Laura Bianchi
Elio ha diciassette anni, nell`estate del 1983; indossa magliette dei gruppi rock, studia composizione, ascolta gli Psychedelic Furs, i Culture Club, Loredana Berté e va in bici nella campagna di Crema. Vive coi genitori in una lussuosa villa settecentesca, la madre è traduttrice, il padre è un archeologo cosmopolita e illuminato. Ed il bisogno tutto adolescenziale di individuarsi è difficile, quando i genitori sono aperti, permissivi, accolgono le amiche del figlio e Oliver, americano, ventiquattrenne, in vacanza studio.

Elio è inquieto, suona Bach e legge Antonia Pozzi, le cui poesie regala a Marzia, la ragazza con cui perde la verginità; Elio è attratto da Oliver, questi da lui, ma anche da Chiara, nel tipico caos emozionale che accompagna l`estate della vita. E l`attrazione, il desiderio, la passione, tracimano, fino a travolgerli, fino a un epilogo doloroso e pacato insieme, come molte storie della vita. Una storia come tante, in un`estate italiana, fra il canto delle cicale di una campagna indolente e le tavolate all`aperto, fra le notti in discoteca e le nuotate nel fiume.

Luca Guadagnino, di questa storia, raccontata magistralmente da André Aciman in un romanzo - flashback del 2007, si è innamorato, ha sbloccato le pastoie burocratiche che vincolavano la produzione della splendida riduzione per il cinema di James Ivory, e ha costruito attorno ad essa un monumento al desiderio. Che i due protagonisti vivano una relazione omosessuale è ininfluente, nel cerchio magico della villa settecentesca e dei suoi abitanti; una splendida utopia, un mondo ideale, fanno sì che, nel perimetro della casa di Elio, la naturalezza con cui vengono vissuti i sentimenti e le sensazioni sia la sola lingua parlata, e che stella polare delle azioni dei suoi abitanti sia il soddisfacimento di un piacere estetico e intellettuale insieme, che provenga dalla musica, dall`arte antica, dal cibo, dall`armonia di due corpi che si cercano e si trovano.

Chi va a vedere Chiamami col tuo nome, non si aspetti una patinata love story adolescenziale, né un film a tema omosessuale, tantomeno un nostalgico amarcord degli anni Ottanta; l`edonismo che li attraversava resta, ma solo come cifra interpretativa di un rimpianto che non è legato a quel periodo, ma a quell`età della vita, nella quale lo spreco di emozioni, l`esplorazione della bellezza, l`eccesso delle passioni sono un patrimonio da spendere a piene mani, perché nessun`altra epoca dell`esistenza li conterrà in modo tanto pieno e ingenuo.

Guadagnino illumina di luce dorata la natura, i corpi, gli sguardi, per indagare le ragioni che muovono gli uomini, nell`inesausta ricerca del senso del nostro esistere, e ci restituisce intatto, nello sguardo di un intenso Timothée Chalamet, lo stupore per una scoperta sofferta ed esaltante insieme, quella dell`amore; ma ci offre, nella memorabile scena del dialogo fra Elio e suo padre, un Michael Stuhlbarg di rara empatia, anche la chiave per non sentirci troppo orfani, quando la perdita di questa età dorata sarà definitiva.

Un cenno a parte merita la colonna sonora, particolarmente ricca ed espressiva: da Radio Varsavia di Battiato a Flashdance, passando per Words di F.R.David (con citazione pop del Tempo delle mele), la musica ci porta in quell`estate, e, per contrasto postmoderno, i brani originali di Sufjan Stevens (The Mystery of Love, Futile Devices e Visions of Gideon) illuminano di contemporaneità la storia fra i due ragazzi, sottolineandone i passaggi più importanti, dall`inizio alla fine.

Un film importante, che sfugge ad ogni classificazione e che, a nostro parere, può essere meglio compreso da chi ha già vissuto e superato quella fase della vita, e la guarda con affetto e un po` di rimpianto per le occasioni sprecate.

 

 

 



https://www.youtube.com/watch?v=kOCqNdDtCn4
Claudio Mariani


Delicato...ma non troppo. Suggestivo...ma non troppo. Poetico...ma non troppo. Ma è proprio in questo "non troppo" che c`è la forza di Guadagnino e del film stesso.