Nevica

special

Nevica Il video di Non so chi sei

16/11/2021 di Ambrosia J. S. Imbornone

#Nevica#Italiana#Alternative

Vi presentiamo il video del secondo singolo che anticipa il nuovo album di Gianluca Lo Presti aka Nevica, Quanti. Si tratta di un brano dall'atmosfera sospesa, sognante, ma anche malinconica; nel video un'attesa ricompensata da un emozionante e toccante regalo dal passato.
Oggi vi presentiamo il video del secondo singolo che anticipa il nuovo album di Gianluca Lo Presti aka Nevica, Quanti in uscita a fine novembre; la canzone si intitola Non so chi sei e l’artista la presenta così:

È forse uno dei brani più riusciti di questo album. Scelto come secondo singolo riguarda una serie di suggestioni e di ricordi passati che si mischiano a incontri presenti anche molto fugaci ma che in qualche modo hanno lasciato un segno dentro. Il testo, come spesso accade nei miei pezzi, ha molteplici chiavi di lettura dove il racconto tra i personaggi si mischia. Ritorna anche l’eterno rapporto maschile-femminile che è in ognuno di noi che ci accompagna spesso mai risolto per tutta l’esistenza. L’atmosfera musicale è molto contemplativa e sognante.

Ecco invece cosa dice il regista Davide Santandrea sul video:

Con Non so chi sei abbiamo tentato di creare un piccolo “viaggio nel ricordo” di Gianluca Lo Presti. Il video è tutto incentrato sulla memoria e sulla sensazione di perdita e di smarrimento che ne consegue. Lo script è basato su una sorta di appuntamento mancato e della consolazione data da un vecchio nastro audio con la voce del padre. Infine abbiamo optato per una location di passaggio come la banchina del porto di Marina di Ravenna, riprese mattutine e filtri video vividi e retrò.

Una borsa abbandonata, una panchina sulla banchina, le nuvole a creare un’atmosfera sospesa in linea con la musica: subito si delinea un quadro di attesa. Il protagonista, interpretato dallo stesso Gianluca, si aggira per il porto e sembra cercare invano qualcuno, o qualcosa; tiene un capo di una fune, che potrebbe rammentare in qualche modo il filo della Casa dei doganieri di Eugenio Montale, anche questo dedicato a un’assenza:

[…] Tu non ricordi; altro tempo frastorna
la tua memoria; un filo s'addipana.
Ne tengo ancora un capo; ma s'allontana
la casa e in cima al tetto la banderuola
affumicata gira senza pietà.
Ne tengo un capo; ma tu resti sola
né qui respiri nell'oscurità.
Oh l'orizzonte in fuga, dove s'accende
rara la luce della petroliera!
Il varco è qui? (Ripullula il frangente
ancora sulla balza che scoscende ...)
Tu non ricordi la casa di questa
mia sera. Ed io non so chi va e chi resta.


Anche qui abbiamo il mare e le navi, che creano un orizzonte mosso, eppure consueto; però ecco che la registrazione materializza la presenza e colma in qualche modo l’assenza, come per rispondere alla chiamata dell’appuntamento, come un regalo del passato, da un altro novembre, quello del 1968. “Spero che queste mie parole ti faranno compagnia”, dice il padre nell'audiocassetta. Ora lui è arrivato, in qualche modo, e non c’è più ragione di restare e aspettare: è ora di andare, come le navi del porto.
Il brano appare etereo, impalpabile, soffuso, ma anche sfumato di una certa inquietudine, mentre risuonano le note più cupe del basso. Nei versi la dolcezza di una lei si contrappone alle brutture del mondo, in una nuova luce in cui il piombo diventa oro; eppure, è una presenza che ha anche caratteri ambigui: ci si può fidare? E fidarsi non comporta forse sempre un rischio da correre? Se i synth appaiono ariosi e sognanti, il ritmo conserva un fondo malinconico. Buon ascolto e buona visione.

Crediti video

Attori: Gianluca Lo Presti
Regia: Davide Santandrea



Biografia

Nevica è il moniker dietro il quale si cela Gianluca Lo Presti, musicista, produttore, arrangiatore, tecnico del suono e titolare del Lotostudio 2.0 di Ravenna, studio di registrazione nel quale sono state realizzate alcune delle più significative produzioni musicali italiane indipendenti dell’ultimo decennio. Livornese di nascita ma Ravennate di adozione, l’artista opera nel settore musicale a livello nazionale da oltre 20 anni riuscendo in tutto questo tempo a costruirsi un percorso personale e approfondito che ha portato gli addetti ai lavori a considerarlo un professionista che “registra, suona e produce con uno stile unico diventato ormai un marchio di fabbrica…” (Musica Sotterranea, Feb 2011). Tra gli artisti prodotti figurano Simona Gretchen, Delenda Noia, Cosmetic, Tying Tiffany, Sinclair, Fermoimmagine, Cosmetura, Caron Dimonio, The Black Veils, Lebowski, Carlo Martinelli (ex Luminal), Ronin, Uyuni, Autunna Et sa Rose…

Alcune delle tappe principali della sua carriera:

1998 -Vince il Premio Città di Recanati con la canzone Il Barone Nero. In giuria quell’anno figurano Franco Battiato e Fabrizio De Andrè; sempre nello stesso anno Lucio Dalla gli commissiona la produzione di alcuni brani dell’album di Mons. Milingo, il quale partecipa al festival di Sanremo con Mai Wanga Anafa, brano prodotto, suonato e arrangiato da lui stesso.

2001 -Stringe amicizia con Blaine Reininger dei leggendari Tuxedomoon con il quale pubblica un album di brani electro-noise strumentali dal titolo Sun and Rain.

2008 -Fonda l’etichetta indipendente Discodada Records insieme a Lorenzo Montanà (produttore di Tying Tiffany) con la quale ottiene importanti riconoscimenti tra i quali la vittoria del Premio Fuori da Mucchio 2010 con l’album d’esordio della cantautrice Simona Gretchen.

2013 -Pubblica sotto il nome di Nevica Su Quattropuntozero I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan un album che lo pone definitivamente al centro dell’attenzione della critica musicale riscuotendo unanimi consensi come uno dei suoi lavori artisticamente più riusciti.

2015 –Inizia la collaborazione in qualità di produttore artistico insieme a Massimo “Madesi” De Simone con la label Area51 Records (nata in occasione del decennale dell’omonimo programma radiofonico in onda su Radio Città del Capo di Bologna) per la quale registra e mixa la prima release discografica, Area51/Split_Ep#1, con protagonisti Ronin e Uyuni. Nonostante la sua particolarità il lavoro viene accolto molto positivamente dalla stampa del settore. Successivamente per la stessa label coproduce Caratteri Mobili, l’ep di esordio solista del cantante Carlo Martinelli dei Luminal (2016) e in seguito l’album Cura Violenta dei Lebowski (2017)

2016 -Fonda assieme a Giuseppe Lo Bue dei Caron Dimonio ATMOSPHERE records, label dedicata alle sonorità dark-wave e post-punk la quale successivamente comincerà a diventare un punto di riferimento di molte band principalmente bolognesi facenti parte di quella scena.

Alla fine del 2016 sotto lo pseudonimo Nevica Noise esce l’abum Sputnik, lavoro strumentale che fonde l’elettronica col rock al quale seguirà un lungo tour che interesserà tutta l’Italia e gran parte dell’Europa. Si tratta del primo capitolo di quella che viene dall’artista definita Trilogia dell’Anima.

2018 – L’artista decide di fondere insieme le anime dei suoi due progetti Nevica Su Quattropuntozero (cantautorale) e Nevica Noise (elettro-rock), dando vita dunque ad un nuovo percorso musicale ben definito il cui nome diventa per l’occasione Nevica; sotto questa rinnovata veste artistica a febbraio 2019 uscirà per AREA51 Records un nuovo album dal titolo Tengo, ispirato allo scrittore giapponese Haruki Murakami.


Discografia completa come artista:
-1989 Non gridate più, K7
-1990 Occhi di Bambino, 45gg
-1992 I suoni dell’Inconscio, K7
-1997 I frammenti del mio Io, Ep
-1999 Cent’anni di Solitudine, Cd
-2007 Nevica su quattropuntozero, Cd
-2010 Lineare, Cd (Discodada)
-2013 I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan, Cd (Discodada)
-2016 Sputnik, Cd (TheSoundSystem)
-2019 Tengo, Cd (Area51 Records)

 

Contatti

Facebook
Instagram
www.sferacubica.it