L'amore è una cosa semplice<small></small>
Italiana − Pop − soul, cantautorato, R&B

Tiziano Ferro

L'amore è una cosa semplice

2011 - EMI
21/03/2012 - di
Fenice mai spenta e voce inconfondibile sono i marchi di fabbrica dell’unico interprete italiano capace di regalare un Soul-R&B in salsa Pop. Tiziano Ferro torna con il suo quinto album dopo tre anni di silenzio. Il lavoro è più esteso visto che porta con se un’autobiografia e il coming out, non così chiassoso dato che nell'ambiente era noto, e  l’atteso ritorno. Una maturità per nulla scomposta e la fine del dolore ritraggono un cantante conscio della gioia del sapere quale rotta intraprendere. 
L’amore è una cosa semplice è un album sofferto e autentico cesellato anche da collaborazioni eccellenti con John Legend, Irene Grandi e Nesli

Ascoltandolo si ha subito l’impressione di un lavoro più intimo anche se dei brani proposti non tutti riescono a raggiungere l’ascoltatore. I pezzi da novanta ci sono, Hai delle isole negli occhi è la dichiarazione più emozionante ed intensa, mentre La differenza tra me e te, singolo di lancio, rimane forgiata nella mente al primo ascolto. L’ultima notte al mondo e L’amore è una cosa semplice valgono qualche ascolto in più per poter arrivare propriamente mentre
La fine è un sussurro scritta con Nesli del quale si sente l’essenza riflessiva e profonda contrassegno del rapper di Senigallia. Tra gli esperimenti si nota Quiero vivir con vos canzone Swing che potrebbe essere un buon trampolino per ulteriori lavori.
Non funzionano invece i lavori congiunti poiché Paura non ho nonostante la collaborazione con Irene Grandi risulta asimmetrica per la voce del cantante di Latina e Karma con John Legend manca di quel groove che troviamo in tante hit.

"Amore è un fumo levato col fiato dei sospiri; purgato, è fuoco scintillante negli occhi degli amanti; turbato, un mare alimentato dalle loro lacrime. Che altro è esso? Una follia discreta quanto mai, fiele che strangola e dolcezza che sana" il passo di William Shakespeare dell’opera Romeo e Giulietta rappresenta pienamente la sostanza di questo album.

L’immagine che emerge da questo disco è quella di un ragazzo trentenne che scrive il suo diario da Starbucks nella terra inglese che si è scelto come confino e che ora è pronto a tornare da se stesso. Un album e un libro che sono l’acqua dello stesso fiume in piena che dall’anima straripa, commettendo qualche piccolo errore ma regalando uno spettacolo autentico ai più attenti. Impetuoso come l’amore vero, l’opera può dividere i sofisti della musica più ricercata, ma non potrà che soddisfare molti amanti dell’autenticità e della musica italiana Pop-Soul. 

Track List

  • Hai delle isole negli occhi
  • L’amore una cosa semplice
  • La differenza tra me e te
  • La fine
  • Smeraldo
  • Interludio: 10.000 scuse
  • L’ultima notte al mondo
  • Paura non ho
  • TVM
  • Troppo buono
  • Quiero vivir con vos
  • ...Ma so proteggerti
  • Per dirti ciao!
  • Karma (feat. John Legend)