BANDERVISH<small></small>
− Word Music, Italiana

Radiodervish, Livio Minafra, La Banda Di Sannicandro Di Bari

BANDERVISH

2010 - Princigalli Produzioni/il Manifesto
28/10/2010 - di
Definire ´Bandervish´, ultimo lavoro dell’ensemble pugliese, un greatest hits è decisamente riduttivo e fuorviante. I greatest hits nella stragrande maggioranza dei casi sono operazioni dettate dalla necessità di rispettare accordi con le case discografiche (o battere cassa in periodi di stasi creativa) e al massimo possono essere un buon punto di partenza per chi si accosta per la prima volta ad un artista, perché di rado dicono qualcosa in più a chi già lo segue. Al contempo è improprio definire ´Bandervish´ un nuovo album a tutti gli effetti perché si tratta di brani già editi. A questo punto vi chiederete cosa sia. Il disco raccoglie alcuni pezzi della band ma li ripresenta in una nuova veste, più ricca e calda, grazie al contributo della Banda di Sannicandro di Bari (già presente nel precedente Album Beyond The Sea - 2009), che aggiunge un tocco retrò, innestando il calore di quel Sud a tratti incantato dei film di Tornatore, ed ai sapienti arrangiamenti di Livio Minafra. Il sound risultante ricorda certi brani di Battiato come ´Stranizza d´amuri´, con in più un maestoso andamento orchestrale che attenua solo un poco la matrice world dei Radiodervish. Esempi perfetti sono ´L’Esigenza´ e ´L’Immagine Di Te´, dall’atmosfera sempiterna e carica di profumi e dai testi lirici e ricercati, con un cantato lieve ed intenso assieme. La band, da sempre coccolata dal gotha della musica italiana (l’esordio del 1998 ´Lingua contro lingua´ è stato prodotto da Giovanni Lindo Ferretti e Massimo Zamboni, ´L’Immagine Di Te´ del 2007 da Franco Battiato), ha tirato fuori un gioiello, anche solo rimontando gemme del passato.

Track List

  • Intro - Centro Del Mundo
  • L’Immagine Di Te
  • Les Lions
  • L’Esigenza
  • Lamma Badà
  • All My Will
  • Avatar
  • Ti Protegge
  • Fogh En Nakhal
  • Sea Horses
  • Ainaki
  • Dio Pazzo Dio Pane