Il grido della fata<small></small>
Italiana • Canzone d`autore

Max Manfredi Il grido della fata

2021 - Maremmano Records, distribuzione Ird

29/12/2021 di Laura Bianchi

#Max Manfredi#Italiana#Canzone d`autore

È uscito Il grido della Fata, il nuovo lavoro del genovese Max Manfredi. Attenzione: si tratta di un disco ad altissimo tasso di poesia; astenersi ascoltatori superficiali e in cerca di sensazioni usa-e-getta; assumere regolarmente e maneggiare con cura. Contiene gioielli preziosi e delicati, elicrisi e scimmie grigie, api e braille di canali, timo, alloro, Bengala e Bretagna, asfodeli e atropi, e ha una proprietà unica: turba ed esalta.

Il diseredato Gérard de Nerval e i suoi versi immortali costituiscono il principio attivo che metabolizza gli umori di un uomo ipersensibile e ironico, appassionato e colto: E per due volte vincitore ho attraversato l’Acheronte: Modulando di volta in volta sulla lira di Orfeo I sospiri della Santa e le grida della Fata. Chi attraversa il fiume infernale è eroe tremebondo, ma illuminato, guidato da una ragione, da un motivo, che può, o non può, trovare uno scopo, una conclusione, ma il cui percorso contiene ragioni e finalità.

Così, questo scrigno di gioielli illumina di luce inusuale scene di vita quotidiana e straordinaria, ridefinendo costantemente equilibri precari e mescolando suoni antichi e contemporanei, strumenti acustici ed elettronici, ballate dai languori primonovecenteschi, coi brividi generati da un theremin campionato, nella poetica Sala da concerto, e delicati madrigali in punta di lauda ispanica, nella suadente Elicriso, ipnotiche visioni dominate dal sound design in Nostra Signora della Neve, atmosfere decadenti e sinfoniche in Rosso Rubino

Su tutto, dominatrice ed esaltatrice delle molteplici sfumature di un tessuto musicale simile al broccato, cangiante e ricchissimo, emerge la voce di Manfredi, mai come in questo caso intensa, vibratile, mutevole, modulata da un sapiente uso della dizione e dei chiaroscuri; una voce che dipinge, a volte scolpisce, precise parole, cesellate nel corso di lunghi anni, in cui l'artista, come l'Apis dell'omonimo brano, dona all'ascoltatore emozioni profonde, poiché "a chi scende giù fino al miele si sciolgono scienza e parole".

Passione e cultura si fondono, nell'immaginario di un autore che Fabrizio De André definì "il più bravo di tutti"; e chi si lascia prendere dall'assenzio della fata - canzone, come nella conclusiva, definitiva, Il grido della fata, non può non restare incantato dalla sintesi fra immagini, che si fanno parole, che si fanno suoni, e che tornano a essere immagini, come in un gioco di specchi che tutto comprende e tutto perdona, nel segno di un'umanità che accoglie alto e basso, poesia e prosa, relativo e assoluto. E, se "l'inverno ha due nomi, e un nome è neve, e un nome è fuoco", come Manfredi canta in Sala da concerto, il fuoco di questi dodici gioielli ci scalderà e scioglierà la neve del cuore, accumulatasi in noi, a causa di troppo tempo senza poesia.



 

Track List

  • Scimmia grigia
  • Sala da concerto
  • Malvina
  • Nostra Signora della Neve
  • Elicriso
  • Guastamori
  • Nasi Goreng
  • Polleria
  • Apis
  • Canzone del Finale
  • Rosso rubino
  • Il grido della fata

Articoli Collegati

Max Manfredi

Dremong

Recensione di Giuseppe Verrini

Max Manfredi

Intervista 20/11/2013

Recensione di Ambrosia J. S. Imbornone

Max Manfredi

Luna persa

Recensione di Andrea Rossi

Max Manfredi

Intervista 20/04/2009

Recensione di Simone Broglia

Max Manfredi

Luna persa

Recensione di Ambrosia J. S. Imbornone

Max Manfredi

Live in blu

Recensione di Christian Verzeletti

Max Manfredi

Intervista 04/10/2004

Recensione di Simone Broglia

Max Manfredi

L’intagliatore di santi

Recensione di Simone Broglia