Tempus fugit<small></small>
Italiana − Alternative

Maria Devigili

Tempus fugit

2018 - Riff Records e Cardio Production
13/04/2018 - di
Maria Devigili, cantautrice trentina di nascita, ma bolognese di adozione,  suona la chitarra da anni, componendo i propri brani e ispirandosi alla contemporaneità e insieme alla propria interiorità. Il suo nuovo lavoro si chiama Tempus fugit ed è un concept album,  “sulla tematica della fuggevolezza del tempo", come la stessa cantautrice ha modo di spiegare.“Oggi noi viviamo nella convinzione che “il tempo è denaro”. Ma possiamo davvero quantificare la preziosità’ del tempo?”, si chiede Devigili. E si risponde attraverso dieci tracce ficcanti e compatte, sorrette da una voce espressiva e da arrangiamenti efficaci.
La citazione da Virgilio, con echi più oraziani che stoici, non tragga in inganno: qui non siamo di fronte a una vuota esibizione di cultura, ma alla ricerca inesausta dei tratti d`unione fra il mondo antico e quello moderno, a sottolineare come, in ogni caso, quando ci sono di mezzo la filosofia e l`approfondimento, non esistano barriere spaziali o temporali.

Così, in Memorandum, elegante ye-ye condotto dalla voce cristallina di Devigili, il messaggio è chiaro: ricordati di te, perché sei in questo mondo qui ed ora. Messaggio epicureo nel vero senso del termine, che valorizza il presente come unica nostra ricchezza, e lo fa con un piglio musicale energico, a sottolineare la forza della vita, che può vincere il tempo, che scorre irreparabile. Così, in Il presente, brevissimo quadro dall`introduzione acustica suggestiva ed efficace, i versi che restano maggiormente impressi sono proprio il tempo fugge sempre, il tempo è il presente, mentre l`ukulele e la voce intrecciano un ricamo sapiente ed equilibrato.

La guida di Giuvazza (Finardi, Levante, Bianco), presente anche in alcuni brani, come nella bella Inconsapevoli, e la ritmica dell`artista visuale e batterista Stefano Orzes (si ascolti a proposito Superstiti) arricchiscono il disco, facendo assumere ad esso una posizione originale rispetto a una produzione indie emula delle grandi signore, come Donà o Consoli, anche perché il concetto che lo sostiene è convincente e ben articolato. Un esempio di ciò si può ascoltare in Maya, piccolo profondo blues, in cui l`arrangiamento, fra una ritmica con le spazzole jazz e chitarre distorte, è insieme tradizionale e all`avanguardia, mentre la voce, dalla dizione perfetta e dalle vibrazioni profonde, domina il tutto, donando al breve testo sfumature preziose.

Un disco da ascoltare e riascoltare, testi alla mano, per gustarne appieno ogni attimo, come si dovrebbe fare del tempo che ci è concesso.

 

Track List

  • 1. Arcaico Futuro
  • 2. Ho visto
  • 3. Inconsapevoli
  • 4. Frequenze Armoniche
  • 5. Memorandum
  • 6. Tempus Fugit
  • 7. Il Presente
  • 8. Superstiti
  • 9. Senza Tempo
  • 10. Maya