ST()MA<small></small>
Derive − Suoni − Improvvisazione

Cristiano Calcagnile

ST()MA

2019 - WE INSIST! Records/Amirani Records
09/05/2019 - di
To My Mother, In Each Silent Breath.

Nella carriera di tutti gli artisti ci sono opere che, al di la del loro successo e della loro bellezza, hanno un significato personale e artistico unico. Per Cristiano Calcagnile (batterista, percussionista, arrangiatore eclettico tra gli altri già con Cristina Donà, Bolllani, Damo Suzuki, Blastula, Xabier Iriondo, Antony BraxtonST()MA penso sia esattamente questo: un’opera sofferta, travagliata, personale, impegnativa, multiforme. Unica!

Per arrivare a questo prezioso box sono dovuti passare quasi cinque anni dai giorni in cui fu registrato dal vivo alla Casa del Popolo di Lodi nell’Aprile 2013! Cinque anni per ridefinirne ed adeguarne la forma fisica rispetto a quella musicale ormai definitivamente fissata. Soprattutto cinque anni passati a trasformare quella che doveva essere “una questione privata” in una questione la cui importanza e valore potesse riguardare chiunque se ne approcciasse.

ST()MA raccontava di una perdita; ST()MA racconta (ancora) di una perdita.

ST()MA (il film) racconta segnali da decifrare; corpi di insetti che si muovono nello spazio; organicità di semi che diventano piante acerbe, ghiacci e muffe; fatiche e vita. ST()MA (il concerto) racconta di allarmi; di passaggi di stato; di segni inscritti nel corpo; di medicazioni/meditazioni liturgiche e dolorose; di vita, di morte e di altra vita. Racconta di una postura personale, di bilanciamenti e sbilanciamenti, equilibri e disequilibri, perdite di controllo e adattamenti. Come una danza dolorosa. ST()MA (le parole) raccontano pensieri e riflessioni; ci parlano di come un razionale abbia lasciato parte di sé in quest’opera e ci forniscono ipotesi per ritrovane traccia.

E allora apriamo questo box che contiene: il disco in vinile, un DVD con il film ST()MA, il documentario Inside Stoma e le tracce audio in digitale; 8 fotografie 30x30 e un prezioso libretto con gli interventi di Cristiano, del sassofonista e improvvisatore Gianni Mimmo e del regista Bruno Pulici. Partiamo proprio da queste righe per ascoltare dando un senso a ciò che ascoltiamo, per dare un senso a ciò che vediamo.

Le Parole

Gianni Mimmo parte da considerazioni attorno ad un rapporto interpersonale modificato, nei suoi caratteri di vicinanza/lontananza, “dalla velocità vorticosa che il tempo è andato assumendo” e da un pensiero sul rapporto tra composizione-performance e condivisione-fruizione. Ed allora la prima riflessione, dopo la evidente constatazione di come questo lavoro in solo non sia in nulla una “antologia di stile” del musicista Calcagnile, è quella sulla geografia degli oggetti che Cristiano mette intorno a sé; sulla tridimensionalità del lavoro percussivo; sulla proiezione del suono e, direi, del corpo nello spazio. Esattamente come la danza di cui accennavo prima. Gianni Mimmo prosegue con riflessioni preziose sull’inquietudine del processo creativo; sui sonori Objects Trouve di cui Cristiano si circonda (siamo noi a trovare loro o loro a trovare noi?); sulla architettura compositiva, una struttura di cui domandarsi se e come ne percepiamo la forma, una forma che ridiventerà parte di nuovi racconti (come è avvenuto a Milano in questo Marzo 2019 in cui Mimmo ha intrecciato le note del suo sassofono alle percussioni di Calcagnile in una presentazione del progetto che ha lasciato senza parole dalla bellezza). Le parole di Mimmo, come le sue note, procedono per frasi, elissi, sviluppi, richiami ed appoggi che rendono il suo scritto quasi un manuale sul senso del segno sonoro.

Cristiano parte da una riflessione esistenziale del suo essere uomo: “i moti dell’animo - quelli ingombranti, pesanti da sostenere, dolorosi ma dai quali, in fondo, non ci vogliamo separare – hanno bisogno di una “casa” in cui albergare perché non ci esplodano dentro”. In questa riflessione c’è tutto il senso prezioso di quest’opera. Con l’esigenza di rivedere le cose da nuove prospettive, in un dentro e fuori capace, volente o nolente, “della trasformazione come necessità, processo intrinseco alla vita, come scelta consapevole e quindi come adesione e accettazione.”

Il regista Bruno Pulici racconta di come il cambiamento di progetto - da documentazione del live (comunque presente in ampie tracce all’interno del DVD) a lavoro a sé stante – sia potuto avvenire partendo dal riconoscere e accettare “l’incerto” come motore della narrazione (ed è straordinariamente calzante la sua definizione di Calcagnile come “professionista dell’incerto”). “Questo progetto non possiamo sbagliarlo perché non abbiamo nessun progetto” non quindi un semplice smarrirsi ma “un metodo” di lavoro perseguito con caparbietà e senso.

La Musica

Le sei tracce, prodotte con la collaborazione di Xabier Iriondo, nascono dall`esigenza di raccontare qualcosa sul tema del passaggio, della trasformazione necessaria e si sviluppano, in maniera non lineare, attraverso un racconto unico: si parte da Segnali, impulsi di allarme sempre più forti e saturati. Tatoonomi è un 5/4 che segue e parla delle variazioni di stato/suono partendo dalla sillabazione della parola ST()MA; Oltre gli Stomi parla “dell’ingenua speranza di vincere la morte” in un viaggio personale in prima persona; Medicazioni Liturgiche e Archetipi sono i brani più dolorosi, il primo col suo alternarsi tra suoni potenti brutali e silenzi assoluti, il secondo nel suo sovrapporre lamenti suonati con l’archetto e mandati in loop sino a formare una polifonia colma di dolore; la chiusura Around Me è un lento ritornare a qualcosa di conosciuto e rassicurante, un qualcosa che, inaspettatamente, prende la forma famigliare, ma allo stesso tempo nuova, di “Round Midnight”.

Alla fine si esce come “ri-partoriti” da questa esperienza sonora e visiva. Inutile dirvi quanto consiglio questo progetto. Quanto vi consigli di leggere, ascoltare, guardare quello che c’è in questo prezioso Box edito da We Insist Records con il supporto della Amirani Records di Gianni Mimmo. Inutile suggerirvi di controllare se dalle vostre parti dovesse passare live questo progetto straordinario in vendita sia come Box che come DVD.

Bisognerebbe sempre riconoscere lo sforzo di chi rischia; bisognerebbe sostenere sempre chi rischia e centra in maniera così alta l’obiettivo.

Cristiano Calcagnile: Drums, Percussion, Objects, DrumTable Guitar, Effects

Produzione Artistica Xabier Iriondo e Cristiano Calcagnile

Video ST()MA: regia di Bruno Pulici; Cinema, Storyline & Set Design: B. Pulici, C Calcagnile; L Orioli.
Video recorded Between April / December 2013 @Niburi Station Novate Milanese e @Casa del Popolo Lodi

Inside ST()MA regia Luca Orioli recorded @Casa Del Popolo Lodi 15,16,17 April 2013

Track List

  • ST()MA
  • LP
  • Side A
  • Segnali
  • Tatoonomi
  • Side B
  • Oltre Gli Stomi
  • Medicazioni Liturgiche
  • Archetipi
  • Around Me
  • DVD
  • MOVIE
  • Segnali
  • Tatoonomi
  • Oltre Gli Stomi
  • Medicazioni Liturgiche
  • Archetipi
  • Around Me
  • EXTRA
  • Inside ST()MA (con tracce video del live)
  • MP3 delle tracce di ST()MA