Delicato a te<small></small>
Emergenti − Songwriting

Andrea Seren Rosso

Delicato a te

2015 - Controrecords
22/04/2015 - di
Il Bardo Thodol, noto nei paesi occidentali come Libro Tibetano dei Morti, è quel testo sacro della tradizione buddhista che raccoglie le esperienze vissute dall`anima durante il viaggio di purificazione che la conduce dalla morte alla rinascita. L`espressione tibetana "Bardo Thodol", tradotta letteralmente, dalle nostre parti suonerebbe così: Suprema Liberazione Con L`Ascolto.

E` molto probabile che l`affabulatore torinese Andrea Seren Rosso abbia voluto costruire il suo disco d`esordio proprio in quello spazio ideale a cavallo tra il sonno e la veglia, in una successione di dieci tracce in perenne sospensione o, più esattamente, in una sorta di immaginifica `catarsi d`ascolto`.
Gli ingredienti di Delicato a te, uscito per la Controrecords, sono di ottima fattura, ma il lavoro colpisce nel segno solo a tratti, complice probabilmente una scrittura che proprio nell`immediatezza cercava il suo punto di forza, ma che a causa di quest`ultima sfiora pericolosamente i paletti del già-detto e del già-sentito.

Ammiccamenti non sempre riusciti al Battisti più sperimentale (Specie protetta, Immobile) e al Battiato più pop (Ballerina Drive) si alternano a virate folk-blues intercontinentali (Blued), mentre il tex-mex sussurrato con sicurezza da Air persi irrimediabilmente in un deserto immaginario (Le nostre ceneri) approda su lidi umidi di cocktail bossa-nova (Visione notturna).  Emblemi di delicatezza, infine, i morbidissimi vocalizzi che in Strumentale #1 si sovrappongono in un misurato e breve crescendo.

Delicato a te, a conti fatti, risulta nel complesso un buon disco d`esordio dall`alto potenziale evocativo, degno aprifila di quello che si prospetta essere un interessantissimo percorso musicale.

 

Track List

  • Le nostre ceneri
  • Nel paese di Muu
  • Le forme dell`amore
  • Niente di te
  • Ballerina Drive
  • Visione notturna
  • Specie protetta
  • Blued
  • Strumentale #1
  • Immobile