Management

Management

Roma, Monk


29/02/2020 - di Arianna Marsico
Preceduta dal set di Nicola Ceroli, arriva la luna rossa di Sumo del Management, per l’ultima data della prima parte del tour. Per il dolore post – operatorio (per chi fosse nostalgico del nome originario della formazione) Luca Romagnoli dirà: “Dovrete squarciarci lo stomaco”. Al di là della proposta pulp c’è da dire che Sumo ha semplicemente portato in profondità ma in modo più capillare e sottile la “gioia di vivere male” maggiormente esibita in passato.

La serata inizia partendo proprio dall’ultimo album, con Per i tuoi occhi tristi, Sumo e Sto impazzendo. C’è in alcuni casi una curiosa inversione tra i brani provenienti da Sumo e quelli dei lavori precedenti.

I primi ricevono generalmente una decisa iniezione di energia rispetto alle atmosfere più riflessive del disco. Un esempio è la title - track Sumo in cui il basso di Antonio Atella accentua lo scandire di “questo tempo bastardo” che “non fa mai un ritardo”, ma anche il brano scritto con i fan Sessosesso (#collectivesong).

Il mio corpo diventa quasi parlata, facendosi straniante rispetto alla versione contenuta in Un incubo stupendo. Come la luna invece mantiene la sua veste essenziale in acustico, e la regala in un ideale abbraccio anche a Il cantico delle fotografie, per la quale sul palco rimangono solo Marco e Luca.

Ceroli risale sul palco per la cover di Luigi Tenco Un giorno dopo l’altro, accompagnata semplicemente dalle chitarre di Marco e Nicola.

È tempo di un cambio di registro con La pasticca blu e Un incubo stupendo che fanno correre a perdifiato sulla scena e saltare il pubblico.

La chiusura del tempestoso viaggio è affidata a Naufragando. Sul finale strumentale esce Luca per primo, seguito via via dal resto della band. L’ultimo ad abbandonare la nave, come un vero capitano, è Marco, che con la sua chitarra ci regala gli ultimi riff intensi e raffinati prima di concedersi all’abbraccio dei presenti.

 

 

Foto di Daniele Di Mauro

Setlist

Per i tuoi occhi tristi

Sumo

Sto impazzendo

Il vento

Auff!!

Amore borghese

Chiara scappiamo

Forte forte

Sessosesso (#collectivesong)

Il tempo delle cose inutili

Avorio

Il mio corpo

Esagerare sempre

Norman

Giovane amore

Pornobisogno

Come la luna

Il cantico delle fotografie

Un giorno dopo l’altro

La pasticca blu

Un incubo stupendo

Naufragando

Management Altri articoli