Saverio Costanzo

Azione

Saverio Costanzo Saverio Costanzo


2023 » RECENSIONE | Azione | Drammatico
Con Lily James, Rebecca Antonaci, Joe Keery, Rachel Sennott, Alice Rohrwacher



28/02/2024 di Roberto Codini
Una notte da leonesse: il cinema e la vita

Finalmente l'alba, il nuovo film del talentuoso regista Saverio Costanzo comincia con una dedica: “a mio padre”. E il sipario si apre subito su due ragazze di periferia che vengono avvicinate da un giovanotto in cerca di comparse per un kolossal ambientato nell’antico Egitto.

Inizia così l’avventura di Mimosa, che conoscerà la diva capricciosa Jennifer (che interpreta la Faraona) e il giovane attore protagonista con cui avrà una storia di una notte. Già, perchè tutto il film si svolge in una notte, la notte in cui Mimosa, spaventata da una leonessa che ruggisce dalla gabbia di un furgone, viene avvicinata per la strada dallo staff dell’attrice e sale a bordo di una macchina guidata da Wilem Dafoe, qui in un ruolo un po' ridicolo.

Mimosa entrerà così nel mondo della celluloide, tra Roma e Capocotta, dove verrà trovata morta sulla spiaggia l’attrice Wilma Montesi. La cronaca e il racconto cinematografico si fondono così, raccontando un mondo molto diverso da come lo si era immaginato, dove la diva è una donna sola e il giovane desiderato si rivela presto una delusione. Mimosa (Alba Rohrwacher), che si era commossa alla visione di Alida Valli, ora si trova prigioniera in una realtà che non le piace e non vede l’ora che venga, appunto, “finalmente l’alba”.

Finalmente l’alba, tra Bellissima di Visconti e La Dolce vita di Fellini, ci svela che la vita vera è meglio della vita nei palazzi cupi e sontuosi del cinema e che non bisogna aver paura dei leoni, ma degli uomini.
Il film di Costanzo è un omaggio al cinema visto con l’occhio di una giovane, in grado di interpretare meglio di tutti il ruolo dell’attrice protagonista, che magari non balla con i lupi, ma cammina con i leoni.

 


Saverio Costanzo Altri articoli

Saverio Costanzo PRIVATE

2004 Drammatico
recensione di Calogero Messina