Ritratti Post Diploma Vol.II<small></small>
Italiana • Canzone d`autore • pop

Cordio Ritratti Post Diploma Vol.II

2020 - Sony music

01/04/2020 di Barbara Bottoli

#Cordio#Italiana#Canzone d`autore

Chissà cosa pensava Cordio quando scriveva i brani per Ritratto post diploma Vol. II. La prima immagine che si compone nella nostra testa anche solo osservando la copertina di questo nuovo album che rappresenta dei ragazzi ci rimanda immediatamente al Decamerone; il cantautore catanese, suo malgrado, diventa un moderno Boccaccio che salva la nostra immaginazione in un momento difficile, con freschezza, speranza e l’immediatezza di chi sa come arrivare subito alla pancia di chi lo ascolta. Dopo quattro mesi da Ritratto post diploma Vol. I, il sequel è carico di attesa e curiosità, e Cordio riesce a trasmettere al meglio l’emotività positiva con una scrittura accurata e le aperture musicali che riempiono ogni istante, insinuandosi negli spazi più profondi. Cordio sceglie una linea classica compositiva che, in tempo di costante ricerca di innovazione, trasforma “la normalità” in novità, e ogni parola diventa rassicurante, ogni scelta è una carezza amichevole, infatti l’artista in queste cinque tracce si pone come un amico in completa confidenza, senza barriere, infatti lo vediamo con lo sguardo innamorato, sognante e nostalgico, vivendo di quell’atmosfera elettrica degli incontri in Quei giorni limpidi di leggerezza o neò ricordare in Vernice.

   Definito come figlio artistico di Ermal Meta che produce anche questo lavoro (tranne Fuori dal blues affidata a Giordano Colombo), ci piace più vederlo come un fratello, col quale è capace di scambiarsi sentimenti ed emotività, con protezione e voglia di realizzare nuove frasi da ricordare, entrambi appaiono legati, ma con personalità individuale, anche nei live riescono a trovare un punto di comunione molto forte con due scritture, tuttavia, diverse: sicuramente Cordio, in alcuni momenti risente della giovane età che, dall’altra parte, lo rende più resistente nella lunga distanza, rispetto ai colleghi. In Martina fa la guerra e in Musica su Marte sono presenti gli archi degli Gnu Quartet che impreziosiscono con delicatezza la traccia finale, trasformando completamente il brano che si trasforma in vera brezza confortevole. L’uscita del 13 marzo  2020 ha caricato, ovviamente senza calcolo, Ritratti post diploma Vol. II di speranza in un momento assurdo per il mondo, costretto a sperare e ricordare, in attesa di un momento migliore, ma questo album aiuta, aiuta a ricordarci che non tutto era disastroso e che già prima di questo periodo c’era chi coltivava bellezza semplice.

Track List

  • Quei giorni limpidi di leggerezza
  • Martina fa la guerra
  • Fuori dal blues
  • Vernice
  • Musica su Marte