Luigi Grechi De Gregori

Luigi Grechi De Gregori

Milano / The Boss


30/01/2019 - di Giovanni Sottosanti
Lui è un vecchio pastore di nuvole, un minatore di desideri, un marinaio di lungo corso che ha navigato sui sette dolori, lo scalatore dei monti di sabbia, il ferroviere senza binari, un vecchio pugile senza più rabbia,  un pittore senza colori e un uomo è quello che mangia ma anche i sogni che si porta nel cuore.

Non si potrebbe descrivere con parole migliori. Luigi Grechi è questo, un sognatore anarchico e romantico, fragile e ribelle, un viaggiatore solitario lungo le strade secondarie delle musica, cantore per pochi, poeta di tutti, maestoso, educato, schivo, colto e gentile. Porta con leggerezza e ironia il suo illustre cognome, racconta la strada e il viaggio, la solitudine e la libertà, malinconico e pungente. Storie di vita vissuta e ricordi di Folkstudio con il fratellino più piccolo al seguito, acquarelli su tela grezza a dipingere l`America di Woody Guthrie, Ramblin` Jack Elliott e Tom Russell. "Sono sempre stato dalla parte dei banditi piuttosto che con chi si mostra ipocritamente onesto" e allora ecco Sante Pollastri che "ha una mira eccezionale".

Non ci vuole molto a capire chi sia il vero Campione per Luigi Grechi, ma nella vita spesso bisogna fare i conti con la realtà, i sogni durano un battito di ciglia. "E cantò l`Ave Maria, almeno i versi che ricordava/Mentre fissava sui vecchi muri la propria ombra che lo seguiva" l`angelo di Lione atterra a Milano con uno zaino di poesia sulle spalle, il locale è uno scantinato, freddo e umido, poca gente, ma non importa, ci pensa quel signore alto, barbuto, il volto solcato dalle autostrade della vita, camicia amaranto, jeans e stivali da cowboy, voce profonda e familiare, ci pensa lui a riscaldarci il cuore.

Racconti intimi e canti popolari, dove ogni autore che lo raccoglie aggiunge una sua strofa, perché le canzoni sono storie che si tramandano e la musica è vita che scorre. Ed è la pioggia che lo ha bagnato E mille facce da ricordare Come le pagine dei libri letti E il ricordo di un vecchio amore

Luigi Grechi De Gregori Altri articoli