Paolo Rumiz

Paolo Rumiz Trans Europa Express


Feltrinelli Narrativa Italiana | Viaggi

01/08/2016 di Elena Bertoni
I libri  ci fanno compagnia, ci consolano, ci coccolano, ci nutrono la mente, ci trasportano nel tempo e nello spazio.  Parecchi libri  ci fanno viaggiare e con  Trans Europa Express di Paolo Rumiz si parte per un favoloso viaggio a zig zag attraverso la frontiera est e Ovest dell’Europa,  quasi seimila chilometri con lo zaino in spalla, utilizzando in gran parte treni e autobus, partendo dalle fredde terre del Nord a Rovaniemi in Finlandia, passare poi  il confine tra Norvegia e Russia, a Murmansk, per arrivare fino  al Sud dell’Ucraina a Odessa, dove il viaggio termina.  

Un viaggio insolito attraverso territori ostili ma pieni di fascino, alla ricerca dei vecchi confini, delle frontiere, le dogane e le recinzioni metalliche, dove Rumiz  con grande maestria osserva  le luci e le sfumature del cielo che cambiano man mano che si scende verso sud, descrive paesaggi selvaggi , attraversa la Lapponia, la Carelia, la Botnia, visita le Isole Soloveckij,  i territori lungo il Mar Bianco ed il mar di Barentz,  le terre baltiche, luoghi dai nomi sconosciuti che sembrano appartenere alla favole e che acquistano improvvisamente vita.  Rumiz entra in contatto con le anime più autentiche che popolano questa parte dell’Europa, incontra la generosità degli uomini e delle donne che vivono e lottano contro le insidie del clima, della natura e dell’uomo, contadini, pescatori, monaci che custodiscono chiese ortodosse sopravvissute al comunismo e preti che hanno combattuto in Cecenia, venditrici di mirtilli, facce slave, circassiche, turche, centroasiatiche, bellezze bionde e mediterranee, in una gran mescolanza di usanze e costumi, che permettono allo scrittore di parlare anche della storia di quei luoghi,  racconta  i problemi dei Lapponi, di quelli che sono sopravvissuti alle deportazioni e narra le problematiche nate dagli eventi bellici che hanno stravolto stati e popoli.

Trans Europa Express non è un semplice diario di viaggio, con le sue capacità narrative Rumiz ci regala sensazioni ed atmosfere uniche,  stimola la curiosità ed il desiderio di conoscere meglio territori e fatti trattati durante il racconto. Il viaggio si è svolto nel 2008 ed il libro è stato pubblicato nel  2012, certamente molte cose saranno cambiate da allora, alcuni personaggi magari non saranno neanche più tra noi, ma il messaggio che trasmette resta attuale ed inalterato: viaggiare, scoprire luoghi nuovi , conoscere realtà e culture diverse apre il cuore e la mente, le da una forma nuova, aggiunge vita alla vita, e se non si può viaggiare materialmente bisogna viaggiare leggendo libri come questo,  libri di viaggi vecchi e nuovi.

Questo libro scritto benissimo, con uno stile giornalistico molto chiaro ed esaustivo, sarebbe stato perfetto se ci fossero state a complemento alcune immagini che Monika, la fotografa interprete e studiosa che ha accompagnato Rumiz per gran parte del viaggio, ha scattato in gran quantità. Sicuramente qualche foto avrebbe arricchito ulteriormente il viaggio e la fantasia. 

Trans Europa Express

Paolo Rumiz

Ottobre 2012  - Ed. Feltrinelli

Pag. 231  Euro 18,00


Paolo Rumiz Altri articoli

Paolo Rumiz

Il ciclope

Narrativa Italiana
recensione di Elena Bertoni

Paolo Rumiz

Come cavalli che dormono in piedi

Saggi
recensione di Elena Bertoni

Paolo Rumiz

È oriente


recensione di Francesco Ongaro