Gianluigi Nuzzi

Gianluigi Nuzzi Vaticano s.p.a.


Chiarelettere, 2009 Attualità | Società

di Francesco Bove
Ci apprestiamo a recensire ormai un classico dell'inchiesta italiana, e non una nuova uscita, nonostante sia un libro giovane, editato da Chiarelettere nel 2009, ma il motivo per cui ci soffermiamo su questo testo è importante : Vaticano S.p.A. è ancora troppo poco conosciuto e, per le notizie riportate, va letto ed esaminato con attenzione. L'autore è Gianluigi Nuzzi, un bravo giornalista di Panorama e Libero, che si basa su un archivio segreto del Monsignor Dardozzi, che ha gestito lo IOR fino alla fine degli anni novanta, contenente 4000 documenti tra lettere, relazioni riservate, bilanci. E allora, vi chiederete, dov'è lo scandalo? è proprio lì, in quei pezzi di carta che raccontano i lati più oscuri della nostra storia italiana, dal caso Sindona alla maxitangente Enimont senza escludere il fenomeno mafioso. Non si tratta di illazioni ma di fatti sconvolgenti, una macchina spregiudicata diretta dal cardinale Marcinkus. Ma Nuzzi si sofferma sulle vicende dello IOR post-Marcinkus grazie al monsignor Dardozzi, facente parte di una commissione segreta interna allo IOR, che ha voluto diffondere il materiale dell'archivio dopo la sua morte. Nuzzi sa di aver sollevato un macigno e ha cercato, quindi, di trattare l'argomento in maniera scrupolosa cercando, nonostante alcuni passaggi difficili, di rendere fruibile la complessa dinamica finanziaria della Banca Vaticana, un vero e proprio centro di riciclaggio all'interno della città di Roma che, essendo un'off-shore, non può essere oggetto di inchieste giudiziarie per la caratteristica dell'extra-territorialità. In questo modo, in nome di Cristo e della Trinità, hanno quadruplicato gli affari grazie alla doppia contabilità ; Giovanni Paolo II, nonostante la sua bontà, nulla ha fatto per porre fine ad operazioni illecite ma, anzi, ha dato sostegno a Solidarnosc tramite questo strumento ; vergognose operazioni finanziarie sono state perpetrate spacciandole per operazioni di carità e beneficenza. Insomma troverete pane per i vostri denti in Vaticano S.p.A. , faticherete, certo, durante la lettura non facile ma vi assicuro che ne uscirete soddisfatti (e nauseati). Ratzinger, nel 1977, tuonava : " La chiesa sta divenendo per molti l'ostacolo principale alla fede. Non riescono più a vedere in essa altro che l'ambizione umana del potere" , un monito, un sobrio j'accuse che Ratzinger rivolgeva ai suoi uomini più che ai fedeli. Oggi abbiamo strumenti per reagire, per non farci fregare. Usiamoli.