• Home
  • /
  • Libri
  • /
  • Daniele Benvenuti
  • /
  • Cantattori – Dal Set al microfono con dignitoso furore
Daniele Benvenuti

Cantattori – Dal Set al microfono con dignitoso furore

Daniele Benvenuti


Arcana Editrice, 2019

di Aldo Pedron
Cantattori – Dal Set al microfono con dignitoso furore, è un approfondito e meticoloso viaggio a tappe tra le stelle internazionali del cinema, della televisione e del teatro che si sono ritagliati una credibile e sincera carriera parallela come musicisti, tra sala d’incisione, dischi e palcoscenico. Si parla di stelle del cinema che hanno avuto successo anche con il microfono. Attori, registi, comici e vari personaggi assai poliedrici tanto da saperci fare in vari campi e nella duplice presenza sul set ma anche cantando, ballando, presentando o incidendo album o singoli o esibendosi dal vivo in concerti vari o facendo parte di qualche band.

Ci sono tutti, dalle star alle figure secondarie, dai trionfi del Rack Pack di fine anni ’50 e inizio ’60 (Frank Sinatra, Dean Martin, Sammy Davis Jr., Peter Lawford e Joey Bishop) allo straordinario pianista Hugh Laurie (l’attore del Dr. House). Ecco raccontate le storie, gli aneddoti e i dettagli di registi come Woody Allen, Emir Kusturica e John Carpenter, il pluripremiato e talentuoso banjoista Steve Martin (musicista virtuoso e grande attore), Billy Bob Thornton ed ancora Judy Garland e Jayne Mansfield, Barbara Streisand, Whoopy Goldberg, Scarlett Johansson, Jeff Bridges, il piccolo-grande furbastro Danny De Vito, Johnny Depp (chitarrista ed attore), John Travolta, Olivia Newton John (cantante e attrice australiana),Burt Reynolds, Bob Dylan, Gary Busey (attore, batterista e eroe del football),la simpatica e vivacissima Queen Latifah e centinaia e centinaia d’altri.

Artisti nuovi e vecchi, attuali e vintage. Daniele traccia con una perizia impressionante storie ed intrecci insospettati passando dal roccioso Steven Seagal a Bruno (nome d’arte in sala d’incisione di Bruce Willis), l’ex morfioso e altalenante Kevin Bacon, Kris Kristofferson, Willie Nelson, Nancy Sinatra e Natalie Cole (entrambe facilitate da padri illustri). 

Si parla di groupies come le GTO’S assemblate da Frank Zappa o come Pamela Des Barres che poi diventerà scrittrice pubblicando alcuni libri in merito, o la furba Courtney Love e Angela Bowie, equamente divisa tra set, palchi ed editori. Cynthia Albritton, in arte Cynthia Plaster Caster deve invece la sua notorietà artistica soprattutto grazie al fatto di aver realizzato, grazie a calchi di gesso, le sculture degli organi genitali, il pene, di alcune delle più celebri rockstar dell’epoca. Oltre 48 cantanti, chitarristi, manager o rockstar tra cui spiccano i nomi di Jimi Hendrix (in data 25 Febbraio 1968), Noel Redding, Richard Lloyd dei Television, il batterista Aynsley Dunbar, Wayne Kramer e Dennis Thompson degli MC5, Jello Biafra, Zal Yanovsky dei Lovin’ Spoonful e molti altri. 

Bebe Buel, infine, prima di finire una carriera su Playboy e mettere al mondo Liv Tyler (per anni convinta di essere figlia di Todd Rundgren e non di Steven Tyler, quest’ultimo cantante, pianista, attore e frontman degli Aerosmith) era stata vocalist dei Gargyles e poi solista con all’attivo due album, un EP e tre singoli.

Ci sono curiosi siparietti su Ilona Staller e un capitolo e una sezione dedicata agli italiani tra cui: Alberto Sordi, Renato Rascel, Totò, Bud Spencer, Violante Placido e il batterista e comico Massimo Boldi, Adriano Celentano, Diego Abatantuono, Francesco Salvi, il simpatico caratterista sardo Benito Urgu (membro dei Barrittas), Claudio Lippi.  Il tutto ripercorso con la carriera artistica di ognuno di loro dietro il microfono e sui palchi con relative storie personali, discografia e filmografia.

C’è chi è nato facendo imitazioni o facendo il comico ma poi è diventato completo facendo il musicista o altro.

Nel libro vengono raccontati, ripresi, descritti, analizzati, coinvolti e valorizzati nomi come gli italiani Neri Marcorè che con la sua bravura ha interpretato moltissimi cantanti professionisti (Ligabue, Franco Battiato, Amedeo Minghi) e poi è passato alla chitarra con il suo spettacolo Un certo Sig. G. omaggio a Giorgio Gaber, oppure parliamo di Edoardo Pesce, uno dei componenti storici del collettivo folk-rock romano L’Orchestraccia nonché leader e frontman del combo soul-blues Edoardo Pesce & The St. Peter Stone’s, cantante e chitarrista prima di aver raggiunto la ribalta televisiva grazie a Romanzo Criminale, Squadra Antimafia e I Cesaroni.

Ce n’è per tutti i gusti, star famosissime ed internazionali ed artisti italiani noti o misconosciuti o poco conosciuti dal grande pubblico.  

I tre capitoli principali comprendono la prima parte composta da: backstage internazionale (1900-1970), Soundcheck, Opening Act, Chi è di scena, Host & Sipario, On stage, la seconda parte: Backstage Italia (1900-1970), Encores, Standing Ovation e la terza parte con Party after showbiopic, film, documentari, rock & Mockumentary.

320 pagine di libro che si leggono con piacere e forte curiosità, scritti divinamente bene e con notizie e fatti, verità e approfondimenti, nomi e cognomi, titoli di dischi e di film, attori e musicisti famosi o minori e misconosciuti.

Daniele Benvenuti, triestino, classe 1968, laureato in Scienze politiche, è un brillante ed acuto giornalista professionista sulla scena da oltre 30 anni in qualità di scrittore, assai attivo sulla carta stampata, video e radio, studioso di popular music (blue collar rock, blues, soul e R & B), atleta sportivo ad alto livello agonistico nonché autore di una monumentale tesi in Sociologia delle comunicazioni di massa (Sociologia della musica: Il rock e la comunicazione tra fan) e del libro All The Way Home –Bruce Springsteen in the Italian land 1985-2012 (Luglio editore). Nel suo archivio personale prendono polvere oltre 16 mila servizi pubblicati da alcune tra le principali testate e agenzie di stampa oltre che essere stato per diversi anni vice presidente regionale dell’Unione Stampa Sportiva Italiana (Ussi).  Sciatore con all’attivo 7 medaglie complessive (nessuna d’oro!) nelle ultime tre edizioni dei mondiali giornalisti.

Un libro davvero riuscito, curioso, brillante. Un lavoro ad arte meticoloso e piacevole al tempo stesso che si legge tutto d’un fiato ma anche apprezzato e valido per essere consultato e studiato.

Vogliate gradire!