UN VIAGGIO INTERIORE IN SOLITUDINE, L’ESORDIO DEI MATLA.

UN VIAGGIO INTERIORE IN SOLITUDINE, L’ESORDIO DEI MATLA.


15/05/2018 - News di SIQILLI

Quattro brani ipnotici per raccontare un viaggio interiore affrontato in piena solitudine.

Quattro brani ipnotici per raccontare un viaggio interiore affrontato in piena solitudine. “Solitune”, Ep di esordio dei Matla, affronta alcune tematiche che caratterizzano la società in cui viviamo oggi: emigrazione, alienazione ed arte sono solo alcune delle tematiche trattate all’interno dell’album.

Uscito il 23 marzo, Solitune è un ep che richiama il sound dei Verdena e la sensibilità del mondo grunge tipica degli anni 90’.

Ricco di distorsioni le voci si condensano in un canto ipnotico che trasporta l’ascoltatore su una frequenza ben decisa, la frequenza della solitudine.

Il significato del titolo è spiegato dal gioco di parole tra “Solitudine” e “Tune” che unite creano “Solitune”. Una contemplazione della società in cui viviamo ed una profonda meditazione interiore. 

Prodotto, mixato e masterizzato da Fabio Trombetta a Catania, nell’album ci sono diverse collaborazioni con altri artisti: Il violoncello di Emanuela Impellizzeri (featuring in “Surf in Piazza Teatro”); la chitarra di Giuseppe Barbagallo (featuring in “Come un’onda”).

Composto di getto tra le campagne della calda Sicilia, “Solitune” illustra chiaramente un disagio generazionale passando dall’ esaltazione della bellezza dell’arte, con richiami a Monet con le sue ninfee nel brano “Tatto”, fino ad arrivare ad una riflessione sul flusso migratorio italiano del nuovo secolo che colpisce le nuove generazioni delle regioni del Meridione (tematica trattata nel brano “Come un’onda”).

Così Danilo Bonfiglio, voce del progetto Matla, spiega l’intento dietro il loro album di esordio:
“L'obiettivo è sintonizzarsi sulla frequenza della solitudine.”

Ed è presente una nota di malinconia che lega le tracce tra loro all’interno dell’album spinte da una reazione interiore forte verso la società moderna che si traduce in musica.

“Preferiamo non attribuire un significato unico ai testi delle nostre canzoni, le parole hanno un ruolo fondamentale per noi. Ma è importante preservare il significato che ognuno può dargli in base alle sue esperienze di vita.”

Tracklist:
-Surf in Piazza teatro;
-Tatto;
-Come un’onda;
-Nothing to lose.

Credits copertina: Fabiana Scala.
Credits album: Fabio Trombetta (produzione, mix e mastering).

ASCOLTA SOLITUNE
https://soundcloud.com/matlaband
https://www.rockit.it/matlaband/album/solitune/40778

RIGUARDO I MATLA 

I Matla sono un gruppo rock sperimentale nato nel gennaio del 2017 nella città di Catania, composto da: Danilo Bonfiglio (chitarra e voce), Sergio Basile (cori e basso), Giovanni Piccinini (cori e batteria).

“L'idea è quella di creare musica senza un'etichetta o un genere particolare. Ci piace osservare, raccogliere, sperimentare e suonare. Le parole lasciamole ai testi.”

LINK E CONTATTI:

FACEBOOK: https://www.facebook.com/matlaband/
INSTAGRAM:
https://www.instagram.com/matlaband/?hl=it
YOUTUBE:
https://www.youtube.com/channel/UCsJ9cD1bYwaXTe4HWa8xWjA
E-MAIL:
matlaband@gmail.com

 


Per ulteriori informazioni: https://www.rockit.it/matlaband/album/solitune/40778