Gappa

special

Gappa Passeggeri in anteprima - il nuovo video di Gappa

30/05/2020 di Barbara Bottoli

#Gappa#Emergenti#Songwriting

Gappa presenta il suo nuovo video tratto dall'omonimo album Passeggeri, confermandosi un cantautore capace di lasciarsi ispirare dalle sue passioni e di conoscere tramite il suo lavoro. Un video che si rilegge nell'ottica odierna tra piattaforme digitali e persone che sappiamo non essere virtuali, anche se si rapportano tramite uno schermo. Il tema del viaggio verso il cambiamento, il senso del sostegno indispensabile per affrontarlo e l'impermanenza sono i fulcri delle sequenze.
Gappa, Gaspare Palmieri, è cantautore, scrittore, psichiatra modenese, ma in questo nuovo lavoro appare anche la versione di uomo contemplativo e meditativo che si unisce alla scienza per raggiungere una maggiore consapevolezza. Oltre all’esperienza sempre attiva con Cristian Grassilli nel progetto Psicantria, Gappa prosegue la strada solista, proponendo il suo terzo album intitolato Passeggeri che mantiene la caratteristica impronta di attenzione sulla contemporaneità di un uomo professionista che riesce a captare l’umanità da molte prospettive.

   Nel video di Passeggeri tra tessuti aerei e piedi scalzi, Gappa si avvicina ad uno schermo che, in questo periodo di lockdown, è stato per molti il mezzo di comunicazione più intimo, capace di farci rivedere i sorrisi, infondere coraggio e sostenere; sembra proprio che il concetto di sostegno sia il perno di queste sequenze spesso espresso come bisogno e necessità imprescindibile in questo viaggio che è la vita. “Passeggeri è un blues non "ortodosso" e al servizio del racconto che tratta il tema dell’impermanenza, della fluidità delle nostre esistenze e dell’importanza dell’accettare questo concetto per vive re più serenamente”, quindi il singolo diventa, oggi più che mai attuale, in un momento in cui rimpiangiamo la nostra normalità senza provare, spesso, a costruirne un’altra; nell’ottica odierna i viaggi sono “gocce di universo tra il primo e secondo tempo”, diventando un cambiamento. Il metodo di comunicazione di Gappa, nel video, è rappresentato da una delle piattaforme più utilizzata negli ultimi mesi, e che si potrebbe paragonare alla società, essendo collegate persone diverse per età e tipologia, alternati da scene di aeroporti, città frenetiche, strade trafficate, centri commerciali, piste di pattinaggio perché ciascuno sceglie come percorrere la propria strada. Nel movimento c’è sempre chi deciderà di parteciparvi, chi ad un certo punto si allontanerà un po’, chi tornerà e chi non si vedrà più, ma anche persone che resteranno: esattamente come i musicisti che accompagnano Gappa, in questo modo il cantautore affronta un altro tema contemporaneo che tratta il settore culturale, quindi anche musicale, che in questi giorni sta facendo discutere, evidenziando la presenza continua dei colleghi e affermando che “siamo tutti passeggeri con progetti seri”. Sicuramente la lettura di molte situazioni è figlia di ciò che accade, facendo assumere ad un brano, molto probabilmente più universale, una dimensione pratica, infatti “il disco si apre con l’oscurità e l’illusione de La caverna e si conclude con la luce di Siddharta, colui che ha raggiunto l’illuminazione, come in un percorso interiore che si dipana musicalmente canzone dopo canzone”, ma ora più che mai siamo alla ricerca di una luce.

   Gappa si conferma attento, capace di intrecciare un cantautorato classico, una voce chiara e diretta, con un’osservazione profonda che lascia molto spazio all’interpretazione personale, rendendo i propri brani fruibili anche a livello comunicativo; molto interessante l’idea di sostegno sia materiale come nei tessuti che permettono un senso di libertà, sia morale, come nelle persone, che denotano un senso di unità e voglia di ricercare un senso (comune), ma sottintendendo anche un’assenza di giudizio in quanto appoggio. Attuale, universale, diretto, pensato, profondo.

 

BIOGRAFIA

 

Gaspare Palmieri in arte Gappa è un cantautore e psichiatra modenese. Ha autoprodotto nel 2008 il suo primo CD Cervello in fuga a cui è seguito Unlupo (Private Stanze, 2015). È stato finalista al Musicultura Festival (edizione 2009), con il brano Mio Fratello. È coautore insieme a Cristian Grassilli e a Francesco Guccini della canzone Notti, contenuta nell’album L’UltimaThule  (2012). Con il progetto Psicantria (www.psicantria.it) ha prodotto tre libri CD sul disagio psichico per l’editore La Meridiana. Ha inoltre pubblicato due saggi per l’editore Arcana Psicorock, storie di menti fuori controllo (2016) e Forse non sarà domani. Invenzioni a due voci su Luigi Tenco (2017). È tra i soci fondatori del centro Dharma Shala ASD (yoga, meditazione e mindfulness) di Modena.

 

LINK

http://www.gappa.it/

Private Stanze:

http://www.privatestanze.it

https://www.facebook.com/PrivateStanze/

New Model Label:

www.newmodellabel.com