Pier Bernardi

special

Pier Bernardi Il video live di Eyes

27/07/2021 di Ambrosia J. S. Imbornone

#Pier Bernardi#Emergenti#Alternative

Vi presentiamo il video live di una morbida ballata soul, che ci ricorda quanto sono importanti gli occhi, per osservare cio' che accade intorno a noi, per notare la bellezza che ci circonda, per comunicare con gli altri.
Il bassista e compositore emiliano Pier Bernardi ha pubblicato da pochi giorni un nuovo singolo, Eyes, cantato e con il testo della cantante Prudence, già presente nel singolo Black and White; si tratta è una nuova anticipazione del suo secondo album in studio, che segna un cambio di rotta dopo il disco di debutto Re-Birth (Irma Records, 2017), che era totalmente strumentale.

Oggi vi presentiamo un video live della canzone, registrato al Teatro Asioli di Correggio durante l’esibizione dal vivo di Bernardi e della sua band in occasione di Ahymè - Festival Interculturale dell’Integrazione.

Pubblicato da Esagono Dischi con edizioni Muki, il singolo appare una ballata soul, a cui donano intensità vari elementi, come un’elegante linea di basso in bell’evidenza, spina dorsale del pezzo, ovviamente l’essenziale interpretazione di Prudence, tocchi delicati di piano, synth d’atmosfera e un solo di chitarra ‘90s. La canzone, dal fascino morbido, che parte con un’introduzione in francese e prosegue in inglese, mette in evidenza l’importanza di guardarsi intorno, magari approfittando di un momento in cui la città è deserta e silenziosa, per notare e apprezzare tutto ciò che è stato creato. Scriveva d’altronde Franco Arminio in alcuni componimenti della raccolta Cedi la strada agli alberi del 2017:

Uscite e ammirate i vostri paesaggi,
prendetevi le albe, non solo il far tardi. […]

Concedetevi una vacanza
intorno a un filo d’erba,
concedetevi al silenzio e alla luce,
alla muta lussuria di una rosa. […]

Più che l’anno della crescita,
ci vorrebbe l’anno dell’attenzione.

Ha raccontato Prudence a proposito di Eyes:

Per questo brano ho voluto esprimere quello stato di stupore che viene quando finalmente ci si ferma e ci si guarda intorno. I dettagli che emergono, la vita intorno a te che si manifesta nella sua crudele bellezza. Essere parte del tutto in un senso di armonia tra chi guarda ed il mondo naturale circostante.



Tenere gli occhi aperti è fondamentale anche per ponderare i propri passi e non farsi male, oppure come strumento di comunicazione con gli altri. Aggiunge infatti Pier Bernardi:
Eyes, racconta di come gli occhi non siano solo un mezzo per vedere il mondo ma anche un modo per 'farsi capire', per far capire agli altri il nostro stato d’animo. Ne è un esempio quello che ci è successo con il Covid: Tutti indossavamo e tutt’ora indossiamo le mascherine e l’unico modo, o perlomeno il più sensibile e profondo, per farsi capire e a nostra volta capire gli altri è proprio attraverso lo sguardo. Occhi sì come specchio dell’anima, ma anche come modo di esser resilienti, capire ed essere capiti.

Credits

Musica: Pier Bernardi e Giovanni Amighetti
Testo e voce: Prudence
Piano e synth: Giovanni Amighetti
Percussioni: Francesca Della Monaca
Chitarra: Nicola Denti
Basso: Pier Bernardi
Etichetta: Esagono dischi
Edizioni: Muki Edizioni
Regista video: Luca Fabbri
Location: Teatro Asioli (Correggio - MO)
Video registrato durante l’esibizione dal vivo di Pier Bernardi e la sua band in occasione di Ahymè - Festival Interculturale dell’Integrazione.


Bio
La carriera artistica di Pier Bernardi, dopo una lunga esperienza nel mondo del rock, si è raffinata negli ultimi anni grazie alle collaborazioni ed ai lavori svolti con rinomati musicisti italiani ed internazionali. Nel 2012 suona con la storica band italiana Rats nel Metafisico equivoco tour. Scrive il brano Senza tremore (vincitore dei Parma Awards 2014), l’intero album Attimi dei Malastrana, l’album Esaltanoica con l’indie band Il Pianto di Azzurra e molte canzoni per Tiziana Ghiglioni, vincitrice del Premio Tenco nel '94, incluse nell’album Akai Seta No Namira.
Poi arriva l’esperienza con gli Art of Frequency, un ambizioso progetto di ricerca musicale e scientifica in cui i suoni diventano parte integrante delle conferenze del Prof. Michele Vallisneri (NASA astrophysicist and researcher at the Jet Propulsion Laboratory in Pasadena – California) riguardanti le ultime scoperte scientifiche sul cosmo.
Pier ha affiancato i musicisti Mike Campese, Darren Ashford (Black Eyed Peas, Sean Paul, Will Smith, Joss Stone), Paul Gilbert (Mr.Big) e Dave Holmes (Brian May and Roger Taylor) nelle loro clinic o workshop in Italia.
Nel gennaio 2015 Pier lavora in studio con David Rhodes, Paolo Vinaccia e Roger Ludvigsen, per l’album Fermi Paradox in collaborazione con la NASA e il Jet Propulsion Laboratory (JPL).
Il suo primo album da solista Re-Birth è pubblicato il 24 febbraio 2017 da Irma Records e registrato al Dudemusic di Correggio con Martin Kent “Ace” (Skunk Anansie) alle chitarre, Giovanni Amighetti ai synth (anche produttore artistico del disco) e Michael Urbano (Sheryl Crow, Smash Mouth, Ligabue, Zucchero) alla batteria.
Dal luglio del 2017 e 2018 suona anche con le Custodie Cautelari, suonando con chitarristi del calibro di Andrea Fornili (Stadio), Steff Burns e Maurizio Solieri (Vasco Rossi), Giuseppe Scarpato (E. Bennato), Giacomo Castellano (Piero Pelù) e molti altri. Nel 2018 diventa endorser per il prestigioso marchio di amplificatori da basso GR Bass di Gianfranco Rizzi e della ditta Made in Italy Connetter&Arte, impegnata nella produzione dei migliori cavi audio attualmente sul mercato. 

Link
Official
Facebook
Instagram

Press, info e materiali stampa
press@sferacubica.it