Disagio

special

Disagio Il video di Spiaggia libera in anteprima

26/07/2022 di Ambrosia J. S. Imbornone

#Disagio#Emergenti#Pop

Un singolo e un video estivi e simpatici per il punkautore campano, in cui presenta una galleria di personaggi e situazioni divertenti su una spiaggia salernitana, ma fa anche e soprattutto riflettere sui rifiuti che la deturpano. Il protagonista del video, realizzato con il patrocinio di Legambiente, prova a raccoglierli, ma l'accoglienza degli altri bagnanti non e' delle migliori, fino a quando...
Oggi vi presentiamo il nuovo video e singolo del “punkautore” campano Disagio, intitolato Spiaggia libera, una canzone per l’estate che segue di tre mesi l’uscita del suo EP di debutto. Il video, prodotto da Guns For Bunnies e diretto da Denise Galdo, è stato realizzato con il patrocinio di Legambiente Campania.

Il pezzo è presentato così:

Spiaggia libera è il racconto onirico di una giornata al mare sulla riviera salernitana, in località Campolongo, dove tutto è possibile. Una grande varietà di personaggi affollano la spiaggia e animano la giornata con un susseguirsi di strani eventi al limite tra la fantasia e la realtà. Il brano vuole stimolare una riflessione condivisa sull’importanza della cura per combattere il degrado ambientale e sociale che spesso limita le potenzialità e la fruibilità dei luoghi pubblici”.

Ecco invece la presentazione del video:

“Sogno o son desto? Un pisolino su una spiaggia infestata dai rifiuti, il sogno di un mondo migliore, la brutale ricaduta nella realtà. Basterebbe poco a volte, semplici attenzioni per rendere il mondo in cui viviamo un’oasi di bellezza. La storia di questo ragazzo incarna un po’ la storia di chi, messo un piede su una spiaggia piena di cartacce e rifiuti di ogni tipo, ha quell’impulso di raccogliere tutto nonostante gli sguardi increduli e giudicanti dei presenti. Il protagonista infatti è bullizzato, deriso al compimento di un gesto tanto naturale quanto nobile. Destino vorrà che dopo una pallonata sul capo, subirà una vera e propria trasformazione diventando un "super eroe d’altri tempi” prendendo così la sua rivincita morale su tutti. Peccato sia solo un sogno”.

Si tratta così di un brano estivo e divertente, un po' brunoriano (ma ambientato nel presente, senza la nostalgia di una Guardia ’82), su una tipica giornata in una spiaggia di provincia. Tra granite, panini, frittate e birre, il tempo scorre piacevole, però qualcosa rovina il quadro, i tanti rifiuti depositati sulla spiaggia libera, tra assorbenti e infradito rotte, bottiglie di plastica e lattine. Il protagonista del video si impegna allora a ripulire la spiaggia, ma è oggetto di scherno dei bagnanti più superficiali. Con la sua trasformazione in supereroe, il personaggio trova rispetto e ammirazione e impone ai turisti di raccogliere tutti i rifiuti. Non manca neanche nel testo un furto, ma alla fine gli amici di sempre ti fanno dimenticare tutto. 

La canzone, tra ritmo vivace e chitarre allegre, appare un fresco tormentone per "re del bagnasciuga, senza tartaruga". 

 
L’associazione senza fini di lucro Legambiente, la cui bandiera apre il video, da oltre 40 anni ha come missione l’ambientalismo scientifico, promuovendo attività e iniziative sul territorio grazie al contributo volontario di migliaia di cittadini, raccogliendo dati sull’ecosistema e combattendo contro l’inquinamento, l’illegalità e le ingiustizie per tutelare la bellezza del pianeta e una migliore qualità della vita.
Anche quest’anno, a maggio, Legambiente ha riproposto la campagna “Spiagge e fondali puliti” per il monitoraggio e la raccolta dei rifiuti abbandonati sulle coste italiane, al grido dello slogan “Riprendiamoci la spiaggia!”. Nel monitoraggio precedente aveva contato 834 rifiuti ogni 100 m di spiaggia, tra mozziconi di sigarette, vetro, guanti, mascherine, lattine e plastica, con un impatto sull’ecosistema marino preoccupante e devastante.

Credits
Testi: Donato Ciao 
Musiche: Donato Ciao, Vincenzo Marzullo, Federico Palladino, Giovanni Gonnella
Produzione video: Guns for Bunnies productions
Regia: Denise Galdo
Co-regia: Alfonso Capasso
Operatore video: Alfonso Capasso
Editing: Denise Galdo
Color grading: Denise Galdo
Trucco: Maria Naponiello
Attori: Giuseppe Moscariello, Cosimo Naponiello, Maria Naponiello, Ludovica La Monica Angeloro, Emanuel Reolo Rapaccini, Cristian Cerullo.

Bio
Disagio, all’anagrafe Donato Ciao. Classe ’90. Creativo di professione. Campano - vive in provincia dove si è fermato Cristo. Scopre il disagio da bambino a causa del suo cognome molto cordiale e delle battute scontate che ne derivano. 
Dal 2007 al 2012 è frontman del power trio garage Hot Fetish Divas con cui pubblica nel 2008, per l'etichetta Garage Records DIY, lo split album My daddy was a serial killer!, l'EP Songs for a trip nel 2010 e il disco Natural Inclination for Pussy prodotto da Antonio Moky Di Sarno nel 2011.
Nel 2022, dopo 10 anni di pausa, torna sulla scena indipendente italiana con il moniker Disagio. Nel mese di aprile pubblica il suo EP di esordio Disagio EP: testi irriverenti e spirito provocatorio per raccontare le turbe di una generazione che vive in bilico tra ciò che “era una volta” e ciò che potrebbe essere un giorno.

"Scrivo canzoni per sopravvivenza e continuo a suonare male la chitarra. Tipo Rino Gaetano e Joe Strummer insieme ubriachi in un bar. Nella vita poteva andarmi peggio, ma anche meglio."

Info
Official
Instagram
Facebook
Spotify
YouTube
Legambiente Campania


Press, info e materiali stampa
press@sferacubica.it