Gianluca Secco

special

Gianluca Secco In anteprima e in esclusiva l'album Immobile in streaming

13/04/2015 di Ambrosia J. S. Imbornone

#Gianluca Secco#Emergenti#Songwriting

Dieci tracce che esplorano tutte le possibilità espressive, strumentali, interpretative e timbriche della voce, in un progetto unico che attraversa teatro, canzone, musica e arte in generale tra suoni minimali o delicati, cassa di risonanza ideale per recitati, cantati, rumori in linee vocali singole o più spesso sovrapposte.
Il primo disco del cantautore friulano Gianluca Secco, intitolato Immobile, è imperniato sulla sua voce, sul suo potere evocativo, sulle sue possibilità espressive e interpretativo-attoriali: l’album oscilla così dall’essenzialità del recitato da ascoltare in gran silenzio a sovrincisioni (fino a 21 nella stessa canzone) che assommano suoni, rumori e cantato, esplorando ogni potenzialità della voce.  L’intento dell’artista è infatti scavare nel potere espressivo della voce anche sul piano strumentale e timbrico per raggiungere un’autenticità rara e preziosa, più che una sterile perfezione tecnica: l’ascolto delle dieci tracce significa così immergersi davvero in un’esperienza d’ascolto unica, che fonde teatro, canzone, musica e arte in senso lato, in una performance in grado di alternare e mescolare narrazione, parti solistiche, corali e percussive.

La voce è accompagnata da suoni minimali, che creano l’atmosfera giusta per accogliere e moltiplicare l’effetto emozionale e insieme razionale delle parole, ma anche da suoni nostalgici e delicati, dal flauto di Lento fino all’organetto di Sapone, da circo triste e poetico o da orchestrina zigana le cui note siano gravide di incanto, impastando polvere, lacrime e sogni. Questi due brani sono parte dell’ideale secondo lato dell’album, che si presenta volutamente come più “intima” e “sussurrata”, come si sottolinea nella presentazione ufficiale del disco. La prima parte dell’album pone invece “le basi per una costante crescita emotiva, tra i loop corali di Voce, il blues intenso di Ovest Boulevard e gli esperimenti ritmici affidati all’esecuzione di Immobile”.

Il modo in cui Secco plasma e manipola la sua vocalità appare frutto d’altronde di ascolti ampi e variegati e di anni di studio, i quali hanno abbracciato anche la black music, con la sua espressione viscerale che si fa ab origine raccolta e incarnazione di stati d’animo, racchiusi e manifestati fin nel suono della voce: in particolare l’artista, classe 1981, ha studiato il canto jazz, per poi concentrarsi persino sul canto lirico e soprattutto sull’uso strumentale della voce. Il suo progetto si presenta così oggi elegante e originale, straniante e poetico, pronto a lasciare il segno nel panorama della musica d’autore italiana.

L’album, prodotto da Beta Produzioni e con la produzione artistica di Roberto Cola e la copertina ad opera di Cristiano Quagliozzi, uscirà il prossimo 20 aprile, e sarà accompagnato anche da un libro, in cui sono inclusi sia i testi delle canzoni in forma poetica, sia la versione integrale di Monologo di un Cinico Contemporaneo, un testo teatrale il cui protagonista è “un Cinico al limite del sopportabile, esasperato dalle interminabili code d'attesa della nostra quotidianità” e che quindi contribuisce ad un efficace spaccato della società italiana del presente, in bilico tra comico e tragico.

Immobile è stato realizzato grazie al sostegno di una campagna di crowfunding realizzata tramite martefunding.org; ve lo presentiamo in anteprima e in esclusiva.

Buon ascolto!



Credits

Testi e musica: Gianluca Secco

Gianluca Secco: voce narrante, solista, corale e di percussione. Flauto nel brano Lento. Spring Drum nel brano Perla Salata. Organo Farfisa nel brano Sapone.

Gianluca Agostini: pianoforte e fisarmonica nel brano Fame.

Copertina: opera di Cristiano Quagliozzi

Foto: Giorgia Rubini

ArtWork e grafica: Francesco Lo Brutto

Prodotto da Beta Produzioni

Registrato e missato in Luglio 2014 presso il piano “B” progetti sonori da Roberto Cola

Biografia ufficiale

Gianluca Secco, nato in Friuli nel 1981, sin da bambino vive in diverse città d'Italia e dell'est Europa a contatto con le più svariate forme musicali che influenzano la sua attività di musicista e gli permettono un gran numero di collaborazioni con gruppi musicali delle scene underground.

Sul finire degli anni '90 nella provincia di Verona è la voce dei Dolcenera (band di estrazione post-rock, noise) con cui pubblica Stanze Spoglie. Collabora inoltre in veste di cantante e poli-strumentista con neXus (rock) e Lavoirlinge (stoner). Nel 2005 si trasferisce a Carpineto Romano, ed è la voce di SenzaEssenzA (hard rock). Con loro pubblica Vivo Terra e Sangue e calca importanti palchi del Lazio (Palarockness di Genzano, La Cantinaccia a Giulianello) e della Capitale (Jailbreack, Contestaccio, Alpheus). Nel 2008 finalisti per la regione Lazio al festival MarteLive.

Fin da principio è autore dei testi che canta e sempre nel 2008 pubblica Postumi di un Passato (edito per Aletti Editore), una raccolta di racconti visionari dal sapore surreale e ironico. Segue un periodo fitto di reading poetici e collaborazioni come fonico per festival Buskers.

Dal 2010 al 2012 è allievo presso la Scuola Popolare di Musica di Testaccio dove con Virginia Orsini affronta lo studio del canto jazz. Dal 2012 al 2013 segue invece l'insegnante Susanna Mastini con la quale apprende nozioni di canto lirico, per poi spostare la sua attenzione sull'uso strumentale della voce. È in questo periodo che inizia a dedicarsi completamente alla produzione di brani originali caratterizzati da arrangiamenti essenziali (per la maggior parte corali) in cui mescola elementi di musica, poesia, teatro e canzone.

Prende forma Voce (suo primo spettacolo solista) che, presentato per la prima volta in Agosto 2013 ha toccato finora diverse regioni (Lazio, Abruzzo, Puglia e Marche) e vanta numerose date in locali, club, festival musicali, teatri, gallerie d'arte e festival di arti di strada.

È nel 2014 che Gianluca Secco decide di incidere alcuni dei brani che fanno parte dello spettacolo per farne il disco e il libro Immobile, in uscita il 20 aprile 2015 per Beta Produzioni.

Link:

Pagina ufficiale Facebook: www.facebook.com/GianlucaSeccoMusic     

Si ringraziano Gianluca Secco e Michele Severino per MArtePress http://www.martepress.eu/