Kingfish

special

Kingfish Kingfish futuro e presente del Blues

01/03/2021 di Dario Di Giulio

#Kingfish#Jazz Blues Black#Blues

Il blues oggi rimane uno dei generi che soffre tantissimo la musica moderna, i ragazzi non lo conoscono ed in televisione se ne parla sempre meno tanto che trovare giovani talenti sembra essere diventata una difficile impresa.
La generazione nata nei settanta, ottanta ha sicuramente regalato chitarristi blues di assoluto valore, anche se alcuni col tempo hanno virato verso altri generi, su tutti Derek Truck, leader della Tedeschi Trucks band ed ex Allman Brothers Band e John Mayer, che ha spaziato molto in ambiti pop rock e country. Poi i vari Johnny Lang, Kenny Wayne Shepherd, Monster Mike Welch e Joe Bonamassa, tutti chitarristi pesantemente influenzati dal blues dei tre King e da Stevie Ray Vaughan.

Adesso la scelta è decisamente ridotta e tra tutti i nomi che il mercato discografico propone quello più interessante è il corpulento Christone "Kingfish" Ingram.

Nato nel 1999 in Mississippi, Kingfish è decisamente cresciuto nel luogo più adatto per imparare il blues. Possiede una voce molto scura che ricorda quella del noto bluesman Keb'Mo, artista con il quale Christone ha collaborato, e la sua chitarra ha un suono piuttosto aggressivo e muscolare, pesantemente influenzato da Eric Gales e Buddy Guy e in diverse occasioni la vena rock prende il sopravvento ma, a differenza di Gales, rimane sempre in ambito blues e gli sconfinamenti non vanno mai troppo lontano.

La fortunata carriera di Kingfish è fulminea, già a quattordici anni suona con molti artisti del panorama blues mondiale e le raccomandazioni di Eric Gales e Buddy Guy lo fanno approdare in Tv e perfino alla Casa Bianca davanti a Barack e Michelle Obama.

Nel 2019 la Alligator Records, la nota etichetta blues, decide di puntare su questo giovane talento e vince la scommessa pubblicando l'ottimo lavoro di debutto del giovane chitarrista di Clarksdale intitolato semplicemente Kingfish, un disco che è un concentrato di blues-rock ruvido e potente.



È evidente che la Alligator ha visto in questo giovane artista qualcosa di speciale, altrimenti non si spiegherebbe la grande attenzione riservata alla produzione del suo disco d’esordio. Un’attenzione molto scrupolosa su tutti i particolari sonori, realizzando così un lavoro molto curato e arrangiato in maniera impeccabile, paragonabile ai livelli di produzione della Telarc, altra famosa etichetta, nota per la qualità del suono dei suoi prodotti.


Artisticamente parlando Kingfish ha una forte personalità ma è ancora giovane e per certi versi non pienamente maturo e questo si percepisce nel disco. Ciò nonostante qualche perla nascosta tra i solchi c’è, come il bellissimo down home blues di Hard Times in compagnia di Keb'Mo' e la sognante Listen sempre in compagnia di Keb'Mo' una splendida melodia che ricorda Blue Sky degli Allman.

Anche Been here before è un altro eccellente down home blues acustico mentre That's fine by me, che chiude l’album, è un lentone che mette in evidenza la scura voce di Christone sopra una chitarra distorta che denota l’innegabile influenza tanto di Gales quanto di Buddy Guy.

Solo il tempo potrà confermare se Kingfish sarà più di una promessa del blues, intanto ha già ampiamente dimostrato di avere tutti i mezzi per fare il salto di qualità.

Troppe volte però il successo prematuro ha minato la carriera di un grande talento facendogli toccare velocemente apici che grandi artisti del passato hanno ottenuto solo dopo anni di gavetta e cocenti delusioni sulle spalle. Speriamo non sia il caso di Kingfish, il quale dovrà lavorare sodo per scrollarsi di dosso il confronto con i suoi maestri e trovare una strada e uno stile personali che attinga dal passato ma si proietti verso il futuro con elementi innovativi, così come fecero, ad esempio, Hendrix e Stevie Ray Vaughan i quali, assimilata la lezione dei loro maestri, rielaborarono il blues assumendo essi stessi il ruolo di maestri per dare lezioni a quelli che sarebbero venuti dopo di loro.

Le fotografie sono tratte dal sito https://www.christonekingfishingram.com