Popular Songs<small></small>
− Indie, Americana

Yo La Tengo

Popular Songs

2009 - Matador Records
23/10/2009 - di
Oggi gli Yo La Tengo sono da considerarsi una realtà affermata ma anche una band di riferimento che lascerà la propria traccia nella storia del rock: non solo per aver inciso straordinarie canzoni , ma per la quantità di spunti sonori creati, ricerche stilistiche e basi ´pop´ fondamentali, poco valorizzate, ma sopratutto disperse e diluite in tutta la loro produzione discografica (per la cronaca siamo al 12° disco). Questo ultimo lavoro intitolato ´Popular Songs´ Ira Kaplan (guitars, vocals), Georgia Hubley (drums, vocals), and James McNew (bass, vocals) sembrano voler affrontare proprio in questi termini la loro carriera dichiarando una volta per tutte cosa significa ascoltare, orecchiare la musica incominciando dal profondo dell’anima per poi affiorare, grazie alla tecnica, alla superficie delle cose ovvero la parte più sensibile all’emozione che la musica pop esercita sulla popolazione mondiale. Il trio americano pensa proprio al contrario, contaminando l’atmosfera melodica con motivi ariosi, più inconcludenti che mai, rileggendo a proprio modo il significato della forma canzone, sia negli accordi così come nella struttura dei brani: eppure certi passaggi melodici, quando approfonditi e riascoltati sembrano geniali, appaiono come spunti assoluti da cui attingere per innovare, persino quando i brani non decollano mai come nel caso di ´More Stars Than There Are in Heaven´; Popular Songs delinea il fenomeno anti pop che richiama al concetto di popolare, inteso non-tradizionale, ma sopratutto non- convenzionale, in cui persino i suoni psichedelici di ´By Two’s´ o il marchio sixties negli arrangiamenti dozzinali di ´Here to Fall´, si perdono nei suoni più funky e Rn’B di ´Periodically Double or Triple´ inventando un nuovo motivo di musica obliqua, ma ragionata, che parte da una certa tradizione indie alternative (´Nothing to Hide´), passando della canzone folk (´When it’s Dark´), lasciando intravedere, anche nei momenti più seriosi o celebrali del disco, il lato caratteristico, divertente vero segreto dalla band del New Jersey. Se avete paura di annoiarvi, lasciate perdere gli Yo La Tengo: se l’ultimo concerto del trio non è riuscito a coinvolgervi prendete il largo da loro, e prendete il largo anche se siete tra quelli che a tutti i costi devono trovare razionalità in questo progetto, soprattutto se la prima sensazione è quella di sentire la stessa canzone che si rincorre per tutto il disco. Il genio di Kaplan e Soci è sempre li, ben visibile e fruibile a tutti, e in Popular Songs inizia ancor prima dei suoni dilatati, rilassati e dalle doppie voci che si rincorrono, ma dall’immagine di copertina (un vecchio tapes ritrovato dopo i test atomici in USA).

Track List

  • Here to Fall
  • Avalon or Someone Very Similar
  • By Two´s
  • Nothing to Hide
  • Periodically Double or Triple
  • If It´s True
  • I´m On My Way
  • When It´s Dark
  • All Your Secrets
  • More Stars Than There Are in Heaven
  • The Fireside
  • And the Glitter Is Gone

Yo La Tengo Altri articoli