The wheel man<small></small>
− Americana

Watermelon Slim And The Workers

The wheel man

2007 - Northern Blues Music
27/05/2007 - di
Bill Homans, alias Watermelon Slim, ha vissuto i suoi anni accompagnato costantemente dagli influenti spiriti del blues: oltre ad essere scampato alla guerra in Vietnam ed essersi ripreso dall’alcolismo, è stato miracolato da un recente infarto.
Nato a Boston e cresciuto nella Carolina del Nord ha svolto i più disparati mestieri senza perdere di vista il suo pallino per la musica. Negli anni settanta pubblica “Merry Airbrakes”, un album contro la guerra del Vietnam e poi seguirà a fare il falegname, il camionista, il venditore di legname, il commerciante di ascensori, il coltivatore di angurie (questo spiega il nomignolo di Watermelon) e perfino il “beccamorti”, c’è anche da dire che si è diplomato in giornalismo e laureato in storia all’Università dell’Oregon e dell’Oklahoma e nel tempo libero scrive poesie e canzoni.
Oggi Bill Homans è completamente rinato, nel giro di cinque anni ha pubblicato quattro album (tra cui il bellissimo “Up Close & Personal”) riscuotendo successi e riconoscimenti, ha ricevuto sei premi Handy Awards nel 2006 e onori per un Maple Leaf Award dalla Toronto Blues Society per l’album “Watermelon Slim & The Workers”, pubblicato per la Northern Blues. La sua musica è un riuscito compromesso tra il delta e il Chicago blues, mentre il suo stile è stato influenzato da incontri musicali con Henry Vestine (Canned Heat), John Lee Hooker, Champion Jack Cupree e “Country” Joe McDonald.
“The Wheel Man” è un lavoro genuino, vivace e ben suonato, curato anche nella sua simpatica confezione cartonata, rivestita graficamente da un disegno che ritrae Bill Homans. La sua espressione essenziale del blues è riconoscibile nei brani in cui è solo con la sua armonica in “Jimmy Bell”, a cappella in “Sawmiller Holler” o nella mississippiniana “Judge Harsh Blues”, proprio a chiusura dell’album in cui emerge nuda tutta la sua passione per il dobro e l’utilizzo dello slide.
Il blues di Watermelon prende robustezza in compagnia dei rodati Workers, in formidabile evidenza nella trascinante title track, nella graffiante “I Know one”, in cui alla chitarra e alla voce si aggiunge Magic Slim, nell’interpretazione di “Got Love If You Want It” (di Slim Harpo) e in “Peaches”, sicuramente episodi tra i migliori dell’album. Ospite da nominare è David Maxwell che opportunamente arricchisce l’effervescente contesto con il suo piano.
Da tenere a lungo nel vostro lettore soprattutto in vista di una stagione torrida.

Track List

  • The Wheel Man|
  • I’ve Got The News|
  • Balck Water|
  • Jimmy Bell|
  • Newspaper Reprter|
  • Drinking & Driving|
  • Fast Eddie|
  • Sawmill Holler|
  • Truck Driving Mama|
  • I Know One|
  • Got Love If You Want It|
  • Rattlesnake|
  • Peaches|
  • Judge Harsh Blues