Smania<small></small>
Emergenti − Alternative − emocore

Vostok

Smania

2019 - Manita Dischi, co - edizioni La Clinica Dischi
12/01/2019 - di
I Vostok sono un quartetto toscano, di Cecina per la precisione. Il nome del gruppo, a dispetto delle origini sul mare, viene da una stazione di ricerca russa in Antartide e potrebbe far pensare a suoni glaciali o di ispirazione ferrettiana. Invece Smania, il secondo disco dopo Vostok s.t, è un disco di un rock che parte muovendosi da un substrato di sensibilità comune che ci ha già dato Nadar Solo e Fast Animals Slow Kids. Un disco di sogni infranti in un presente precario, di chitarre che si muovono fluide e potenti, tra emocore e scene di vita quotidiana più o meno spiazzanti.  Per usare le parole del gruppo: Smania non è altro che questo, un modo di essere "urgenti".Un  mood  che  ha  influito  sulla produzione del disco, sui suoni grossi e d’impatto, sulle due voci quasi sempre sovrapposte e sparate in faccia e lo schema metrico serrato, eco di una estetica punk neanche troppo velata.”

L’iniziale Ridatemi Novembre in tal senso è un manifesto:“Vorrei cambiarti la vita o almeno provarla ad aggiustare […] Vorrei che mi bastassero soltanto due minuti per farti ragionare”. Per certi versi esilarante è la potente e al fulmicotone Boban, su una passione che scoppia in un ascensore: “ Tuo padre cercava un motivo concreto per darmi uno schiaffo ma io come Baresi lo guardavo negli occhi”. Più debole è la successiva Primavera, un po’ troppo cadenzata e con meno sprazzi in cui all’improvviso le linee melodiche si impennano e le voci si fanno più intense, che sono invece il punta di foza del lavoro. Militare sembra quasi ricordare nell’incipit i Bud Spencer Blues Explosion e poi si assesta, con la batteria ben in evidenza e con le chitarre squarciate dalle voci.

Chiude il disco la pulsante Reni, altra storia di delusione cocente: “Non pretendo niente da te che fino a ieri mi hai concesso l’acqua solo per avere i miei reni”.

Smania è un disco sincero e ben fatto, che probabilmente avrà una buona resa dal vivo. Il gruppo deve però lavorare su una ricerca di un’identità più definita, volare più alto del substrato da cui è partita.

Track List

  • Ridatemi Novembre
  • Armadi
  • Boban
  • Primavera
  • Militare
  • Confo
  • T.
  • Aurelia
  • Reni

Vostok Altri articoli