Ego<small></small>
Emergenti • Songwriting • pop

Vincenzo Incenzo Ego

2020 - Verba Manent / distribuito da Artist First

22/12/2020 di Barbara Bottoli

#Vincenzo Incenzo#Emergenti#Songwriting

La carriera artistica di Vincenzo Incenzo è costellata di grandi nomi, collaborazioni e riconoscimenti, l'artista è tra i nomi che per numerose edizioni del Festival di Sanremo si sono letti tra gli autori di brani che hanno segnato la kermesse negli anni: da Cinque giorni, L'alfabeto degli amanti, L'acrobata, L'elefante e la farfalla di Zarrillo, Che sarà di me di Di Cataldo, Un altro amore no della Cuccarini, Nel perdono di Al Bano, Il passo silenzioso della neve della Giovagnini; oltre ad essere autore di brani per fiction, film, teatro e per nomi di spicco quali Zero, Dalla, Tosca, Califano … praticamente Vincenzo Incenzo è parte della musica italiana. Il percorso del cantautore è stato più volte premiato a Lunezia, oltre che con la Targa Siae Autori, la Medaglia d'Argento della Camera dei Deputati, il Premio internazionale della poesia Gatto e il Premio Giffoni Film e si è occupato come direttore artistico ed autore della mostra dedicata a Renato Zero che ha prodotto il primo album da cantautore del 2018 intitolato Credo, uscito in lingua spagnola e italiana.

   Nel 2020 Incenzo presenta l'album Ego che contiene il singolo, con relativo video Fuori fuoco dedicato a Willy Monteiro con una relativa borsa di studio per il Centro Montesacro Academy di Roma in memoria del ragazzo; un album politico quanto sentimentale, due filoni che si incontrano nel titolo che è ben lontano dall'accezione negativa che caratterizza il termine, ma l'ego è la presenza che supera le diseguaglianze, e il bisogno di essere riconosciuti ed amati. Ego si apre con Allons enfants! un chiaro riferimento alla Marsigliese che riporta alla mente i fondamenti di uguaglianza, libertà e fraternità, elementi che sembrano basilari per la realizzazione di questo progetto che Vincenzo Incenzo difende con forza, diviso tra la rabbia dell'attualità e il bisogno di realizzare questi obiettivi, con una chiara incredulità sulla loro non universalità. La politica a cui prima si faceva riferimento è il senso più ampio e si riferisce alla società, e non al significato legato al potere macchiavellico che sembra farla da padrone, la voglia di cambiamento e di agire si impossessa delle tracce e la dimostra con la sua iniziativa, lodevole e che permette di percepire diversamente l'album.

   Ego è talmente eterogeneo da disorientare, sembra una dedica ad ogni artista italiano riprendendone lo stile, uno su tutti inequivocabilmente Renato Zero che pervade la maggior parte dell'interpretazione, ripresentandone il sentimento. Vincenzo Incenzo è come “se ponesse sul piatto” le proprie capacità per poi, in futuro, ritagliarsi una propria identità più definita, partendo dalle proprie collaborazioni, attento a ricalcarne le caratterizzazioni ed i punti salienti, preciso nel voler descrivere l'interiorità contrapposta alla diversità che sembra essere diventata povertà, nostro malgrado. Indubbiamente il cantautore appare schiacciato dalle diverse autenticità altrui, e preferiamo vedere questo accostamento come metafora del dualismo uguaglianza/diversità che vuole impersonificare, degno di un'esegesi musicale.

Track List

  • Allons Enfants!
  • L’amore ha un nome solo
  • Fuori fuoco
  • Benvenuta
  • Un’altra Italia
  • Il capolavoro
  • Il paradiso
  • Rispondimi
  • L’indifferenza