XOXO<small></small>
Rock Internazionale • Rock

The Jayhawks XOXO

2020 - Sham/Thirty Tigers

11/07/2020 di Pietro Cozzi

#The Jayhawks#Rock Internazionale#Rock #Mark Perlman #Gary Louris #Tim O`Reagan #Karen Grotberg #Minneapolis

Non è un mistero che i Jayhawks scontino da tempo il non facile confronto con il precoce culmine artistico della loro carriera, e che la perfetta autodefinizione di sé stessi raggiunta quasi vent'anni or sono con Hollywood Town Hall (1992) faccia ormai un po' rima con maledizione. C'è un momento nell'attacco di This Forgotten Town, brano di apertura di XOXO, in cui il “saltellare” del piano ci riporta reminiscenze lontane, come una dolce madeleine proustiana: il pensiero va a Benmont Tench e alle note geniali che fanno decollare Waiting For The Sun, e con esso tutto HTH. È una sensazione passeggera, un'emozione che svanisce in fretta, perché il resto del disco dirà poi tante altre cose (forse troppe) molto diverse, senza più tornare a quell'aureo modello alt-country, alla purezza delle origini, ma piuttosto proseguendo lungo le piste, già battute nell'ultimo scorcio della loro produzione (vedi il discreto Paging Mr. Proust del 2016, giusto per restare in tema...), che incrociano sonorità power pop, atmosfere westcostiane e una spruzzata di psichedelia.

La vera novità di questo XOXO è la sua atipica natura “assembleare”: per la prima volta tutti i componenti del gruppo contribuiscono sia alla scrittura dei pezzi che alle voci, dando vita a un pastiche non sempre riuscitissimo tra stili e timbri diversi, e la sensazione che resta alla fine è che manchi un vero filo conduttore. Dopo l'attacco di This Forgotten Town, che sicuramente tocca il cuore, il riff rumoroso e un po' facilone di Dogtown Days e il vispo ragtime piano-oriented di Living In A Bubble, il disco si accomoda quasi subito tra morbide armonie pop, spalmate un po' dappertutto, che guardano ai Byrds e soprattutto ai Beatles, senza dare la mai sensazione di incidere davvero e di aggiungere qualche pezzo memorabile al già corposo archivio dei nostri eroi, che magari “sembra ieri” ma hanno già alle spalle 35 anni di carriera. E se sicuramente può essere piacevole farsi cullare dalle malinconiche melodie di Homecoming, o di Society Pages, o di Illuminate – quest'ultima più screziata di psichedelia e dissonanze – la sensazione è quella di farsi trascinare soprattutto in un omaggio emotivo a cotanta gloriosa storia, in una sorta di mozione degli affetti nei confronti del quartetto Minneapolis.

Il mestiere certo si sente, come in tutte loro ultime produzioni, e non possiamo dimenticare di trovarci pur sempre di fronte a una delle migliori officine artigianali alt-country ancora a pieno regime, dove ancora si fa tutto a mano con perizia inveterata, un pezzo alla volta. Chi cerca quel tipo di arrangiamenti, quelle armonie, quella cura del dettaglio, quel particolare mix elettro-acustico, sa di trovare sempre pane per i suoi denti. Così è difficile rimanere indifferenti agli immortali accordi cristallini e alla melodia cosmica di Bitter Pill, o all'etereo valzerone folk di Down To The Farm, arricchito di delicati echi e di intrecci di chitarre, o al gospel-soul in chiave psichedelica di Little Victories, forse la traccia più interessante di XOXO, con uno smaccatissimo richiamo ai Beatles nel ritornello. Qui basso di Marc Perlman crea subito un'inedita atmosfera più scura, l'intreccio tra le voci sembra davvero riuscito e la chitarra di Louris, che si conferma interprete mai banale del suo strumento, svolazza che è un piacere.

Alla fine la domanda è: sapranno i Jayhawks rimettere ordine all'ultima fase della loro carriera, regalandoci ancora qualche sussulto vero, o dobbiamo accontentarci di questo più che dignitoso tramonto?

 

Track List

  • This Forgotten Town
  • Dogtown Days
  • Living In A Bubble
  • Ruby
  • Homecoming
  • Society Pages
  • Illuminate
  • Bitter Pill
  • Across My Field
  • Little Victories
  • Down To The Farm
  • Looking Up Your Number
  • Jewel Of The Trimbelle (bonus track)
  • Then You Walked Away (bonus track)
  • Hypocrite`s Lament (bonus track)

Articoli Collegati

The Jayhawks

Back Roads and Abandoned Motels

Recensione di Marcello Matranga

The Jayhawks

Hollywood Town Hall

Recensione di Marcello Matranga