No Coffee<small></small>
Italiana • Alternative

Stefanelli No Coffee

2021 - Dischi Rituali

15/07/2021 di Antonio Corcillo

#Stefanelli #Italiana#Alternative

No Coffee è il nuovo album di Stefanelli, musicista polistrumentista, autore e compositore, diplomato al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli in Musica Elettronica e Nuove Tecnologie, pubblicato da Dischi Rituali con distruzione Artist First lo scorso 16 aprile.

La traccia d’apertura, Dentro di me, racchiude tutti quei espedienti per vivere insieme ad altra gente, ma sempre mantenendo una certa distanza, come il traffico urbano, il grigiore metropolitano, i ritmi serrati della città, i muri di confine e il mito americano, la droga, l’assenza di tempo per lo svago. Batteria e synth creano un’atmosfera crepuscolare ad indicare una nuova strada per ricostruzione di una collettività unita, oggi indispensabile.

Proseguendo si trova Rondò, introdotta da percussioni, piatti ed altri suoni elettronici, si tratta di una dichiarazione d’amore immaginaria composta da figure insolite, quadri famosi, atmosfere cangianti e voli pindarici. È incantato nel vedere la sua dama ballare che non capisce se è lui che la segue, oppure viene inseguito. Ma si accorge che la festa è solo nella sua mente. Sul finale rivela che il coraggio lo spinge ogni giorno verso una danzante dama di corte, l’accompagnatrice perfetta per un’avventura onirica volteggiante che rompe gli schemi.

Controcorrente nasce dalla volontà di spezzare la monotonia dovuta al lockdown. Nel testo si ritrovano una serie di oggetti semplici e genuini che tante volte rischiano di perdersi come la birra, oppure il computer dove riesce a mettere a nudo, ad esprimere i propri sentimenti. Il piano distorto ben bilancia il ritmo della sezione ritmica senza mai prendere il sopravvento.

Con Na na na vuole ricordare quel motivetto che ripetiamo sotto voce quando la giornata è quasi giunta al termine, eppure senti di non aver fatto o detto tutto quello che volevi. La sua speranza è che la voce possa arrivare lontano, fino alle persone che ama come un abbraccio avvolgente e caloroso. I tasti della pianola, il basso e la batteria ondeggiano nel testo, mentre nel ritornello vi è solo la chitarra.

In Cassetta #1 No Coffee vuole ricordare l’oggetto su cui ha inciso le prime demo d’album. Le ritrova sparse ovunque, inspirandone l’intero lavoro. All’inizio del brano si avverte il classico suono dello stereo quando carica una musicassetta.

La canzone che chiude il disco è La rota, titolo che richiama quell’assenza di un qualcosa che non si riesce appagare. La rota è la mancanza dell’oggetto da cui deriva una dipendenza, ma può essere anche l’astinenza dal provare l’astinenza stessa che così prende forma e diventa una compagnia indesiderata, che ti accompagna nelle tue notti insonni. In un lento flusso di suoni ovattati in cui spiccano bassi e batteria, riaffiorano i soliti pensieri e credi di essere lontanissimo della Terra.

L’accettazione della noia e, al tempo stesso, la riscoperta della casa e del proprio peso sociale impongono di ascoltarlo senza fretta e senza la voglia di arrivare. No Coffee vuole far esprime tutte le anime di Stefanelli, convergendole in un unico universo.

Track List

  • Dentro di me
  • Rond&ograve;
  • Controcorrente
  • Cassetta #2 Licola
  • Na na na
  • Cassetta #1 No Coffee
  • La Rota